Saeta

We Are All Waiting for Hope

2005 (Ghost Records) | pop

Appena ho aperto la copertina del cd e letto il nome di Steve Albini in qualità di produttore, mi sono domandata se i Saeta si fossero dati al rock estremo.
Invece, fortunatamente, è Steve Albini che si è dato al malinconico pop d'autore di sui i Saeta sono degni esponenti.

"We Are Waiting All for Hope" (uscito a metà 2004 negli Stati Uniti e ora distribuito anche in Europa) è il quarto album del gruppo originario di Detroit con base a Seattle dal 1998.
Per questa nuova prova i Saeta (che hanno preso in prestito il loro nome un canto popolare andaluso che serviva ad accentuare la devozione alla penitenza in occasione della Via Crucis) hanno ridotto la loro formazione all'osso prevedendo, oltre alla dolce voce di Leslie Wood che si alterna a quella baritonale di Matt Menovcik, il piano (suonato dalla Wood), una chitarra acustica (a cura di Menovcik) e un violoncello (Bob Smolenski), lasciando a riposo assoluto la batteria.
Il duetto iniziale di "Can You Forgive" è solo il primo degli intensi brani dei quali si riempie il disco, il cui unico protagonista rimane il pianoforte e dove tutto il resto sembra essere lì solo per fargli da spalla, in un contesto estremamente minimale.
La voce della Wood incanta l'ascoltatore in "Grand Canyon" (cover del brano dei Magnetic Fields) e "Tonight I'll Have To Dream You Here", mentre un altro duetto, "Anywhere But Here", attenua l'atmosfera malinconica che pervade tutto il disco.
Le punte di intensità intimista vengono raggiunte verso la fine, con il terzo duetto, "Alright", e una commovente versione di "Last Night I Dreamt That Somebody Loved Me" degli Smiths.
Per chi rimpiange i Rachel's.
I Saeta non avrebbero potuto fare di meglio.
Un trionfo, là dove Suzie Higgie e Conway Savage (con il loro "Soon Will Be Tomorrow" del 1998) sono riusciti a deludere.

(02/08/2006)

  • Tracklist
  1. Can You Forgive
  2. Grand Canyon
  3. You Fade
  4. Anywhere But Here
  5. Tonight I'll Have To Dream You Here
  6. Not For Today
  7. Alright
  8. Last Night I Dreamt That Somebody Loved Me
  9. Everything
Saeta su OndaRock
Recensioni

SAETA

Else Another Light Might Go Out

(2009 - Tarnished)
Il ritorno di una band americana "di culto" con i suoi interecci melodici dalle sfumature ..



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.