Flower Corsano Duo

The Four Aims

2009 (Vhf) | free-rock, improv

Anche se non ancora giunta al suo culmine artistico, quella tra Chris Corsano e Michael Flower della Vibracathedral Orchestra è una collaborazione che non può di certo passare inosservata.

Decisi, più che mai, (dopo uno stimolante, primo incontro, avvenuto tre anni fa tra i solchi di “The Radiant Mirror”) a percorrere la strada di un’avvolgente improvvisazione “faccia a faccia”, che lega in un tumultuoso sposalizio noise e free-jazz, nel solco di una tradizione che può vantare coppie eccellenti, con “The Four Aims” i due duettano senza risparmiarsi, regalandoci una cinquantina di minuti di musica fascinosa e ipnotica.

Il drumming avvolgente e caracollante di Corsano si contrappone, così, in un gioco di specchi senza fine al bordone esplosivo e squillante dello Shahi Baaja (strumento di origine indiana, simile a un dulcimer elettrificato) di Flower, in un vortice ottundente e ipnotico a metà strada tra Lightning Bolt e Orthrelm, ma che chiama in causa anche i duetti spumeggianti tra Rashied Alì e John Coltrane (“I, Brute Force”).

Riallacciandosi alle radici del suono della Vibracathedral Orchestra, ma facendo anche da ponte tra la “musica eterna” di LaMonte Young e quella tradizionale giapponese, “The Drifter’s Miracles” si libra in un’elegiaca, verticale dissertazione, mentre “The Three Degrees of Temptation” cammina tra i sentieri enigmatici dell’improvvisata, dando vita a uno scenario di amorfe, cangianti sonorità, distese in un unico flusso anarchico.

Prima del lunghissimo finale (diciotto minuti scarsi) di “The Main Ingredient” (che, nel riallacciarsi a “I, Brute Force”, culmina in un altro delirio di suoni che guizzano nello spazio come fiamme indiavolate), il disco subisce, però, un netto calo di tensione a causa di una confusionaria “The Beginning Of The End”, in cui, tra le altre cose, pare di riconoscere anche le brutture obnubilanti degli Skaters (e non si tratta, certo, di un complimento!).

Poco male, però, perché l’invito a farvi un giro da queste parti resta, comunque, aperto a tutti.

(10/04/2009)

  • Tracklist
1. I, Brute Force
2. The Three Degrees of Temptation
3. The Drifter’s Miracles
4. The Beginning Of The End
5. The Main Ingredient
Flower Corsano Duo su OndaRock
Recensioni

FLOWER CORSANO DUO

You’ll Never Work in This Town Again

(2010 - autoprodotto)
Un album registrato dal vivo per il ritorno del duo Corsano-Flower

Flower Corsano Duo on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.