THEESatisfaction

awE naturalE

2012 (Sub Pop) | psych-soul, r&b, funk-hop

Dite quello che vi pare, ma una cosa è sicura: la Sub Pop sta puntando a diventare l'etichetta indipendente più ecumenica del globo. Dapprima responsabile primaria della divulgazione del Seattle Sound, in un secondo momento attrice comprimaria nella diffusione dei nuovi linguaggi pop e folk allo scoccare del Nuovo Millennio (Shins, Beach House, Fleet Foxes, Ruby Suns), la label adesso sta indirizzando le proprie mire ad accogliere nel suo roster una bella combriccola di artisti da quell'universo black fino a questo momento tranquillamente by-passato. Che si tratti di un implicito opportunismo verso un mondo che sta tornando a splendere di una rediviva giovinezza, o di un serio investimento artistico, resta comunque evidente che la storica casa ci ha davvero guadagnato in una manovra simile, trascinando sotto la sua egida alcuni dei più stuzzicanti protagonisti neri degli ultimi tempi.
E dunque, dopo Shabazz Palaces (per chi scrive, tra i più galvanizzanti fenomeni hip-hop attualmente) e Spoek Mathambo, ecco giungere alla corte di Jonathan Poneman due vispe signorine. Scorte in due ottimi featuring inclusi in “Black Up” dei primi tra i due menzionati, il contratto non ha tardato a bussare alla porta delle THEESatisfaction (Stasia Irons e Catherine Harris-White), che dopo un'abbondante moltitudine di mixtape e pubblicazioni sparse per la rete negli ultimi quattro anni, arrivano alla prova del nove col loro primo disco ufficiale, pronte a giocare tutte le carte a loro disposizione.

Donne tostissime e indomite, fieramente gay e con un piglio femminista a marchio di influenze e testi, le due, con le loro pettinature afro che sembrano uscite dritte dritte da qualche boutique vintage, non si pongono freni e limitazioni di alcun tipo, privilegiando nella mezz'ora di “awE naturalE” una proposta sincretista e versatile, che guardi al passato con quell'ottica rapace propria del presente. Il macrocosmo black, nelle sue infinite sfumature, viene dunque passato al setaccio dalla coppia, che sbandiera il suo eclettismo in un mélange stralunato, sincopatissimo, sensualmente psichedelico.
Nelle tredici rapidissime puntate (si va dalla scheggia funk impazzita dell'introduttiva “awE” ai quattro minuti scarsi delle convulsioni acide di “Deeper”), Stas e Cat sciorinano con classe di performer ormai navigate il loro fulminante camaleontismo, imbrigliando come un destriero recalcitrante cromie in costante mutamento, ma tutte accomunate dalla costruzione alienata, quasi ipnotica, dei groove. Si avvertono così, nelle composizioni estremamente semplici e immediate dei brani, spunti soul d'antan, sovente screziati di secchi bordoni pianistici (“Existinct”, “Enchantruss”), interplay efficaci tra rap e cantato (una costante dell'intero lavoro, che permea il battito paranoide di “Earthseed”, il hip-hop liofilizzato di “Bitch”, la funkadelia jazzata di “God”, con tanto di cameo da parte di Palaceer Lazaro degli Shabazz Palaces), saltellanti ammiccamenti R&B (il morbido impasto di “QueenS”, “Sweat”), il tutto amalgamato in una mistura magmatica e pungente, che sviluppa le idee nel più ristretto spazio possibile.

Non c'è niente da dire, il disco scorre che è un piacere e la voglia di premere nuovamente “play” è forte, ma altrettanto forte, man mano che si procede con gli ascolti, è la sensazione che le due siano debitrici (e non poco) dello sperimentalismo eclettico e frastagliato dei primi due album di Georgia Anne Muldrow, la quale, pur persasi un po' di recente, continua a influenzare le nuove arrivate con l'illuminante lezione data attraverso “Olesi: Fragments of an Earth” e “Umsindo”. E questo, perdonateci, fa pendere la lancetta del nostro apprezzamento leggermente al ribasso, nei confronti di un album che mostra le due cavarsela con un ottimo esercizio di stile, ma che ancora non lancia segnali di vero carattere. L'appuntamento col capolavoro è quindi rimandato.

(16/01/2013)

  • Tracklist
  1. awE
  2. Bitch
  3. Earthseed
  4. QueenS
  5. Existinct
  6. Deeper
  7. Sweat
  8. Juiced
  9. God
  10. Enchantruss
  11. Needs
  12. Crash
  13. naturalE
THEESatisfaction su OndaRock
Recensioni

THEESATISFACTION

EarthEE

(2015 - Sub Pop)
Un nuovo frullato di concettuale black music dalla coppia di Seattle

THEESATISFACTION

And That's Your Time

(2013 - self-release)
L'ennesima centrifuga black nell'Ep delle due ragazze di Seattle

THEESatisfaction on web