Dakota Suite & Quentin Sirjacq

There Is Calm To Be Done

2014 (Karaoke Kalk) | chamber-pop, chamber-folk, sadcore

Sembra che questo luglio abbia scelto come colonna sonora il nuovo prodotto di Chris Hooson e compagni, producendo tuoni lontani e scrosci di pioggia e pomeriggi uggiosi come in un normale novembre, trasportando anche il nostro mondo nella sempiterna malinconia di Leeds.
Dopo le collaborazioni soprattutto strumentali con Quentin Sirjacq (“ Valissa” e “The Side Of Her Inexhaustible Heart” del 2010 e 2011 rispettivamente), è la volta di produrre insieme un album a tutto tondo dei Dakota Suite, quelli che forse sono più entrati nel cuore degli ascoltatori: quelli con la voce, flebile e disperatamente emotiva, dello stesso Hooson.

È così che il post-rock cameristico, alla Balmorhea/Rachel’s, di “Committing To Uncertainty” si incastona alla perfezione nello struggimento slow-country di “This Is My Way Of Saying That I Am Sorry”, contrappuntato dall’impressionismo del dolce psych-folk parigino di “Flat Seat”, per adagiarsi poi nel jazz sussurrato e Eitzel-iano di “Dronning Maud Land”.
Una serie di emozioni stratificate e “invecchiate” come in un buon distillato si sprigiona nella timbrica inimitabile della band, tra brevi intarsi di pianoforte e sax, le spazzole sul rullante che accompagnano la mente e l’anima in un alieno torpore. Sboccia così la confessione dettata in una ninna-nanna di “The World Touches Me Too Hard”.

E come non sempre è capitato nei brani strumentali dei Dakota Suite anche gli strumenti sembrano interloquire, come in “Nothing Is Gone”, suggerendo dialoghi e mutamenti d’umore, senza limitarsi a una semplice rappresentazione descrittiva della malinconia.
Un lavoro decisamente incoraggiante per suggestione emotiva dopo il più narcolettico “An Almost Silent Life”.

(31/07/2014)



  • Tracklist
  1. This Is My Way Of Saying That I Am Sorry
  2. Flat Seat
  3. In The Stillness Of This Night
  4. Committing To Uncertainty
  5. Nu Dat Deze Dag Voorbij Is
  6. Dronning Maud Land
  7. Ask The Dusk
  8. Be My Love
  9. Nothing Is Gone
  10. The Tears That Bind Us To This Place
  11. The World Touches Me Too Hard
  12. There Is Calm To Be Done
  13. I Miss The Dust
Dakota Suite & Quentin Sirjacq su OndaRock
Recensioni

DAKOTA SUITE & QUENTIN SIRJACQ

Wintersong

(2016 - Schole Inc.)
Una raccolta piano e voce suggella il sodalizio tra Chris Hooson e il pianista francese

DAKOTA SUITE

An Almost Silent Life

(2012 - Glitterhouse)
La saga di Chris Hooson e compagni prosegue con un disco all'insegna della delicatezza

DAKOTA SUITE

The Hearts Of Empty

(2011 - Karaoke Kalk)
L'impenetrabilità emotiva di Chris Hooson, in un sorprendente disco chamber-jazz

DAKOTA SUITE

The End Of Trying

(2009 - Karaoke Kalk)
La desolazione emotiva di Chris Hooson in un inno all'incomunicabilità per piano e violoncello ..

DAKOTA SUITE

The Night Just Keeps Coming In

(2009 - Navigators Yard)
Le riuscite rielaborazioni in chiave minimale dell'ultimo lavoro di Chris Hooson e soci

DAKOTA SUITE

Waiting For The Dawn To Crawl Through And Take Away Your Life

(2007 - Glitterhouse)
Intima e raffinata malinconia nel ritorno di Chris Hooson

Dakota Suite & Quentin Sirjacq on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.