Mojomatics

You Are The Reason For My Troubles

2012 (Wild Honey / Inside Outside) | garage-rock, folk, blues

Se mi lasci, ti dedico un disco. La storia a grandi linee è questa: Matteo Bordin e Davide Zolli, dal 2003 in arte The Mojomatics, vengono lasciati dalle rispettive fidanzate praticamente in contemporanea. E loro che fanno? Dedicano il quarto lavoro in studio alla "causa dei loro problemi", come ironicamente recita il titolo dell'album. Più chiari di così, si muore. Non di amore, però.
Le undici nuove canzoni della premiata ditta veneta sono un'indagine sulle relazioni, sulle loro conclusioni e sulle conseguenze che ne derivano; storie allo stesso tempo personali e universali, raccontate con umorismo e disincanto, potremmo dire con divertimento - nonostante la causa scatenante sia tutt'altro che piacevole. "Da sempre - spiegano i diretti interessati - gran parte dei nostri pezzi si occupa dell'amore e di ciò che gli ruota attorno. Fatalità, dopo aver cantato per anni queste vicende, sono successe a noi".

L'aspetto musicale non si discosta di una virgola dai precedenti lavori, così i riferimenti musicali sono quelli di sempre: da una parte la "British Invasion" dei vari Rolling Stones, Beatles, Kinks; dall'altra le radici della musica americana: dal blues al folk, dal country al cantautorato, il tutto rivisto in chiave garage. Idem il modo di comporre, che si riassume in un'unica, semplicissima affermazione: "Realizzare canzoni belle, orecchiabili e che funzionino".
Sembra facile, ma ovviamente non lo è affatto. Per costruire le architetture perfette degli undici brani del nuovo disco, a Bordin e Zolli sono serviti più di due anni di lavoro. Il risultato è mezz'ora abbondante di musica registrata in analogico presso il nuovo studio del cantante e chitarrista del duo.

E qui si apre un altro aspetto di primaria importanza per i Mojomatics, per i quali il termine "retrò" non è una moda ma uno stile di vita che si riverbera nel look, nel sound, nelle bobine utilizzate per scongiurare il più possibile l'utilizzo del computer e avvicinarsi al sound della propria epoca d'elezione, nel formato in vinile (con cd in omaggio), persino nel recupero di antiche macchine fotografiche con cui farsi ritrarre nella - sfocata - foto di copertina. Anima rock, cuore pop: cinquanta e cinquanta, si potrebbe dire.
Non è un caso che "Behind The Trees", il brano più orecchiabile ed edulcorato, sia quello che apre il disco. Una spensieratezza contagiosa avvolta in un sound che si ispira a quello dei Rolling Stones di inizio anni Settanta, un vero e proprio inno per l'estate che bussa alle porte. Il mood positivo prosegue nel segno dell'armonica della title track "You Are The Reason For My Troubles", che prende con decisione la strada del country. Ogni pezzo apre un orizzonte diverso: "In The Meanwhile" fa rotta sul folk-rock americano, "Rain Is Digging My Grave" ritorna precipitosamente sul suolo britannico, introducendo una parte centrale del disco maggiormente riflessiva che continua sulle note di "Don't Talk To Me", un ideale punto d'incontro tra Kinks e Violent Femmes che si sviluppa in un crescendo emotivo di grande impatto.

"You Don't Give A Shit About Me" è l'intermezzo ideale per tirare il fiato, una breve e sghemba ballata per cuori infranti (e rancorosi). I fratelli Davies tornano a echeggiare nella ritmata "Yesterday Is Dead And Gone", gioiello garage-pop che scivola via via in atmosfere psichedeliche. Rockabilly e folk coabitano nella schizoide "Feet In The Hole", mentre la dolce nostalgia di "Long And Lonesome Day" rimanda alla lezione rock di Neil Young. La splendida "Ghost Story", vero e proprio omaggio ai Fab Four di Liverpool, lancia la volata finale a "Her Song", ultimo capitolo del disco, l'unico solcato da una riconoscibile vena di malinconia.
Le storie - d'amore - finiscono qui. I dischi che ne scaturiscono, universali in quanto fuori dal tempo, sono destinati a restare.

 


(04/05/2012)

  • Tracklist
  1. Behind The Trees
  2. You Are The Reason For My Troubles
  3. In The Meanwhile
  4. Rain Is Digging My grave
  5. Don't Talk To Me
  6. You Don't Give A Shit About Me
  7. Yesterday Is Dead And Gone
  8. Feet In The Hole
  9. Long And Lonesome Day
  10. Ghost Story
  11. Her Song
Mojomatics su OndaRock
Recensioni

MOJOMATICS

Don't Pretend That You Know Me

(2008 - Ghost Records)

Garage-beat sulla laguna per il ritorno di uno strano duo

Mojomatics on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.