John Wiese

Deviate From Balance

2015 (Gilgongo Records) | sound collage, noise, elettroacustica

Personaggio di culto della scena noise/elettronica sperimentale, John Wiese aggiunge alla sua ormai sterminata discografia un lavoro imperfetto ma avventuroso. Assemblando sorgenti sonore e lasciandole vorticare nello spazio d’ascolto (l’iniziale “Wind Changed Direction” è, in tal senso, paradigmatica), Wiese costruisce partiture in cui la vita, nella sua nuda e cruda manifestazione, incontra la sua stessa rappresentazione, la sua evocazione per il tramite di manipolazioni più o meno spinte.

Se, quindi, “356 S Mission Rd” è sostanzialmente un’ipotesi di colonna sonora per un thriller psicologico tutto da scrivere, e se “Dramatic Accessories” getta nella mischia staffilate galattiche e pestaggi harsh-noise, i picchi di questa sintesi risultano essere “Segmenting Process For Language” (nelle sue due versioni – soprattutto la seconda, di ben oltre ventitré minuti di durata) e “Superstitious”: la prima, una miscela densissima di free-jazz e contraffazioni elettroniche che deve molto alle visioni dell’AACM (ne ritroveremo traccia anche in "Cafe Oto"); la seconda, un misterioso pulviscolo di criptica alienazione elettro-noise, non dissimile da alcune delle pagine più enigmatiche dei Faust dell’omonimo esordio.
Lasciano un po’ freddi, invece, una “Memaloose Walkman” che accosta field-recordings (una battuta di caccia?) e sparuti estratti radiofonici, i crepitii sinistri di “Battery Instruments (Stereo)” e le sempre più caotiche associazioni di “Solitaire”.

Al netto di qualche lungaggine di troppo, “Deviate From Balance” (disco in cui Wiese si è circondato di un bel gruppo di collaboratori, tra cui C. Spencer Yeh, Evan Parker, Ikue Mori, alcuni membri degli Smegma e della Los Angeles Free Music Society) restituisce comunque l’idea di un percorso artistico senza compromessi, in cui la difficoltà dell’ascolto è spesso ricambiata da purissime illuminazioni.

(24/03/2015)

  • Tracklist
  1. Wind Changed Direction
  2. 356 S Mission Rd
  3. Segmenting Process For Language
  4. Superstitious
  5. Cafe OTO
  6. Battery Instruments (Stereo)
  7. Memaloose Walkman
  8. Dramatic Accessories
  9. Solitaire
  10. Segmenting Process (Portland)

John Wiese su OndaRock
Recensioni

JOHN WIESE

Soft Punk

(2007 - Troublemn Unlimited)
Il peculiare concetto di punk del noise-composer americano

John Wiese on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.