Gloria Gaynor

Never Can Say Goodbye (ristampa)

2010 (Bbr) | disco-music

La Big Break Records (Bbr, label indipendente affiliata alla Cherry Red) inaugura il proprio catalogo di ristampe di classici della disco e del soul proprio con questo storico e vendutissimo primo Lp di Gloria Gaynor, uscito originariamente per la Mgm nel 1975, dopo qualche singolo preparatorio di lancio. La Gaynor si distinse subito dal resto delle dive della discoteca per delle non comuni doti canore e per un gusto superiore alla media delle sue colleghe. In realtà, lei mosse i primi passi già nella metà degli anni Sessanta, a capo dei Soul Satisfyers, ma senza risultati degni di nota. Da grande ammiratrice di cantanti rhythm and blues come Aretha Franklin, la Gaynor cercò caparbiamente di farsi notare, ma puntando tutto sulla potenza e il timbro della sua voce, anziché sulle doti fisiche (che, effettivamente, non possedeva). Messa sotto contratto dalla Mgm nel 1973, fece uscire i primi singoli l'anno successivo, tra cui il celebre "Never Can Say Goodbye", che riuscì a scalare le classifiche.

Per l'album di debutto, uscito l'anno successivo, il produttore Tony Bongiovi ebbe la fortunata idea di chiamare un allora astro nascente del mixer, Tom Moulton (che è rimasto anche alla storia per aver creato i missaggi dei dischi mix dei Trammps e, soprattutto, per aver prodotto i primi dischi di Grace Jones). Come già Giorgio Moroder stava facendo, sempre nel 1975, con Donna Summer, cucendole addosso la versione estesa di "Love To Love You Baby" (sedici minuti ininterrotti sottolineati dallo stesso groove ritmico e dai gemiti sensuali e orgasmi simulati da parte della Summer), anche Moulton ideò la prima facciata dell'album "Never Can Say Goodbye" esattamente come un'unica suite di diciannove minuti, nonostante incorporasse tre differenti brani, vale a dire l'arioso funk orchestrale "Honey Bee" (sei minuti), l'incalzante "Never Can Say Goodbye" (che fu anni prima interpretata dai Jackson 5 e da Isaac Hayes) e l'adattamento di un vecchio successo dei Four Tops, "Reach Out, I'll Be There", un energico rhythm and blues. Tra distinti brani che però costituiscono perfettamente un corpus unico, dato che confluiscono l'uno dentro l'altro, a meraviglia.

Fu un'idea a suo modo rivoluzionaria, che sarà sfruttata fino all'eccesso dalle generazioni successive di musicisti discotecari.

Il secondo lato è invece più consono a stilemi northern soul, arrangiati nello stile raffinato di un David Shire. Si tratta, comunque, di canzoni d'alta classe, come ad esempio le raffinate "All I Need Is Your Sweet Lovin'" e "Searching" (quest'ultima non ignara di certo funk melodico dei Mandrill). "We Belong Together" rimarrà una delle migliori canzoni del repertorio della Gaynor, mentre la stessa vocalist è l'autrice di "False Alarm" e di "Real Good People", che confermano anche le sue discrete doti autoriali.

Questa recente ristampa (tra l'altro, è la prima edizione in cd in assoluto) presenta anche ben sette bonus track: le due versioni di "Honey Bee", uscite su singolo per la Columbia (in una versione ridotta di neanche quattro minuti, ma leggermente più potente di quella apparsa sull'album) e per la Mgm, più lo storico singolo del 1974 "Never Can Say Goodbye", che certo non vale il corrispettivo dell'album. Sono presenti anche tutte le b-side di questi 45 giri, ovvero la sentimentale "All It Took Boy Was Losing You", la sensuale "Come Tonight" e la soulful "We Just Can't Make It".
Ben curato il libretto del cd, con foto di memorabilia, copertine di singoli e della stessa Gaynor, il tutto corredato da belle ed esaurienti note di Wayne Dickson, il chief-manager della Big Break Records. Non male anche il livello del remastering, per essere stato effettuato da una piccola label. La distribuzione della Bbr, per il territorio italiano, è ad opera di Goodfellas.

(14/05/2011)

  • Tracklist
  1. Honey Bee
  2. Never Can Say Goodbye
  3. Reach Out, I'll Be There
  4. All I Need Is Your Sweet Lovin'
  5. Searchin'
  6. We Belong Together
  7. False Alarm
  8. Real Good People
  9. Honey Bee (Columbia single version)
  10. All It Took Boy Was Losing You (b-side)
  11. Come Tonight
  12. Never Can Say Goodbye (single version)
  13. We Just Can't Make It (b-side)
  14. Reach Out, I'll Be There (single version)
  15. Honey Bee (MGM single version)
Gloria Gaynor on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.