Andrew Bird

Armchair Apocrypha

2007 (Fat Possum) | pop-folk, songwriter

Il suo nome inizia a suonare familiare. Andrew Bird da Chicago, rocker (con il suo vecchio gruppo, i Bowl of Fire), violinista (Squirrel Nut Zipper, Ani Di Franco, Kristin Hersh), cantautore. Due i dischi solisti alle spalle, l'ultimo, "The Mysterious Production Of Eggs", il motivo del botto. Sostanzialmente pop-folk, ma in maniera atipica: niente acustiche annacquate per il nostro prode. Piuttosto melodia inglese di prima qualità (Beatles ma non solo) ricca di cambi di ritmo, in fuga da ogni soluzione semplicistica, coadiuvata da linee di violino che prendono e dal passato (folk ma anche classico) e dal presente (musica da camera, post-rock). In più: passaggi o sfumature country (Woody Guthrie), jazz e rock.

Se fantasia era la parola d'ordine di quella grande sorpresa, maturità è quella del suo successore, "Armchair Apocrypha". Forte del successo di critica e pubblico, Bird fa un ulteriore passo in avanti sulla strada della personalità. Le dodici canzoni del nuovo disco, più che appartenere a questo o a quel genere, sono la forma compiuta dell'idea di musica del loro autore. Sicchè tutte le influenze confluiscono in un formato stilistico unico e riconoscibile.
Assai significativo è il brano migliore, la splendida "Imitosis", nata dalle ceneri di "I" (dal primo album, "Weather System"). La versione originaria - un lento gioco di incastri di giro di acustica, scossoni di elettrica, loop di violino e recitazione depresso/asettica - era un palese tributo a Bill Callahan. Quella odierna trova invece nuova linfa vitale: acquistando velocità, rivestendosi di un arrangiamento più composito e scorrevole (i violini che si aprono, un gioioso trillare di piano), alterando in chiave pop l'inciso, cambiando colore all'interpretazione.

La compattezza è anche qualitativa. "Armchair Apocrypha" paga sì al predecessore una minore altezza in fatto di vette, ma si rifà in spessore, presentando un massiccio quantitativo di canzoni belle o molto belle. A partire dal singolo, "Heretics": un festoso guizzo di violino e chitarra elettrica (alla "Fake Palindromes"), la melodia che si apre a tonalità differenti (passando dal gioioso al confidenziale), una buona carica rock alle spalle.
Ed è proprio il ripescaggio del chitarrismo grezzo dell'indie anni 90 una delle due maggiori novità sonore. Esemplare in tal senso è "Plasticities", solita girandola di emozioni, tramutata da ballad delicata e sommessa in movimentato ed epico pop-rock. L'altra è la gommosità delle tastiere, protagoniste nella mordiba "Simple X” (a tratti sorpresa da sommosse di percussioni).

L'ambizione del violinista sconfina talvolta in territori meno prevedibili, come "Armchairs". Qui l’esperimento è fondere un dolce lento pianistico (stavolta siamo nei '70) con la solita instancabile ricerca melodica, sbalzando l’ascoltatore in un caleidoscopio di cantautorato pop. L'innesto, pur non perfettamente quadrato, riesce ad essere coinvolgente e più che apprezzabile.
Altri brani notevoli nel finale. "Scythian Empire": un carosello di pianoforte e chitarra, un fischiettiare trasognato con inciso dolce e dal sapore beckiano; "Cataracts": una ballata dolente su cui vengono scaricate, con successo, tutte le istanze di cantautorato classico. Degna chiusura è affidata invece ad uno strumentale per sovrapposizioni di violini, "Yawny at the Apocalypse", davvero molto intimo.

"Armchair Apocrypha" è la piena testimonianza di un talento, oggi più che mai, solido e sicuro. Anche se lievemente inferiore a "The Mysterious…", è questo il disco con cui Andrew Bird inizia a poggiare le basi per divenire un classico del cantautorato indipendente.
Da avere senza remore.

(19/03/2007)

  • Tracklist
  1. Fiery Crash
  2. Imitosis
  3. Heretics
  4. Dark Matter
  5. Plasticities
  6. Armchairs
  7. Simple X
  8. The Supine
  9. Cataracts
  10. Scythian Empire
  11. Spare-Ohs
  12. Yawny at the Apocalypse
Andrew Bird su OndaRock
Recensioni

ANDREW BIRD

My Finest Work Yet

(2019 - Loma Vista)
Antidoti all'età della rabbia (in chiave pop) per uno dei dischi più diretti del songwriter ..

ANDREW BIRD

Are You Serious

(2016 - Loma Vista)
Le confessioni di Andrew Bird, o della serietà di un giocoliere di note

ANDREW BIRD

Things Are Really Great Here, Sort Of...

(2014 - Wegawam)
Bird prosegue nel suo ritorno alle radici rileggendo le canzoni degli Handsome Family

ANDREW BIRD

I Want To See Pulaski At Night

(2013 - Grimsey)
Con un Ep quasi interamente strumentale Bird scrive la sua personale dedica a Chicago

ANDREW BIRD

Break It Yourself

(2012 - Mom + Pop / Bella Union)
Bird rinuncia al superfluo e punta dritto al cuore con uno dei suoi dischi più ispirati di sempre ..

ANDREW BIRD

Hands Of Glory

(2012 - Mom + Pop)
Andrew Bird riapre le porte del granaio per il suo lavoro dall’indole più agreste

ANDREW BIRD

Noble Beast

(2009 - Fat Possum / Bella Union)
Il violino incantato di Bird e il suo nuovo microcosmo: un sussidiario folk-pop di irresistibile leggerezza ..

ANDREW BIRD

Fitz And The Dizzyspells

(2009 - Bella Union)

Un’appendice in formato Ep per le brillanti atmosfere di “Noble Beast”

News
Live Report
Andrew Bird on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.