Woods

Bend Beyond

2012 (Woodsist) | psych-folk

Era un po’ quello che, almeno da qui, si chiedeva ai Woods: mettere da parte le velleità kraut e psichedeliche, quei vezzi di dieci minuti inseriti a forza tra i motivetti “carini” impostati dal falsetto così hipster di Jeremy Earl. Ma, ora che il tutto è successo, si scopre che il sogno era migliore della realtà, e i Woods una band come tutte le altre.
“Bend Beyond”, settimo disco di una band che dal 2007 pubblica un disco all’anno, non è un nuovo “At Echo Lake”, perché non rappresenta il condensato di un’esperienza di backdoor-pop psichedelico e da cassetta in qualcosa di più completo e maturo. Certifica semplicemente la definitiva normalizzazione della band, al di là dell’appena percettibile patina sperimentale che ancora li contraddistingue.

Insomma questo nuovo lavoro è più un disco da Sub Pop, che da Woodsist, un collage di canzoncine che pescano ormai dal folk-rock e dal country, piuttosto che dalla West Coast, con qualche citazione di Dylan (“It Ain’ Easy”), dei Byrds, finanche dei Doors (“Find Them Empty”).
È già l’iniziale title track a tracciare la rotta, con quel gusto psichedelico insinuante che è marchio di fabbrica della band, in una canzone però che ha quel tanto di meccanico, di schematico da rendere inefficace l’espediente di far seguire il ritornello finale al lungo intermezzo psichedelico.

Qualche segno di vita per la verità c’è, soprattutto quando i Woods tentanto di alzare un po’ il tiro rispetto a canzonette come “Cali In A Cup”, in particolare in “Size Meets The Sound”, pezzo finalmente provvisto di una qualche volontà espressiva, e nei CSN di “Impossible Sky”, una delle poche tracce in cui trapela un’emozione.
Quest’ultima è quella che è un po’ sempre mancata, ai Woods: esperti ormai nel giocare con gli accordi, ma ancora non nel “fare sul serio”.

(24/09/2012)



  • Tracklist
  1. Bend Beyond
  2. Cali In A Cup
  3. Is It Honest?
  4. It Ain't Easy
  5. Cascade
  6. Back To The Stone
  7. Find Them Empty
  8. Wind Was The Wine
  9. Lily
  10. Size Meets The Sound
  11. Impossible Sky
  12. Something Surreal
Woods su OndaRock
Recensioni

WOODS

Love Is Love

(2017 - Woodsist)
Terapia di gruppo e amore universale nell'ennesima uscita a marchio Woods

WOODS

City Sun Eater In The River Of Light

(2016 - Woodsist)
La band di Jeremy Earl alle prese con il funk e il jazz

WOODS

With Light And With Love

(2014 - Woodsist)
Il nuovo capitolo della band di Jeremy Earl tra i fantasmi del lo-fi e cristallino psych-folk ..

WOODS

Sun And Shade

(2011 - Woodsist)
Continua l'impeto creativo di una delle band pił in vista del panorama freak-pop statunitense

WOODS

At Echo Lake

(2010 - Woodsist)
La lussureggiante alchimia lo-fi del gruppo di Brooklyn ammicca alla West Coast

News
Live Report
Woods on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.