The Soft Hills

Departure

2014 (Tapete) | alt-folk-rock

Garrett Hobba è una sorta di marchio di garanzia: dai tempi dell’esordio nel 2008 con “Painted World” ad oggi il cantautore di Seattle non ha sbagliato mai un colpo. Questa quarta prova è più una conferma che un passo in avanti, e se da un lato questo conforta (una specie di coperta di Linus in formato audio a cui ci si può rivolgere in ogni momento), dall’altro crea qualche dubbio. “The Bird Is Coming Down To Earth” del 2012, ad esempio, era un disco eccellente: trame psych-folk tipiche di Neil Young, riverberi autunnali degni di Fleet Foxes e i “padroni” dell’Americana che regnavano su tutto.

Qui molte atmosfere si ripetono: “Road To The Sun” pesca nella psichedelia anni 70, “Golden Hour” e “The Fold” nell’alt-rock che abbiamo amato tanto (Red House Painters e Death Cab For Cutie su tutti), “Here It Comes” abbraccia nuovamente i Fleet Foxes in una morbida stretta. Niente da eccepire, ma forse un pizzico di personalità in più aiuterebbe a fare quel balzo in avanti che album dopo album il pubblico si aspetta.

Concepito durante una lunga degenza che ha portato Hobba ad abbandonare l’amata Seattle in favore della California, “Departure” alterna momenti malinconici e riflessivi (“Belly Of A Whale”, perla indiscussa del disco, e “Blue Night”) a sprazzi di vigore che fanno sperare in un futuro più roseo (e nel caso specifico in un deciso miglioramento delle condizioni di salute dell’autore) quali la già citata “Road To The Sun” e la conclusiva “Stairs”, con le chitarre che prendono il controllo lì dove prima regnava la voce sottile e vagamente triste di Garrett.

Tra citazioni e rimandi Hobba porta a casa il lavoro, permette all’ascoltatore di vagare con la mente e aggiunge un tassello al grande mosaico dell’indie-folk-rock americano... ma siamo fiduciosi che in futuro potrà fare più di questo.

(18/09/2014)

  • Tracklist
  1. Golden Hour
  2. Black Flowers
  3. Road To The Sun
  4. The Fold
  5. White Queen
  6. Reverie
  7. How Can I Explain?
  8. Here It Comes
  9. Blue Night
  10. Belly Of A Whale
  11. Stairs
Soft Hills su OndaRock
Recensioni

SOFT HILLS

Go Under

(2016 - Self-released)
Torna la band di Garrett Hobba, più spiccatamente in orbita Radiohead

SOFT HILLS

Cle Elum

(2015 - Black Spring)
A seguito di "Departure" un'ispirata raccolta di demo casalinghe per la band di Garrett Hobba

The Soft Hills on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.