Mazes

A Thousand Heys

2011 (Fat Cat) | noise-pop, garage

Questo quartetto di Manchester (ma, meraviglia del globalismo inverato, con membri americani e neozelandesi) alimenta il volano tra America e Inghilterra (e ritorno), grazie ad un dischetto all’insegna di un noise-pop tutto riverbero e ritornelli facili facili sputacchiati a manetta come pallottole di carta straccia e sogno da una cerbottana artigianale. Il miele appiccicoso di melodie vocali, che più sixties davvero non si potrebbero, finisce così con lo spiattellarsi sotto le suole di un garage-surf fatto in casa. Sulla scia delle produzioni Captured Tracks e In The Red, e con forti legami di parentela stilistica con i compatrioti Pens, Graffiti Island e Male Bonding (tanto che si potrebbe quasi già parlare di scena, tenuta a battesimo dall’etichetta Italian Beach Babes), i quattro imbastiscono un sussidiario mirabolante di canzonette fumettose che si lasciano stropicciare senza troppi complimenti. (Non) diventeranno famosi, ma sta bene così.

(17/04/2011)

  • Tracklist
1. Go Betweens
2. Surf & Turf / Maths Tag
3. Most Days
4. Bowie Knives
5. Summer Hits Or J+J
6. Don’t Like
7. Wait Anyway
8. Cenetaph
9. Boxing Clever
10. Vampire Jive
11. Eva
12. No Way
13. Death House
14. Till I’m Dead
Mazes su OndaRock
Recensioni

MAZES

Wooden Aquarium

(2014 - Fatcat Records)
Mezzo passo falso per il terzetto trick-rock britannico, giunto al terzo disco per Fatcat Records

MAZES

Ores & Minerals

(2013 - Fatcat Records)
Eclettismo racchiuso in un ambiente psych-alt-rock, nell'opera seconda del gruppo inglese

News
Mazes on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.