Liars

Mess

2014 (Mute Records) | techno-pop, elettronica, no-wave

Arrivati al settimo album in studio dopo quasi quindici anni di attività, i Liars hanno forgiato uno stile distintivo e una personalità riconoscibile. Sempre imprevedibili, intellettuali schizofrenici e fuori dagli schemi, hanno manipolato generi e stili giocando a nascondino con gli ascoltatori. Se gli esordi sorpresero per gli assalti no wave e una potenza espressiva impressionante, negli anni si sono progressivamente avvicinati a una struttura elettronica debitrice tanto al synth-punk dei Suicide, quanto ai ritmi dance della Ebm anni 90 che tanto faceva faville nei club vagamente dark di quei tempi, oltre ovviamente alla techno e in parte l'house. Nell'esibizione dal vivo vista sul finire del 2012, l'uso predominante di drum-machine e synth taglientissimi confermava la tendenza, i tre americani sapevano già dove volevano andare a parare. “Mess” è l'inesorabile, definitivo e completo approdo a questo stile, una personale e ulteriore definizione di punk.

Il nuovo lavoro dei losangelini gioca a essere un album dance senza esserlo mai definitivamente, mischia le carte buttando dentro versioni distorte del synth-pop, della techno e dell'elettronica in generale. Versioni dei Depeche Mode imbottiti di ansiolitici affiorano negli episodi più “pop” (il singolo di lancio “Mess On A Mission”, le bordate taglienti di “Vox Tuned D.E.D”), trasfigurazioni techno mischiano le carte virando verso lidi finora inesplorati dal gruppo (sia “Darkside” che “Mask Maker” ricordano The Architect), mentre i rimandi prettamente Ebm danno un esempio di cosa significhi il termine dance per i Liars (i giri circolari del synth di “I'm No Gold”, le stasi e le implosioni di “Pro Anti Anti”). La vena fortemente sperimentale della musica partorita dai “bugiardi” rimane nelle scomposte note che reggono la difficoltosa “Can't Hear Well”, nelle deliranti e dolorose sonorità della lunga “Perpetual Village”, oltre al finale “Left Speaker Blown”, nove minuti di catarsi malata, una purificante discesa agli inferi, il perfetto compimento che riesce contemporaneamente a spalancare le porte al nuovo rimanendo fedeli al passato.

Forse accolto in maniera incerta dai fan di vecchia data, “Mess” in un certo senso dà un calcio al passato senza rinnegarlo, impasta nuove tendenze e le centrifuga con il solito piglio iconoclasta. Dopo anni di sferragliate chitarristiche e drumming incessante, forse la via dell'elettronica potrà essere nuova linfa vitale per una band mai doma e sempre pronta a sorprendere.

(28/04/2014)



  • Tracklist
  1. Mask Maker     
  2. Vox Tuned D.E.D.     
  3. I'm No Gold     
  4. Pro Anti Anti
  5. Can't Hear Well     
  6. Mess On A Mission     
  7. Darkslide     
  8. Boyzone     
  9. Dress Walker     
  10. Perpetual Village     
  11. Left Speaker Blown
Liars su OndaRock
Recensioni

LIARS

TFCF

(2017 - Mute)
Angus Andrew affronta i propri demoni dopo la dipartita di Aaron Hemphill in quello che diventa il suo ..

LIARS

WIXIW

(2012 - Mute)
L'oscura poetica del post-apocalisse attraverso un sorprendente intimismo elettronico

LIARS

Sisterworld

(2010 - Mute)
Il nuovo rituale oscuro e apocalittico del terzetto newyorkese

LIARS

Liars

(2007 - Mute)
Abbandonato "Drum", la band newyorkese sfida i suoi nuovi spettri

LIARS

Drum's Not Dead

(2006 - Mute)

News
Liars on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.