Luomo

Plus

2011 (MoodMusic) | house

Eccoci a riparlarne, anche, se a dire il vero, la formula, in fondo in fondo, non cambia granché. Luomo fa sempre le stesse cose, però ci mette un cuore vivo e pulsante e una classe da levarsi il cappello. House sexy, beat quasi sempre pastello, mai irruenza o cattiveria ma tocchi di musica molto pettinata. Quelle scie - suo marchio di fabbrica - di "Anima" (a nome Vladislav Delay) riemergono qui, tra variazioni monotonali e una sensualissima venatura di pelli a contatto.

"Twist" ne incarca il lato più soulful, "Good Stuff" - capolavoro assoluto nella sua discografia - quello più viscerale: struttura loopata e ipnotica, poche frasi e house di corpi che si toccano e si sfiorano. E ballano. Di quelle melodie che fanno venir voglia di muoversi, di sentire ogni singolo muscolo, ogni singola fibra, del proprio corpo coordinarsi in un unicum e in un continuum. "How You Look" in progressione soft-techy, tra trame in palleggio e qualche dolce glitch sparso, "Make My Day", forse il vero buco nell'acqua di questo "Plus", incrocia le file in una progressione finale non distante dai toni epici degli ultimi Muse: bocciata.

Il robot "Happy Song" spezza la falsa soavità della traccia precedente, in favore dei soliti giochi di ombra sorretti da un beat molto lineare. "Medley Through" è proprio fascino Motown da old school, tra immagini di fotografie ingiallite e scuola Chicago a piene mani. E se fin qui di elettronica in senso stretto non se ne trova poi tanta, "Form In Void" fa fare - ancora una volta - retromarcia verso un suono che guarda al revival synth molto scheletrico (pensate all'ultimo Ford&Lopatin in veste minimale, e quindi Junior Boys). Le conclusive "Spy" e "Immaculte Motive" non aggiungono significativi spunti a un disco che non inventa nulla.

Ma è proprio nella normalità che Ripatti esalta le sue doti da master indiscusso della scena elettronica contemporanea tutto. Un suono sempre vivo e viscerale, che si muove lentamente in rivoli che cambiano colore lentamente. Non c'è verso di rimanere delusi dall'uomo venuto dal nord; a dispetto della presunta freddezza, verrebbe solo voglia di sentirsi dire "Put your hands around me. Totally".

(26/09/2011)

  • Tracklist
  1. Twist
  2. Good Stuff
  3. How You Look
  4. Make My Day
  5. Happy Song
  6. Medley Through
  7. Form In Void
  8. Immaculate Motive
  9. Spy
Luomo su OndaRock
Recensioni

LUOMO

Convivial

(2008 - Huume)
Sasu Ripatti incontra Robert Owens, Jake Shears e Apparat

Luomo on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.