Marc Almond

Stardom Road

2007 (Sanctuary Records) | pop

Se l'è vista brutta Marc Almond. Un incidente stradale, tre anni or sono, quasi si portò via una delle più belle voci di sempre del pop britannico. Ma lui qualche mese dopo era già in giro per club coi suoi dj set, e poi di nuovo sul palco a tessere la tela delle sue svariate collaborazioni. Il risultato di questo periodo a dir poco travagliato è un album di cover (ad eccezione di "Redeem Me" che porta la sua firma), in cui il nostro passa in rassegna con piglio da crooner e arrangiamenti orchestrali retrò alcune delle sue innumerevoli infatuazioni: da Dusty Springfield di "I Close My Eyes And Count To Ten", a Charles Aznavour di "I Have Lived".

A timbrare l'operazione non fa difetto il gusto, né l'indiscusso talento vocale, e purtroppo nemmeno alcuni passaggi sopra le righe (la sinatriana "Strangers In The Night" ce la si poteva francamente risparmiare), né l'immancabile flirt con Antony Hegarty, che ha ormai fatto del duetto una sua ragione di vita. Disco senza particolare infamia, anzi incline ad ascolti disimpegnati, e con la lode dovuta a un gradito ritorno.

(08/11/2007)



  • Tracklist
  1. I Have Lived
  2. I Close My Eyes And Count To Ten - (with Sarah Cracknell)
  3. Bedsitter Images
  4. The London Boys
  5. Strangers In the Night
  6. The Ballad Of The Sad Young Men (with Antony Hegarty)
  7. Stardom Road
  8. Kitsch
  9. Backstage (I'm Lonely) - (with Jools Holland)
  10. Dream Lover
  11. Happy Heart
  12. Redeem Me (Beauty Will Redeem The World)
  13. The Curtain Falls
Marc Almond su OndaRock
Recensioni

MARC ALMOND

Shadows And Reflections

(2017 - BMG)
Il viaggio nostalgico del musicista inglese nel canzoniere pop degli anni 60 e 70

MARC ALMOND

Stranger Things: Deluxe Edition

(2010 - Cherry Red)
Ristampa per collezionisti dell'album del 2001 prodotto da Jóhann Jóhannsson ..

MARC ALMOND

VarietÚ

(2010 - Strike Force)
Dopo molti anni l'ex-Soft Cell pubblica un album di brani scritti di proprio pugno

MARC ALMOND

Orpheus In Exile: The Songs Of Vadim Kozin

(2009 - Cherry Red Records)
Il secondo viaggio dell'ex-Soft Cell nel mondo del pop russo del secolo scorso

MARC & THE MAMBAS

Torment And Toreros

(1983 - Some Bizarre)
"Un esaurimento nervoso su vinile": i dolori del giovane Almond in un ambizioso e affascinante doppio ..

SOFT CELL

Non Stop Erotic Cabaret

(1981 - Some Bizarre)
La torbida passionalità di Almond e l'algida precisione dei synth in una magica alchimia

News
Marc Almond on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.