Killing Joke

MMXII

2012 (Spinefarm Records / Universal) | metal, punk

Quindicesimo album della seminale band inglese, terzo con la formazione originale (cui purtroppo va tolto il compianto Paul Raven, sostituito da Martin "Youth" Glover), "MMXII" è un'opera che, nonostante il titolo, è per molti aspetti anacronistica.
Il precedente "Absolute Dissent" del 2010 ci aveva impresso un'immagine aggressiva e primitiva, simbolo di una nuova primavera di bellezza di Coleman e soci. Grazie a un approccio punk, metal molto energetico, non privo poi di fuoriuscite furbesche e interessanti come "European Super State", si riusciva comunque a godere di un lavoro afflitto da lacune stilistiche. E soprattutto povero di quella matrice alienante industriale/post punk che aveva caratterizzato i loro classici.
Inutile qui evidenziare una rinnovata assenza di questi elementi. Ormai perduti, o meglio, polverizzati tra le vicissitudini naturali della band. Piuttosto è importante soffermarsi su come i Killing Joke abbiano perso di vista la scia del rinnovamento. Quella ricostruzione della propria energia vitale che avevamo scorto nel 2010.

Purtroppo tra i nove minuti dell'opener "Pole Shift" troviamo già i sintomi di una strana forma virale di apatia ormonale. Dopo un finto-etereo svolgersi in ascesa della voce di Coleman, sorretto da chitarre distorte e batteria dritta, si ha un'esplosione rabbiosa e rauca. Piatta e indolore, quasi fosse racchiusa da una campana di vetro. Questo pattern si ripete ritualmente fino alla chiusura, per poi copiarsi nella successiva "Fema Camp", il suo gemello eterozigote. "Rapture" e "Colony Collapse" mantengono una simile struttura in bilico tra heavy e thrash. Riff stretti e aggressivi, sorretti da forti accelerazioni per raggiungere momenti più melodici e lisergici. Il primo cambio interessante lo si avrà in "Corporate Elect", dall'evidente anima motorheadianama che vira più di una volta dentro se stessa, arrivando a un punto di combustione di livello metallurgico.

Se quello che è successo fino ad ora sembra una versione più ruvida e "adulta" di quanto fatto dagli Helmet di "Unsung", è con "In Cythera" che dobbiamo porci dei dubbi più complessi. Qui l'anima più pop è esaltata tra le nebbie informi di un periodo di mezzo. La vena anni 80 che era fuoriuscita in "Absolute Dissent" e che sfiorava i Depeche Mode è dispersa in favore di un malinconico anonimato. Se non fossimo di fronte ai Killing Joke, si potrebbe tranquillamente liquidare come un singolo pop-rock di metà anni 90.
La parentesi melodica è breve e lascia subito spazio alle ultime cartucce del disco. Tra queste, la sghemba e zoppicante "Trance" riesce a raggiungere un buon equilibrio tra ritmiche metalliche ipnotiche e vocals filtrati e loopati. Uno sfumarsi lento che nella conclusiva "On Alll Hallow's Eve" assurgerà a un cielo notturno ma opaco. Qui si raccolgono insieme melodie oniriche in una linearità sfumata. Quasi fosse una conclusiva nemesi della violenza subita nel disco, ci troviamo rassicurati e tranquillizzati tra i ritmi semplici e appena distorti attorno a noi. Peccato che tutto tenda a ripetersi in inutili ascese pseudo-liriche che spogliano il suono delle buone intuizioni iniziali.

Per cercare di fare un po' d'ordine tra le diverse e contraddittorie impressioni in cui siamo incappati, possiamo dire che il nuovo Killing Joke soffre di un disturbo dell'identità temporale. Per quanto il precedente fosse riuscito a imporsi nel presente, "MMXII" si trova invece rinchiuso in un limbo stilistico da qualche parte gli anni 90. La violenza ostentata e riproposta vive di un'impotenza di comunicazione, perdendosi in brani lunghi in cui l'antico elemento tribale è in gran parte assente. Ci è mostrato uno scenario piatto e desertico, simile all'artwork, con le sue fabbriche innestate su terra rossa sterile, marziana, ma è una visione dissociata che non riesce a scalfire o penetrare un'urgenza contemporanea di denuncia o di comunicazione.
Sicuramente non un disco pessimo, ma tristemente inconcludente.

(05/04/2012)

  • Tracklist
  1. Pole Shift
  2. Fema Camp
  3. Rapture
  4. Colony Collapse
  5. Corporate Elect
  6. In Cythera
  7. Primobile
  8. Glitch
  9. Trance
  10. On All Hallow's Eve
Killing Joke su OndaRock
Recensioni

KILLING JOKE

Pylon

(2015 - Spinefarm)
Tornano i quattro londinesi per chiudere una trilogia e riassumere 35 anni di carriera

KILLING JOKE

Absolute Dissent

(2010 - Spinefarm)
Scorie punk, metal e heavy, ma sostanziale monotonia nel ritorno dei cavalieri dell'apocalisse

KILLING JOKE

Killing Joke

(1980 - Virgin)
Il meteorite in bianco e nero della band di Coleman, una danza tribale di origine aliena

News
Live Report
Killing Joke on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.