Mars Volta

The Bedlam In Goliath

2008 (Universal) | progressive rock

A poco più di un anno da quel pastrocchio di “Amputechture”, tornano i Mars Volta.
Lo fanno ancora una volta con l’obiettivo di ritornare a destare attenzioni e applausi convinti da parte di un pubblico che dal folgorante esordio in poi è andato scemando nel numero e nella pazienza portata nei confronti del duo dal capello cotonato e l’occhiale da pseudo-intellettuale. In casa Universal le hanno provate tutte e ne stanno provando ancora altre: non si sa più come difendere quella che poteva essere una gallina dalle uova d’oro dal diffuso ludibrio che la sovrabbondanza di uscite – in particolare anche del chitarrista Omar Rodriguez – ha arrecato alla band ispano-texana. Così questa volta i Mars Volta scelgono di difendersi da soli, abbassando notevolmente il tiro e aggiustando la mira rispetto alle mirabolanti e traballanti ostentazioni delle recenti pubblicazioni, che a conti fatti non avevano emozionato neanche i fan di Dream Theater e Pain Of Salvation (se ne esistono ancora).

Lo mettiamo subito in chiaro: “The Bedlam In Goliath” è un album rispettabile. Oddio, magari non merita le copertine di riviste specializzate che di fatto non se la sono sentita di prendere una posizione concreta su di esso, tuttavia è indiscutibile che lo sfarzo sia contenuto e più funzionale al nocciolo delle canzoni. Se in “Frances The Mute” nonostante alcuni suoni à-la Carlos Santana di “Supernatural” e una spontaneità inferiore allo zero assoluto, il complesso costrutto di ritagli e sorta di improvvisazioni sembrava avere una sequenza tutto sommato fluida, il pignolo “Amputechture” sbatteva la testa da una parte all’altra dello spettro sonoro del gruppo, che come è ormai noto ai più cerca di abbracciare vari stili e influenze in una fusione ormai palesemente dichiarata al progressive.
Questo non accade in “The Bedlam In Goliath” che invece riporta Omar e la sua band su binari che non ci sentiamo di definire convenzionali, ma senza dubbio non più disgustomatici. Se vogliamo dirla tutta, Cedric Bixler Zavala si impegna a fondo per nauseare l’ascoltatore innocente coi suoi falsetti e acuti improvvisi, spesso filtrati con effetti da videogioco arcade dei primi anni Novanta. Quando le vertigini vocali si placano, c’è spazio per numeri di classe e buon gusto come il pregevole arrangiamento di “Soothsayer”, degno dei King Crimson più romantici: uno dei migliori momenti nella discografia del gruppo.

Come da copione è molta la carne disposta sul braciere; occorrono numerosi ascolti per iniziare a memorizzare strutture e melodie delle canzoni che tuttavia già a un primo impatto risultano di più facile fruizione. La parte più interessante del disco sembra il trittico conclusivo, in cui c’è anche un netto rallentamento dei tempi e quindi del tribalismo apportato dal nuovo batterista Thomas Pridgen, sostituto altrettanto animalesco del depennato Jon Theodore. Il talento del giovane sembra avvalersi fin troppo dell’utilizzo dei piatti ride/crash che inevitabilmente bruciano dei dettagli del ricco sottobosco sonoro, in particolare il produttivo lavoro al basso di Juan Alderete.
Il minutaggio dei pezzi è più contenuto del solito, ma non mancano le tanto amate occasioni per divagare sul tema: “Cavallettas” include anche un ormai neanche tanto sorprendente, viste le attitudini, flauto à-la Jethro Tull; “Metatron” sembra colpevole degli stessi errori commessi in “Amputechture”. Convince, invece, il ritmo ballabile al sapor latino di “Ilyena”, e soprattutto il solenne concludersi dell’iniziale “Aberinkula”.

“The Bedlam In Goliath” segnala i Mars Volta come una band ancora viva nel 2008, eppure sembra mancare qualcosa. Forse il grande assente è proprio quell’effetto sorpresa che sconvolse in positivo o in negativo chi tentò il primo approccio alla loro musica. Paradossalmente da album del rilancio, il nuovo della ditta Omar&Cedric potrebbe trasformarsi in quello che segna la fine dei sogni rivoluzionari del duo. Ormai sappiamo tutti cosa aspettarci da loro e così come difficilmente conquisteranno schiere di nuovi fan, altrettanto difficilmente “The Bedlam In Goliath” sconfesserà chi finora li aveva applauditi sempre e comunque.

N.B.: nello scrivere questa recensione abbiamo preferito non tener conto dell’ormai consueta storiella pseudo-esoterica di contorno che fonti vicine alla band o direttamente i Mars Volta raccontano sull’ispirazione che ha portato al parto del disco.

(18/01/2008)

  • Tracklist
1. Aberinkula  
2. Metatron  
3. Ilyena  
4. Wax Simulacra  
5. Goliath  
6. Tourniquet Man  
7. Cavalettas  
8. Agadez  
9. Askepios  
10. Ouroboros  
11. Soothsayer  
12. Conjugal Burns
Mars Volta su OndaRock
Recensioni

MARS VOLTA

Noctourniquet

(2012 - Warner Bros.)
L'ennesimo florilegio di apoteosi e tonfi repentini della formazione guidata dalla coppia Rodríguez-López/Bixler-Zavala ..

MARS VOLTA

Octahedron

(2009 - Mercury Records)
Quinto disco della band americana, una sorta di outtakes da "The Bedlam In Goliath" ..

MARS VOLTA

Amputechture

(2006 - Gsl / Universal)

MARS VOLTA

Frances The Mute

(2005 - Universal)

News


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.