Seabear

We Built A Fire

2010 (Morr Music) | alt-pop, folk

Dopo le escursioni soliste del frontman Sindri Már Sigfússon (il carnevalesco progetto Sin Fang Bous), e a tre anni dall'esuberante e convincente "The Ghost That Carried Us Away", la formazione islandese Seabear torna a farsi viva con un album nuovo di zecca.
 
Sorprendentemente distribuito anche in Italia (con accluso il godibilissimo Ep "While The Fire Dies"), grazie alla fama dell'etichetta Morr Music, "We Built A Fire" ripropone la mistura di folk-pop corale che caratterizzava l'esordio dei Seabear, tornando a rinfrescare con zampilli primaverili il panorama della musica indipendente.
Benché non possa gridarsi al miracolo (così come non era possibile farlo in occasione dell'esordio) ogni nota sembra essere al proprio posto e le composizioni dei Seabear sono sempre pervase da una grande armonia melodica, dovuta al perfetto equilibrio e all'amalgama fra strumenti e voci, pur presentando spesso una velata asimmetria, tanto da non risultare mai troppo scontate o leziose.
In particolare, nei pezzi più vicini all'estetica folk, la band riesce a esprimere al meglio la propria personalità, creando toccanti bozzetti bucolici, raffinati e asciutti ("Cold Summer", "Leafmask", "Wooden Teeth"). 
 
Canzoni pop che svettano in volo in un cielo violaceo, ritornelli fulminei e focosi, ritmi vulcanici o rilassati. Tutto ciò si ritrova in "We Built A Fire": le melodie, a volte semplici e immediate, spesso aggrovigliate e tortuose, seducono con discrezione e lasciano una piacevole sensazione di torpore al loro sfumare. Non c'è monotonia alcuna nel tono generale del lavoro, grazie ai numerosi cambi di marcia spesso nell'ambito dello stesso brano (marcette solcate da trepidanti nenie folk, come in "Fire Dies Down"). Talvolta il tono si fa movimentato e allora è un tripudio di strumenti e voci (i cori che si inseguono in "Softship", l'iniziale "Lion Face Boy"), mentre le pause melodiche divengono un bagno rigenerante di pace serafica (un piano e poco più per "Cold Summer", la struggente "Warm Blood").
L'uso della strumentazione orchestrale, già presente nel lavoro d'esordio, arricchisce la già notevole capacità armonica dei brani, regalando frangenti di assoluto nitore (uno su tutti, la parte centrale di "Cold Summer").
 
Avvicinandosi a "We Built A Fire" è forte la sensazione di immergersi in un microcosmo sonoro a sé stante (così come accadeva anche nel solistico "Clangour"): il succedersi dei brani, l'alternarsi di ritmo e lentezza, di aperture melodiche e intimismi acustici ha il sapore di una favola a metà fra narrazioni fantasy e racconti folcloristici provenienti dal lontano nord.
Che ci si trovasse di fronte a ottimo artigianato folk-pop era già chiaro dall'esordio, e questo lavoro ne è solo una nuova conferma. In un'epoca di produzione industriale e di gusti standardizzati, la presenza di lavori cesellati a mano, con cura, pazienza e tanto amore non può che essere salutata con gioia.

(27/06/2010)

  • Tracklist
  1. Lion Face Boy
  2. Fire Dies Down
  3. I'll Build You A Fire
  4. Cold Summer
  5. Wooden Teeth
  6. Leafmask
  7. Softship
  8. We Fell Off The Roof
  9. Warm Blood
  10. In Winter's Eyes
  11. Wolfboy
Seabear su OndaRock
Recensioni

SEABEAR

The Ghost That Carried Us Away

(2007 - Morr Music)
Dall'Islanda un album dal fascino fragile e sottile

Seabear on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.