Mark Lanegan

Bubblegum

2004 (Beggars Banquet) | songwriter

Sesto album per Mark Lanegan, secondo a nome della Mark Lanegan Band, "Bubblegum" era stato anticipato in ottobre 2003 dall'Ep "Here Comes That Weird Chill" e doveva segnare quasi una svolta nella discografia del cantautore di Ellensburg; se, però, le otto tracce dell'Ep si dimostravano azzeccate e perfettamente amalgamate nel loro insieme, lo stesso non si può dire di questo disco.
Laddove nell'Ep l'alternanza tra il Lanegan cantore di folk-blues oscuro e rarefatto e la M. L. Band dal suono rock figlio dell'esperienza con i Queens Of The Stone Age funzionava sia nella singola traccia che nel complesso, in "Bubblegum" questa risulta essere una dicotomia troppo marcata e che rischia di adombrare un lavoro a tratti magnifico, nel quale si possono trovare pezzi tra i migliori dell'intera discografia dell'ex-Screaming Trees.

Esaminando il trittico iniziale, risulta per esempio che stona l'inserimento della movimentata "Hit The City" (primo dei due episodi in duetto con PJ Harvey) tra la lancinante e autobiografica marcia di "When Your Number Isn't Up" e la ballata ipnotica "Wedding Dress"; lo stesso dicasi per le differenze troppo sostanziali tra le splendide rarefazioni gospel di "Strange Religion" e il rock un po' facilone di "Sideways In Reverse".

Come nell'Ep, anche in questo album si trovano eccellenti apparizioni di artisti/amici (oltre alla già menzionata Harvey, ci sono Greg Dulli, due membri dei Queens Of The Stone Age, Homme e Olivieri, e due ex Guns 'n' Roses, Duff McKagan e Izzy Stradlin) ma, a dispetto di questo, alcune delle migliori cose di "Bubblegum" sono da ricercare nelle tracce confezionate con l'apporto solo (o quasi) del co-produttore Alain Johannes.
Colpiscono nel segno l'inquieta e disordinata "Can't Come Down", la suggestiva ballata "Morning Glory Wine", i giri di chitarre della sincopata "Head" e anche "Driving Death Valley Blues", miglior episodio di Queens of the stone age sound costruito paradossalmente senza l'apporto né di Homme né di Olivieri.

Qualora poi si pensasse che la nuova strada di Lanegan debba trovarsi dalle parti delle Desert Session o di "Songs For The Deaf", è allora il caso di ascoltare con attenzione "Like Little Willie John", probabilmente l'episodio migliore di "Bubblegum", dove l'ex-Screaming Trees si cala nel ruolo a lui più congeniale di storyteller di frontiera, creando una ballata folk dalle atmosfere senza tempo.

In conclusione questo "Bubblegum" risulta un buon disco, sicuramente inferiore ai precedenti lavori di Lanegan e forse penalizzato da pezzi poco riusciti o superflui, ma ennesima conferma del talento solista del cantante di Ellensburg e ulteriore tassello in una discografia finora inappuntabile.

(19/12/2006)

  • Tracklist
  1. When Your Number Isn't Up
  2. Hit The City
  3. Wedding Dress
  4. Methamphetamine Blues
  5. One Hundred Days
  6. Bombed
  7. Strange Religion
  8. Sideways In Reverse
  9. Come To Me
  10. Like Little Willie John
  11. Can't Come Down
  12. Morning Glory Wine
  13. Head
  14. Driving Death Valley Blues
  15. Out Of Nowhere
Mark Lanegan Band su OndaRock
Recensioni

MARK LANEGAN BAND

Somebody's Knocking

(2019 - Heavenly)
Il crooner di Ellensburg oltre il grunge, tra blues, synth-pop, chitarre e beat

MARK LANEGAN BAND

Gargoyle

(2017 - Heavenly)
Dieci nuove tracce scritte con Rob Marshall e Alain Johannes. Ospiti Josh Homme, Greg Dulli, Duke Garwood ..

MARK LANEGAN BAND

A Thousand Miles Of Midnight: Phantom Radio Remixes

(2015 - Heavenly)
L'ex-leader degli Screaming Trees gioca a farsi remixare i brani di "Phantom Radio"

MARK LANEGAN

Has God Seen My Shadow? An Anthology 1989-2011

(2014 - Light In The Attic)
La storia di uno dei grandi interpreti della musica folk-blues in un'antologia

MARK LANEGAN

Phantom Radio

(2014 - Heavenly / PIAS Cooperative)
Il cantautore americano festeggia gli imminenti 50 anni con un nuovo album, dove tornano suoni wave

MARK LANEGAN & DUKE GARWOOD

Black Pudding

(2013 - Heavenly)
Dalle parti delle "Field Songs", con meno meraviglia e pił umanitą

MARK LANEGAN

Imitations

(2013 - Vagrant)
L'interprete di "I'll Take Care of You" lascia il posto a un imitatore

MARK LANEGAN BAND

Blues Funeral

(2012 - 4AD)
Dopo otto anni torna l'ex-Screaming Trees, tra il solito folk-blues tinto di nero e nuove infatuazioni ..

News
Live Report
Speciali

Mark Lanegan on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.