Chairlift

Does You Inspire You

2009 (Kanine) | wave-pop, elettronica

Masticare generi consolidati più di venti anni fa è una tentazione con cui molti gruppi si sono confrontati. In particolare, la rivisitazione di quel wave-pop screziato da intrusioni elettroniche è stata pratica spesso sperimentata. I Chairlift esplorano territori molto noti e proprio per questo mettono in gioco la loro carriera discografia già dall’esordio. Capaci di fondere insieme synth-pop, tradizione wave e sprizzi di indie-pop, il gruppo di Brooklyn raggiunge in certi frangenti un’originalità colorata.

“Does You Inspire You” è un disco scorrevole, composto con acume e controllo dei mezzi. L’intreccio delle due voci maschili e femminili, oltre a un uso spiccato di elettronica e chitarra effettata, sono elementi ulteriori che arricchiscono undici tracce mai uguali a sé stesse. La continua varietà umorale delle canzoni è la ciliegina sulla torta; veniamo condotti durante tutto il disco da una giostra forsennata, incapace di sostare anche solo per un attimo.
Spirali di pop al vetriolo trasudano tensione e fascino (l’incipit pulsante, quasi funk, di “Garbage”, la tormentata “Earwig Town”), fragili litanie recitate con flemma donano ai minuti un tocco etnico (“Planet Health”, che pare venir fuori da “Gentlemen Take Polaroids”, l’ambient-pop vibrante di “Somewhere Around Here”). La grazia di gemme pop immacolate raggiunge vette di pura eccellenza (la sorprendente bellezza di “Bruises”, i saliscendi irresistibili di “Make Your Mind Up”), nei frangenti in cui l’uso dell’elettronica diventa portante, la tenuta della struttura è invidiabile (Soft Cell ansiolitici in “Evident Utensil”, i gorghi sintetici di “Territory”).

Giocata la carta della ballata scheletrica con voce riverberata (“Don’t Give A Damn”), con la coda finale composta da uno strumentale poggiato su un ectoplasma di tromba (“Chameloen Closet”), giunge il commiato perfetto. “Ceiling Wax” si ricongiunge con tradizioni ormai perdute, collega idealmente l’afflato sottomesso delle recitazioni di Hope Sandoval con le tentazioni dei già lodati Antenne. L’unico suo difetto è la durata ridotta; se l’idea di base fosse più sviluppata, saremmo di fronte a una signora canzone.

I Chairlift hanno messo sul piatto un misto succolento: coraggio, ispirazione, sfrontatezza e talento. Il risultato che ne viene fuori è una pietanza dai sapori variegati, a suo modo golosa e seducente, la cui mutevole attrattiva richiamerà avventori fra i più disparati. In questo momento “Does You Inspire You” non attende altro che essere assaggiato, consumato e valutato.

(23/08/2009)

  • Tracklist
1. Garbage
2. Planet Health
3. Earwig Town
4. Bruises
5. Somewhere Around Here
6. Evident Utensil
7. Territory
8. Make Your Mind Up
9. Dont’ Give A Damn
10. Chameleon Closet
11. Ceiling Wax
Chairlift su OndaRock
Recensioni

CHAIRLIFT

Moth

(2016 - Columbia)
Nuova sofisticata reinvenzione per il duo art-pop

CHAIRLIFT

Something

(2012 - Kanine Records)
Un duo newyorkese rimette a lucido la patina sintetica degli intramontabili Eighties

News
Chairlift on web