Above The Tree

Minimal Love

2009 (Boring Machines et al.) | psych-folk, psych-rock

Il percorso artistico di Above The Tree (l’intelligente creazione del marchigiano Marco Bernacchia, già M.a.z.c.a., Gallina e Al:Arm!) prosegue con “Minimal Love”. Se nel precedente “Blue Revenge” prevaleva l’istinto naturalista, in “Minimal Love" prevale un’idea di mosaico psichedelico mistico ma disturbato.

Dopo il preludio di “Donkey’s Eyes”, Bernacchia passa così in rassegna tutta una serie di felici congetture lisergiche; dalla trance hare krishna di “70% Of Hate” al cicaleccio illusionista “Let Me Know”, dalla meditazione folk di “Plotone negro” al quadretto appalachiano di “Ta - Ta - Ta - T”, finanche al piccolo collage elettroacustico blues-rock di “Go Home” e alla curiosa nenia assorta da radio microfono di “Paparinski”. L’autore si riscopre nuovamente dipintore (talvolta facendo prevalere i corredi sonici, come il vociare confuso, i timbri di farfisa e di cornamusa, i rumori di una macchina da scrivere, sull’armonia portante), ma con un aumentato coraggio.
Qua e là fanno capolino pezzi che cominciano a rilevare una forma riconoscibile, come “Gli oggetti”, degna dei Flaming Lips più lineari, o la strimpellata di “Hallo Winter”, o ancora lo stornello Barrett-iano (ma anche Incredible String Band) di “Bunny In Love”, mentre altri rimangono solamente inerti, come “Le signorine che nuotano” o “Silent Song”.

Complice anche la grande co-produzione (ben sette indie-label: Boring Machines, Marinaio Gaio, Brigadisco, About A Boy, Untouchable Woman, Shipwreck, Stonature), seppur in tiratura limitata a 400 copie numerate, il disco sfonda la barriera del suono e divide critica e pubblico. Il pubblico ne apprezza l’obliquità, la critica il fascino mefistofelico, non capendo la poetica di sintassi e abbrivio, alterazione e lindore. Consistente anche lo stuolo di collaboratori: Michele Grossi, Mattia Coletti, Marco Cattaneo, Maurizio Gianotti. Registrato in camera da letto.

(26/06/2009)

  • Tracklist
  1. Donkey’s Eyes
  2. Bunny In Love
  3. 70% Of Hate
  4. Ta - Ta - Ta - T
  5. Hallo Winter
  6. Let Me Know
  7. Altrimenti ci arrabbiamo
  8. Go Home
  9. Plotone negro
  10. Gli oggetti
  11. Silent Song
  12. Paparinski
  13. Le signorine che nuotano
  14. Situation n°4
  15. Baluba
Above The Tree & The E-Side su OndaRock
Recensioni

ABOVE THE TREE & THE E-SIDE

Riot

(2016 - La Casa Della Grancetta)
Ancora passione per i ritmi per Marco Bernacchia e il compare Matteo Sideri

VIRTUAL FOREST

Unconscious Cognition Is the Processing Of Perception

(2015 - Yerevan Tapes)
Il varo del nuovo progetto di Marco Bernacchia, ancora alle prese con i suoni dal mondo

ABOVE THE TREE & DRUM ENSEMBLE DU BEAT

Cave_Man

(2014 - Bloody Sound Fucktory)
Una collaborazione ambiziosa e pan-etnica per il progetto di Marco Bernacchia

ABOVE THE TREE & THE E-SIDE

Wild

(2012 - Locomotiv)
La collaborazione tra lo stregone del rock italico e Matteo Sideri, a percussioni ed elettronica ..

ABOVE THE TREE

Live At Ca BlasŤ

(2010 - Bloody Sound Fucktory)
Il primo disco live della creatura di Marco Bernacchia

ABOVE THE TREE

Blue Revenge

(2008 - Polpo)
L'impasto impressionista di Marco Bernacchia, tra crescendo psych e strimpellii meditativi

News
Above The Tree on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.