Salvatore Sciarrino

Cantare con silenzio

2014 (Stradivarius) | contemporanea

Il siciliano Salvatore Sciarrino (1947) è senza ombra di dubbio uno dei più illustri e originali compositori italiani del secondo dopoguerra, insieme al fiorentino Sylvano Bussotti (1931), due grandi musicisti di cui possiamo andare sinceramente fieri. Esattamente come Bussotti, anche Sciarrino è riuscito a sviluppare un discorso stilistico completamente autoctono e personale, sovente illuminato da lampi di autentico genio musicale.
Il suo melodramma "Lohengrin" (1982), dove parodizza l'omonima opera di Wagner, riducendola sardonicamente a un gioco di maschere, o la "piece" per piano e orchestra "Un'immagine di Arpocrate" (1979) rimangono delle pietre miliari della moderna musica contemporanea.

Questo nuovo cd su Stradivarius raccoglie due suoi capolavori, "Cantare Con Silenzio" (1999) e "Berceuse" (1967), più la recente composizione "Libro Notturno delle Voci" (2009). Le registrazioni sono state effettuate dal vivo a Tokyo e a Roma (la registrazione di "Berceuse" è la prima mondiale in assoluto) e la direzione è stata affidata all'ottimo Marco Angius.

"Cantare Con Silenzio", per coro di sei elementi, flauto, percussioni ed elettronica, dimostra che ancora oggi la creatività del maestro palermitano non si è assolutamente sopita, sapendo esplorare nuovi territori con elementi sempre inediti. Nella composizione, divisa in cinque sezioni, vengono utilizzati dei testi di Michel Serres, Edgard Gunzig e Isabelle Stengers. "Omaggio a Michel Serres" è una cantata atonale, in cui musica gestuale e informale formano un insieme di grande suggestione. "Intermedio. L'orologio di Bergson" è in sostanza un pezzo virtuosistico per solo flauto (suonato magnificamente da Mario Caroli). Un accurato uso degli armonici e la sua personale estetica del suono (tendente a "sottrazione") confluiscono in "Immobile". Il mottetto per voci miste "Senza titolo" conduce direttamente a "Con furia", dove il climax raggiunge il suo massimo.

Il poema sinfonico "Berceuse" è il primo lavoro maturo di Sciarrino, dove vengono messe in luce le sue notevoli doti compositive, nonostante i debiti verso la musica informale di Aldo Clementi e della musica orchestrale di Stockhausen siano fin troppo evidenti. "Libro Notturno delle Voci", per flauto e orchestra, risulta invece leggermente meno interessante, nonostante anche qui, il compositore cerchi sempre di immettere nuova linfa nel suo (non) stile musicale. Si ascoltino, ad esempio, i versi dei buoi imitati dall'orchestra nel pezzo di apertura "In Val d'Abisso". Di certo, è una trovata singolare.

Salvatore Sciarrino è dotato tra l'altro di uno dei rari pregi che caratterizzano gli artisti autentici, ovvero quello di non prendersi mai troppo sul serio.

(24/09/2014)

  • Tracklist
Cantare Con Silenzio

  1. Omaggio a Michel Serres
  2. Intermedio. L'orologio di Bergson
  3. Immobile
  4. Senza titolo
  5. Con furia

Berceuse

  1. Berceuse

Libro Notturno delle Voci

  1. In Val d'Abisso
  2. Fauci dell'emozione
  3. Mario Caroli e l'iridescenza di un re
Salvatore Sciarrino su OndaRock
Recensioni

SALVATORE SCIARRINO

Pagine

(2016 - Stradivarius)
Una raccolta di brani classici rivisitati dal compositore palermitano

Salvatore Sciarrino on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.