Coldplay

A Rush Of Blood To The Head

2002 (Emi) | pop

Il secondo disco dei Coldplay era molto atteso: il precedente "Parachutes" aveva fatto cantare, fischiettare, immalinconire o innamorare tante persone non solo oltremanica, che avevano bisogno della ricetta semplice ma eseguita in maniera impeccabile dal quartetto londinese. Chi frequenta, in qualsiasi maniera, l'ambiente degli appassionati di rock sa però con quale diffidenza vengono osservate le opere in cerca di conferma di un gruppo come i Coldplay, diffidenza in parte giustificata dalle tante fregature che le orecchie (e i portafogli...) dei suddetti hanno subito negli ultimi anni; le cronache, e le sincere ammissioni dei nostri nelle interviste, dimostrano che le difficoltà ci sono state, si parla di canzoni ripensate e reinterpretate e di conseguenza reincise. Il successo è un peso, e agire fuori dal contesto che si era creato intorno a loro, per questi quattro ragazzi era un'impresa non facile.

Ma se ci si avvicina al nuovo lavoro dei Coldplay come se fosse il disco di un gruppo qualsiasi, con una giusta dose di obbiettività, ci si può rendere conto che, ad esempio, il singolo "In My Place", pur nella palese mancanza di originalità e pur non raggiungendo il valore di quella "Yellow" li lanciò due anni orsono, non è poi malvagio, grazie soprattutto alla voce di Chris Martin che è davvero bella. Proseguendo lungo l'album ci si rende conto di come effettivamente il lavoro in studio sui brani sia stato meticoloso e certosino, una cosa che probabilmente ha fatto perdere un po' di spontanea freschezza ai brani. Non è venuta meno, però, la capacità dei Coldplay di suonare e cantare belle e semplici melodie, e di saperle interpretare usando i toni giusti; ne consegue che "A Rush Of Blood To The Head" è un disco che cresce con l'aumentare degli ascolti, dove forse per qualcuno invece "Parachutes" soffriva della sindrome contraria.

Così ci si può lasciar ammaliare dalla tenera malinconia di "Warning Sign", dal perfetto equilibrio della struggente title track, e da brani più cupi e potenti come l'iniziale "Politik" e quella "A Whisper" che tradisce qualche credito agli U2. Certo sono canzoni, semplici, magari non originali e di maniera, ma se alla musica a volte non chiedete necessariamente di farvi stupire o novità all'ultimo grido, questo può essere il vostro disco.

(26/10/2006)

  • Tracklist
  1. Politik
  2. In My Place
  3. God Put A Smile Upon Your Face
  4. The Scientist
  5. Clocks
  6. Daylight
  7. Green Eyes
  8. Warning Sign
  9. A Whisper
  10. A Rush Of Blood To The Head
  11. Amsterdam
Coldplay su OndaRock
Recensioni

COLDPLAY

A Head Full Of Dreams

(2015 - Parlophone)
Confezione sgargiante ma troppe canzoni scolorite nel lavoro più sbarazzino del quartetto

COLDPLAY

Ghost Stories

(2014 - Parlophone)
I dolori del giovane Martin nel nuovo capitolo della saga malinconica

COLDPLAY

Mylo Xyloto

(2011 - Parlophone)
Il ritorno di Chris Martin e soci, esitante, indeciso, uguale ma diverso. E riuscito

COLDPLAY

Viva La Vida (Or Death And All His Friends)

(2008 - Capitol)
L'atteso ritorno di Martin & C., sotto l'egida di Brian Eno

COLDPLAY

X & Y

(2005 - Capitol)

COLDPLAY

Parachutes

(2000 - Emi)

COLDPLAY

Parachutes

(2000 - Parlophone)
L'esordio di Chris Martin & C., là dove il britpop risorge dalle ceneri e dà il La ..

News


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.