Jeremy Tuplin

Jeremy Tuplin

Nuovi colori per il cantautorato inglese

intervista di Gianfranco Marmoro
Ciao Jeremy, è un piacere sentirci dopo il nostro incontro del 7 agosto ad Avellino, dove ho avuto la possibilità di ascoltare dal vivo la tua band. A un anno di distanza dal tour di “Pink Mirror”, hai già un nuovo disco sul mercato, quindi direi che va tutto bene?
Ciao Gianfranco, è molto bello parlarti dopo averti incontrato ad Avellino poco più di un anno fa. Ma sì, con il nuovo disco uscito da pochi mesi fa immagino che dal punto di vista musicale vada tutto bene.

Ricordo che in una delle tue prime interviste dopo l’uscita di “I Dreamt I Was An Austronaut” hai dichiarato: “Tendo ad annoiarmi abbastanza velocemente, mi piace pensare che non farei musica se non cercassi di offrire qualcosa di nuovo e diverso”. Devo dire che ascoltando i tre album finora pubblicati hai tenuto fede a questa tua dichiarazione. 
Sembra qualcosa che devo aver detto. Sono ancora d'accordo con questa affermazione e, ripensando agli ultimi tre album, hanno tutti avuto un certo carattere, diverso a modo loro. È bello sentire che sei d'accordo. Ciò su cui sto lavorando in questo momento, si spera, continuerà su quella linea. 
 
Sei un musicista eclettico e un ascoltatore attento al lavoro dei tuoi colleghi, tra le fonti d’ispirazione hai citato in passato Al Green, King Creosote, Leonard Cohen, Bill Callahan, Willy Mason, David Bowie, Andy Shauf. Al di là delle attitudini stilistiche, c’è un musicista al quale ti senti vicino, non necessariamente dal punto di vista musicale ma più dal punto di vista personale, interiore, culturale?    
Lo cito molto nelle interviste, credo, il musicista che mi viene in mente in risposta a questa domanda è Cass McCombs. Mi è stato chiesto di scrivere un articolo su un musicista per una pubblicazione online britannica e ho scritto di Cass, ma per quanto ne so non è mai stato pubblicato. Ma penso che parte di ciò che ho scritto fosse qualcosa del tipo che sento che il suo modo di scrivere offre una prospettiva del mondo che è simile alla mia - una prospettiva che oscilla tra qualcosa come l'assurdità e il surrealismo da un lato e la profonda riflessione introspettiva dall'altro. Scrive di politica, di argomenti che mi interessano, scrive con un senso dell'umorismo piuttosto insolito e, sai, dal punto di vista di un maschio bianco della classe media e consapevole di tutto ciò. La sua musica e la sua scrittura sono molto stratificate e sento di poter entrare in contatto con esse su molti livelli e trarre vari strati di piacere quando l'ascolto. Forse questo lo descrive meglio.
 
Ci racconti come è stata la tua esperienza con la Folkwit e se hai conoscenza dei veri motivi che hanno decretato  la chiusura della bizzarra etichetta inglese?  
Penso che il mio album di debutto "I Dreamed I Was An Astronaut" sia stato l'ultimo disco che hanno pubblicato, quindi forse ha qualcosa a che fare con questo. Ma in realtà, per quanto ne so, era dovuto a ragioni finanziarie e personali. Sono grato a loro per aver messo la mia musica nel mondo all'inizio della mia carriera.
 
Jeremy TuplinNell’arco dei tre album il sound dei tuoi dischi è diventato sempre più corposo, solido, meno onirico e vicino alla dimensione live della tua band, è stata una scelta o un’evoluzione nata sul campo? 
Immagino sia un po 'entrambe le cose. Una volta che la band si è formata e stavo suonando con loro più regolarmente, forse è diventata una cosa inconscia, tendo a scrivere molte canzoni con questo in mente, con la consapevolezza che mi esibirò e che eseguirò le canzoni in una situazione live. Significa che c'è molta più diversificazione nella scrittura delle canzoni - canzoni più tranquille, canzoni più forti, più veloci, più lente - e mi piace questo processo, così come la dimensione extra che offre suonare dal vivo con la band. Ma allo stesso tempo mi sento come se stessi seguendo sempre un processo creativo molto naturale, quasi senza pensare o prendere altro in considerazione, seguendo solo dove mi portano gli impulsi. E, soprattutto, per me, senza preoccuparmi delle aspettative degli altri, forse è per questo che ogni album è un po 'diverso dall'altro. Quindi è davvero un misto di tutto.
 
Dovendo scegliere per ogni album un brano rappresentativo della tua musica, quali sceglieresti e perché? 
Questa è una domanda interessante. Penso che per "I Dreamt I Was An Astronaut", dovrei optare per "Astronaut" - dal punto di vista dei testi è piuttosto ampio, in modo simile all'album stesso, coprendo argomenti legati all'evasione. Posso solo presumere che a quel punto soffrissi di nozioni che avevano a che fare con la fuga dal pianeta Terra, forse questo è molto riconoscibile. E dal punto di vista sonoro era molto onirico, con molti synth stratificati e così via, era una caratteristica importante di quell'album. Per "Pink Mirror" direi "Humans", nel senso che riconosce tutti gli aspetti negativi dell'umanità di cui ho parlato in tutto l'album, offrendo allo stesso tempo una sorta di luce o speranza, o persino fede nell'umanità. Non so come mi sento al momento. Ma quello che posso dire è che penso che questa sia una canzone sulla natura e contro l'educazione, credo che l'educazione sia il fattore predominante per capire come sono realmente le persone, nella misura in cui tutto è riscattabile, ed è un po' quello che io dico in "Humans".
Per "Violet Waves" è più difficile inventare una canzone rappresentativa perché, intenzionalmente, ogni canzone è molto diversa - volevo consapevolmente avere la libertà di scrivere su qualsiasi cosa mi venisse in mente, invece di collegare le canzoni a un concetto, come in "Pink Mirror". Ma andrò con "Back From The Dead". Ho sempre pensato che questa fosse la canzone principale di questo album e ha un elemento di surreale o assurdo, così come temi d'amore in senso sia romantico che olistico, e se c'è qualcosa che collega le canzoni in tutto l'album sono proprio quei sentimenti.
 
Nonostante una certa vulnerabilità e introspezione del tuo stile di scrittura, le tue canzoni sembrano avere una loro personalità, uno spessore emotivo complesso ma vivido, nitido. Ho l’impressione che al di là della ricca messa in opera dei tre album, il tuo intento sia quello di non restare ai margini della musica pop-rock, che il ruolo di artista cult non sia il tuo obiettivo, una progettualità che “Violet Waves” sembra rafforzare con molta convinzione. 
Grazie. Forse hai ragione, immagino che in qualsiasi campo l'obiettivo sia che il tuo mestiere diventi il tuo sostentamento. Ho quell'aspirazione e non ha davvero a che fare con la fama o l'adulazione, forse lo è a un certo livello, non negherò la possibilità, ma penso che sia più l'opportunità di essere in grado di sostenermi finanziariamente solo attraverso la cosa che amo fare: scrivere canzoni. Tuttavia sono davvero molto contento della mia vita, almeno al momento. Non vedo il raggiungimento di quell'obiettivo come una soluzione definitiva, è solo che immagino che dobbiamo avere degli obiettivi nella vita e creare musica è il modo migliore in cui posso pensare di passare il mio tempo.
 
Rosa, Viola... I colori sembrano al centro delle tue stagioni emotive e creative, c’è anche un po’ di surrealismo in questa scelta dei colori, un legame con quel mondo onirico che in un certo modo differenzia la tua musica da altri autori contemporanei, è qualcosa di cui sei consapevole o è un elemento casuale?
Penso che sia più una coincidenza, principalmente. Il rosa aveva molto a che fare con il concetto specifico di "Pink Mirror", mentre il viola è più vago. È più una sensazione, legata a nozioni sinestetiche. A volte il colore aiuta a incapsulare nozioni astratte - sentimenti, emozioni per esempio, in un modo che le parole non possono fare. Sai nel modo in cui i pittori, gli artisti sono in grado di esprimere o trasmettere qualcosa di molto evocativo usando il colore. La musica, penso, può fare qualcosa di simile.
 
Ho notato che ogni volta che pubblichi un nuovo disco, sei già in possesso di nuove canzoni per il successivo progetto? Anche questa volta hai già un buon  numero di canzoni pronte? E, se sì, in cosa si differenziano da quelle incluse in “Violet Waves”
Sì, sarebbe vero. Il tempo che intercorre tra la fine della scrittura e la registrazione di un disco e poi la sua pubblicazione può essere piuttosto lungo, almeno un numero di mesi. Ho finito di registrare "Violet Waves" a febbraio e l'abbiamo pubblicato ad agosto. Non direi che scrivo continuamente, ma ho ricominciato e ho trovato una struttura per scrivere e creare un nuovo album poco dopo che siamo stati chiusi a Londra a marzo. Non è ancora finito e non voglio entrare in troppi dettagli, ma direi che è molto diverso da "Violet Waves" in termini di suono e contenuto lirico.

La Brexit e la pandemia causata dal Covid-19 stanno modificando non poco il mercato della musica e dunque anche dei concerti, quest’ulteriore crisi quanto peserà secondo te sul futuro di artisti che non godono di visibilità ?
È difficile, entrambe le questioni rendono molto più difficile fare tournée in Europa.  C'è pochissimo sostegno, non si vede il desiderio di sostenere l'industria musicale, e le arti in generale, da parte dell'attuale governo del Regno Unito. È molto miope, di mentalità monetaria, è come se il nostro non fosse visto come un settore redditizio e ritenuto quindi non importante. Il che è anche falso, ma a parte l'economia, capisco che potrebbe non essere così semplice attribuire un valore alle arti: il suo valore per la vita umana non è qualcosa che può essere discusso in termini puramente finanziari, tuttavia sono sicuro che negli indici di qualità della vita puoi scoprire che le città con più cultura hanno prestazioni molto migliori. Temo davvero per il futuro della cultura, è una questione che coinvolge tutti, la felicità di tutti, non solo dei creatori, e questo è il livello di comprensione dal quale affrontare il problema. Una vita senza cultura è molto miserabile, la cultura è un aspetto vitale dell'esistenza umana.
 
Molti ritengono che perfino la funzione della critica musicale sia sempre meno rilevante, il web è ricco di opinioni e di comunicati stampa spacciati per recensioni, qual è la tua opinione in proposito? 
Penso che le persone che sono veri fan della musica leggono e leggeranno sempre buone pubblicazioni musicali come fonte di nuovi consigli musicali. Ovviamente ci sono molte più strade nel digitale: Spotify ha cambiato il modo in cui le persone consumano e trovano nuova musica, ma credo che ci sarà sempre spazio per la critica musicale da parte di pubblicazioni rispettate. Penso che sia molto importante anche avere un qualche tipo di critica oggettiva in un campo ritenuto così soggettivo. Nel Regno Unito una delle mie pubblicazioni preferite, Loud & Quiet Magazine, ha avuto una campagna di successo per assicurarsi il futuro facendo appello ai lettori attuali e ai nuovi lettori affinché si abbonassero alla rivista. Penso che sia un esempio positivo.
 
Il tuo stile chitarristico è cristallino, limpido eppur corposo intenso e ricco di sfumature noir, qual è il tuo segreto e cosa ti piacerebbe migliorare del tuo modo di suonare? 
Ah beh, sono contento che tu lo pensi. Ci sono molte cose su cui vorrei migliorare. In realtà durante il lockdown ho iniziato a prendere lezioni su Zoom da Samuel Nicholson, il chitarrista principale di The Ultimate Power Assembly, che hai anche incontrato, ovviamente. Penso che lui sarebbe una persona migliore a cui fare questo tipo di domande, ad essere onesti.
 
Jeremy TuplinTi propongo un giochino dove tra due artisti devi sceglierne solo uno e perché: David Bowie o Bryan Ferry, Syd Barrett o Nick Drake, Leonard Cohen o Bob Dylan.
Ok i primi due sono facili: David Bowie e Nick Drake. Bowie è uno dei miei eroi di tutti i tempi, indiscutibilmente una mia influenza - anche se non proprio nel senso spazio/cosmico che le persone pensano, più in senso artistico e musicalità generale - mentre la musica di Brian Ferry è qualcosa che conosco solo come sottofondo, per essere onesti. Mi piacciono molte canzoni di Syd Barrett e dei Pink Floyd, ma non mi definirei un grande fan, mentre gli album di Nick Drake quando li ho trovati da adolescente sono stati una grande scoperta per me. Cohen vs Dylan è davvero difficile, in realtà è davvero impossibile. Ho più affetto nei confronti di Leonard, sono più propenso a cantare o fare una cover personale delle sue canzoni rispetto a Dylan, e ho pianto quando è morto. Mentre Dylan è l'uomo, ha questo ineguagliabile canone della canzone, uno dei cantautori più importanti, originali e influenti di tutti i tempi. Immagino che debba essere Dylan.
 
E’ vero che da ragazzo sognavi di far parte degli Strokes? E' ancora il tuo sogno o hai cambiato band?
Ah, sì, credo che sia vero. Ho adorato i primi due album degli Strokes, e penso di amarli ancora. Ma i miei gusti si sono evoluti e inoltre non provo più quel tipo di sentimenti, di voler essere qualcuno o in qualsiasi band. Ad essere onesti, sono abbastanza felice, persino privilegiato, di essere il cantante principale con The Ultimate Power Assembly. Ok, forse The Bees se stanno ancora suonando.
 
Nelle tue canzoni c’è sempre un richiamo alla natura, al mondo vegetale e animale, ti senti coinvolto dalla passione per l’ecologia di molti tuoi colleghi? 
Di recente sono diventato un giardiniere, come una specie di lavoro part time. Mi sono reso conto che stare fuori e lavorare nella natura è qualcosa che mi sembra molto, sai, naturale. Ma nella musica ho scritto molto su questioni come il cambiamento climatico, come in "Gaia", per esempio. Questa è una delle mie canzoni preferite, se posso dirlo. E, sì, immagino di aver avuto la tendenza a includere immagini di piante e animali in canzoni apparentemente non correlate all'amore, ad esempio, come in "Killer Killer". Per me è tutto integrato, tutto correlato. Nessuna di queste cose esiste senza l'altra. Gli esseri umani non esistono in un vuoto che non necessita di un pianeta sano e di un ecosistema prospero: ne prendi un pezzo e tutto inizia a cadere a pezzi. E ovviamente anche il cosmo è incluso in tutto questo. È tutto uguale.
 
Un'ultima domanda che credo interessi molto i lettori di OndaRock: hai spesso dichiarato alla stampa estera che la tournée italiana è stata una delle esperienze più belle della tua attività live, deduco che finita la pandemia vorrai tornare a ripetere questa esperienza... E ci racconti la cosa più divertente o curiosa che ricordi dell’Italia?
Sì, ci piacerebbe tornare di nuovo in tour in Italia. Dovevamo tornare a fine ottobre, novembre, ma purtroppo non accadrà. Si spera di riprogrammare il prima possibile l'anno prossimo, se le circostanze lo consentono. Ti sembrerà strano, ma siamo rimasti davvero piacevolmente sorpresi dal livello di ospitalità ovunque siamo stati in Italia. Voglio dire, le persone sono molto gentili con noi quando siamo in tour nel Regno Unito, ma non è la stessa cosa. In Italia abbiamo avuto la sensazione di essere davvero accuditi, apprezzati, e ne siamo rimasti davvero sorpresi, ovviamente in modo simpatico. Era evidente ovunque, ma la differenza tra il Regno Unito e l'Italia diventava particolarmente netta man mano che ci spingevamo più a Sud. Quando siamo arrivati a Vallo Della Lucania ci siamo sentiti come dei piccoli principi e ad essere sinceri ci è piaciuto moltissimo.
 
Grazie Jeremy, nella speranza di re-incontrarci al più presto 
Grazie Gianfranco, è stato un piacere parlare con te.


Discografia
 I Dreamt I Was An Astronaut  (Folkwit, 2017)7,5 
 Pink Mirror (Trapped Animal, 2019)   8 
 

Violet Waves (Trapped Animal, 2020)    

7,5 
pietra miliare di OndaRock
disco consigliato da OndaRock

Jeremy Tuplin su OndaRock
Recensioni

JEREMY TUPLIN

Violet Waves

(2020 - Trapped Animal)
Con il terzo album, il musicista inglese infrange il muro tra status cult e protagonista in prima linea ..

JEREMY TUPLIN

Happiness

(2020 - Trapped Animal)
Breve compendio al disco "Violet Waves" per il cantautore del Somerset

JEREMY TUPLIN

Pink Mirror

(2019 - Trapped Animal)
Uno specchio rosa come filtro per un insolito folk-pop cantautorale

JEREMY TUPLIN

I Dreamt I Was An Austronaut

(2017 - Folkwit)
Un omaggio a Bowie nell'esordio del folksinger inglese innamorato di Cohen e Dylan

Speciali

Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.