Little Dragon

Machine Dreams

2009 (Peacefrog Records) | synth-pop, funk, electro

Collettivo formatosi da un incontro casuale come tanti, quello formato dai quattro ragazzi provenienti da Göteborg mette in piedi una ulteriore pietra miliare nella sua carriera.
Un gruppo di studenti, mille peripezie tipiche dei giovani universitari, una passione insana per la musica. C'è una cantante giapponese (Yukimi Nagano), quattro strumentisti nordici, un nome (Little Dragon), una band che lascia segni nuovi e rigeneranti. L'esordio omonimo del 2007 sorprese nel sottobosco per la freschezza di una proposta che pareva in principio presuntuosa e azzardata: coniugare la voce profonda e corposa dell'ugola femminile con una mistura di electro-pop effettato, singulti funk e linee soul. La sua forza era la vivacità stilistica, supportata da una scrittura di fondo di rara precisione e incisività.

“Machine Dreams” incide un solco con il precedente, senza ripudiare le linee tracciate con tanta passione. La spinta elettronica prende il sopravvento nei confronti dei ritmi tradizionali, il taglio funk rimane ma è robotizzato e martoriato, i filamenti soul si tramutano in una musica dell'anima che pare aver perso la sua genuinità a favore di un un'essenza aliena. Canzoni soffuse ma palpitanti, ritmi sostenuti ma mai incessanti, melodie schizofreniche ma mai sfuggenti. 

Folate di downtempo irriconoscibile distribuiscono stimoli inediti (il melodramma electro-pop di “A New”, la spazialità ambient di “Feather”), movenze più decise giacciono nella struttura ritmica di canzoni movimentate (gommosità appiccicose per “Looking Glass”, il piglio quasi efferato del ritornello di “My Step”). Alternando umori e sensazioni contrapposte si realizza un delizioso contrasto che mette in risalto un talento espressivo ancora lungi dall'essere esaurito.

La battuta bassa prende il sopravvento ed è quasi l'ora di pronunciare la parola magica trip-hop (bagliori acquatici in “Thunder Love”, la conclusione scandita con rintocchi flemmatici di “Fortune”). La parte centrale sviluppa un certo appeal radiofonico e mette in fila singoli inappuntabili (i controtempi senza freno di “Runabout”, la delizia di funky-pop nebuloso in “Swimming”, un ritornello da ricordare per “Blinking Pigs” ), mentre le restanti tracce si dividono fra variazioni romantiche dal sapore fortemente drammatico (il pathos delle tastiere di “Come Home” ) e altre indicazioni interessanti (il sexy mid-tempo in “Never Never”).

Senza tralasciare ricerca e approfondimento stilistico, i Little Dragons pubblicano un piccolo gioiellino pop senza mai annoiare o ripetere cliché abusati, lanciando al di là del selciato una proposta nuova, invitando a scoprire un mondo fatto di canzoni brillanti quanto i colori della copertina di “Machine Dreams”. 

(22/02/2010)



  • Tracklist
1. A New
2. Looking Glass
3. My Step
4. Feather
5. Thunder Love
6. Never Never
7. Runabout
8. Swimming
9. Blinking Pigs
10. Come Home
11. Fortune
Little Dragon su OndaRock
Recensioni

LITTLE DRAGON

Ritual Union

(2011 - Peacefrog)
L'euro-pop visto dalla Svezia nel terzo episodio del gruppo di Göteborg

Little Dragon on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.