10/02/2020

Editors

Atlantico Live, Roma


di Claudio Lancia e Giulia Quaranta
Editors

Ci hanno abituati a frequenti passaggi dalle nostre parti, ma stavolta, ancor più che in passato, l’evento diviene una vera e propria celebrazione. Sì, perché questo giro di date è stato pensato per promuovere la pubblicazione di “Black Gold”, la prima retrospettiva ufficiale degli Editors. E quando c’è di mezzo un “greatest hits”, chiamiamolo così, meglio non perdere l’occasione, specie al cospetto di formazioni che non hanno dato il meglio di sé con i lavori più recenti e vengono ricordate dai più in particolare per gli album legati alla prima fase della carriera.

Atlantico sold-out da settimane, oltre tremila presenti, per l’occasione viene consentito l’accesso del pubblico anche al piano superiore. Ad aprire la serata provvedono i Junodef, trio svedese al femminile che porta in dote melodie gelide e incolori, con “chiari” riferimenti al materiale di Chelsea Wolfe e Zola Jesus. Mezz'oretta con giusto un paio di tracce meritevoli di essere ricordate, poi cambio palco e alle 21 in punto, proprio come previsto, con tempistica quasi londinese, entrano in scena gli Editors.

Senza un nuovo disco da promuovere, come dicevamo, il quintetto può concentrarsi sul materiale più datato, ripescando in particolare dai primi due lavori, “The Back Room” e “An End Has A Start” quelli più “chitarristici”, tanto che totalizzeranno ben 13 canzoni eseguite sulle complessive 24. Soltanto le briciole ai capitoli più recenti, con appena sei brani estratti dai tre album post-Urbanowicz. Il concerto è idealmente suddiviso in sezioni, con una prima parte più diretta, partendo proprio da “An End Has A Start” e passando attraverso una micidiale versione di “Escape The Nest” e l’avvolgente abbraccio di “Sugar”, tre fra gli highlight dell’intero concerto.

Poi lo scenario muta, e il trittico “Violence”-“Frankenstein”-“Papillon” trasforma l’Atlantico in una gigantesca discoteca, sottolineando - e collegando fra loro in sequenza - i diversi frangenti della carriera nei quali la band di Birmingham ha optato per i synth e per i ritmi ballabili. Segue il momento intimista, con la dolcezza di “Ocean Of Night” e una “The Weight Of The World” resa in acustico dal solo Smith, voce e chitarra. Si resta quasi commossi al cospetto dell’incorrotta genuinità di Tom, che rispetto al passato bada zero alle pose da popstar (stasera niente giubbotti di pelle e occhialoni da sole) e si lascia andare in danze stravaganti, ricorrendo a vezzi vocali mai stucchevoli.

Nella seconda metà del set altro cambio di scena, arrivano gli inni da stadio molto U2-style di “Ton Of Love” e “Formaldehyde”, i corpi riprendono a muoversi, e la band mostra grande coesione. Del resto gli Editors hanno sempre dato il meglio nella dimensione live, lì dove il carisma e l'energia hanno la meglio sulle sofisticazioni che non di rado caratterizzano i loro dischi.
Quattro i brani riservati per i bis, con chiusura affidata alle sferzate di “The Racing Rats” e “Munich” e al brano più epico della loro discografia: “Smokers Outside The Hospital Doors”. Saluti di rito, inchini, ringraziamenti, e giù il sipario.
Seguiranno due serate consecutive all’Alcatraz di Milano, e poi via con il resto d’Europa, prima di sentirsi pronti ad affrontare le registrazioni di quello che sarà il loro settimo album.

Setlist
An End Has A Start
Bullets
Bones
Escape The Nest
Magazine
Sugar
Upside Down
Violence
Frankenstein
Papillon
Ocean Of Night
The Weight Of The World
Spiders
Ton Of Love
Formaldehyde
Eat Raw Meat = Blood Drool
Blood
Fingers In The Factories
Walk The Fleet Road
You Are Fading
.... ....
Distance
The Racing Rats
Munich
Smokers Outside The Hospital Doors
Editors su OndaRock
Recensioni

EDITORS

You Are Fading Vol. 3 & 4

(2020 - PIAS)
Due raccolte di bonus e outtake del periodo 2005-2010, già contenute nel boxset "Unedited"

EDITORS

You Are Fading Vol. 1 & 2

(2020 - PIAS)
Due raccolte di bonus e outtake del periodo 2005-2010, già contenute nel box-set "Unedited"

EDITORS

The Blanck Mass Sessions

(2019 - PIAS)
Sette brani di "Violence" più l'inedito "Barricades", nelle versioni inizialmente concepite con ..

EDITORS

Black Gold

(2019 - PIAS)
Dopo quindici anni di carriera e sei album, prima retrospettiva arricchita da otto tracce unplugged

EDITORS

Violence

(2018 - Pias)
Sesta convincente prova discografica per una band in continuo movimento

EDITORS

In Dream

(2015 - Pias)
Il deciso ritorno verso atmosfere wave nel quinto album della band di Tom Smith

EDITORS

The Weight Of Your Love

(2013 - Pias)
Quarto album per la band di Birmingham che si apre definitivamente all'arena (wave) rock

EDITORS

In This Light And On This Evening

(2009 - Pias)
Per il terzo album la band britannica sterza decisamente in territori synth-pop

EDITORS

An End Has A Start

(2007 - Kitchenware)
Dopo "The Back Room", ancora umori torvi per i quattro di Birmingham

EDITORS

The Back Room

(2005 - Kitchenware / Self)
Il debutto a tinte fosche della band di Birmingham, nel solco dei Joy Division

News
Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.