Arif Mardin

All My Friend Are Here

2010 (Nunoise) | sofisticated jazz-pop

Le origini turche di Arif Mardin sono senz'altro poco note. La sua musica non tradisce venature etniche che rimandino alla sua terra e la sua appartenenza all'aristocrazia del Paese lo ha catapultato direttamente in America per coronare il suo sogno di musicista e produttore di musica jazz, rock, soul, disco e country.
Quattro anni dopo la sua morte, viene finalmente completato il film-documentario realizzato durante le registrazioni del suo ultimo album, contemporaneamente la colonna sonora diventa il suo testamento sonoro per le nuove generazioni.
Il suo nome resta legato alla vecchia aristocrazia rock che nutriva il panorama asettico del pop statunitense degli anni 80 con incursioni soul-jazz, che hanno caratterizzato il passaggio dalla black music alla disco più raffinata e hi-fi oriented.

Senza Arif Mardin non avremmo avuto la trionfante svolta disco dei Bee Gees, la contaminazione soul degli Scritti Politti, la resurrezione di Aretha Franklin, il genio di Bette Midler, e non avremmo assistito alla consacrazione di George Benson, Carly Simon, Anita Baker, Norah Jones e molti altri; la sua capacità di funzionare da cross-over tra il country-rock e la black music attraverso il linguaggio del Jazz-Soul è un patrimonio sonoro imprescindibile.
"All My Friend Are Here" più che un disco è un testamento, il suo raffinato mix di jazz e blues viene riproposto da una serie di musicisti e di cantanti che lo hanno conosciuto e apprezzato per il suo innegabile talento, tutti i brani sono frutto della sua penna, tranne l'omaggio iniziale di Bette Midler e Marc Shaiman "The Greatest Ears In Town" che diventa il manifesto artistico del progetto.
 
La verve e la passione con la quale Bette Midler e Barry Gibb introducono l'album contagia tutte le canzoni, Arif Mardin valorizza gli artisti senza foderare il loro talento in vesti sovrabbondanti. L'estasi acustica di "No One" è perfetta per Dianne Reeves, la teatralità da musical in "So Many Nights" permette a Danny O'Keefe di archiviare la sua miglior performance vocale di sempre, mentre Joe Lovano e John Paddis assicurano classe e brio a un prevedibile jazz-blues, "Longing For You", affidato alla voce di Norah Jones.
Il rischio di una celebrazione molto canonica non è del tutto eluso, la sequenza di performance di elevato timbro stilistico a tratti annoia e resta godibile per i soli fans del genere. "Dual Blues" con la voce di Amy Kohn, "So Blue" con Chaka Khan e David Sanborn strizzano eccessivamente l'occhio al Jazz da sottofondo, "No Way Out" è un gradevole esempio di bossa-nova ma resta epidermico.

Una lezione di classe e originalità proviene da Carly Simon, con una sublime interpretazione di "Call A Soft Voice" che gode anche del testo più interessante; il blues padroneggia nella intensa "Willie's After Hours (Lone Star Blues)" scritta con Willie Nelson, interessante "Chez Twang's", con un imprevedibile Dr John, la cui performance strappa il velo di normalità che accompagna gran parte dell'album.
Inevitabile il brano celebrativo Hollywood-style "All My Friend Are Here", un innocuo soul-pop che serve ad accogliere contributi vocali di alcuni artisti graziati dal tocco magico di Arif Mardin.
Mentre le note di piano di "Wistful" chiudono il sipario si concretizza la sensazione di amarezza per la perdita di un talento artistico indiscutibile, l'album offre un buon punto di partenza per conoscere l'autore e produttore, ma la sua creatività è leggermente fiacca in questo progetto celebrativo che ricalca i luoghi comuni che hanno reso Arif Mardin amato e apprezzato dal pubblico, l'originalità e l'azzardo che invece hanno animato le sue migliori produzioni resta fuori da questo amabile e un po' lezioso quadretto.

(23/11/2010)



  • Tracklist
  1. The Greatest Ears In Town - Bette Midler featuring Barry Gibb
  2. So Blue - Chaka Khan featuring David Sanborn
  3. No Way Out - Nicki Parrot
  4. Goodbye to Rio - Raul Midon
  5. No One - Dianne Reeves
  6. So Many Nights - Danny O'Keefe
  7. Calls A Soft Voice - Carly Simon
  8. Longing For You - Norah Jones Joe Lovano & John Faddis
  9. Dual Blues - Amy Kohn
  10. Chez Twang's - Dr. John
  11. Lonestar Blues - Willie Nelson featuring Katreese Barnes
  12. All My Friend Are Here - Featuring Hall & Oates, Barry & Robin Gibb, Members of the Rascals and the Average White Band, Phil Collins, Lalah Hathaway, Cissy Houston, Randy Brecker
  13. Wistful - Arif Mardin
Arif Mardin on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.