Il Lungo Addio

Disperate Abitudini

2013 (autoprod.) | songwriter

Fabrizio Testa, già attivo nel 2013 con il poemetto elettronico e corale di “Mastice”, si rimangia quelle intenzioni avanguardistiche per tornare a un suo vecchio progetto di tradizionale cantastorie folk per sola acustica e voce, Il Lungo Addio, basato su litanie nude - ma cantate con discutibile enfasi e narrate con eccessi di egocentrismo privato - e sulle personificazioni stereotipate, in alternanza, di Fabrizio De André, Jack Kerouac, Charles Bukowski, Tom Waits.

A partire dal 2010, Testa confeziona con questo nome di battaglia diversi Cd-r e diversi concerti in giro per la Romagna, le cui highlight sono la spettrale “Cesenatico”, la quasi orecchiabile “Fino alla Fine di Cervia”, i radiomessaggi che interferiscono in “Pastis”, l’ingenua parodia del “Trans-Europe Express” Kraftwerk-iano in “Transexual Esperience”, sovrapposto a spezzoni d’interviste di strada, l’effetto riverbero vocale di “Lungomare” e quello sdoppiato di “Nascosto tra le Foglie”, a donare un minimo di drammaturgia alle sue smunte canzoni.

Il nuovo “Disperate Abitudini” importa la chitarra elettrica, avulsa da qualsiasi distorsione, in luogo dell’acustica, ma il risultato è davvero lo stesso, tanto nel fare da bluesman di “Domenica” quanto nel monologo apatico che si trascina su un sottofondo di arpeggi generici della title track.
Talvolta affiora un certo amore per il pop italiano dei primordi, dai sovratoni alla Claudio Villa di “Spiaggia Libera”, allo stornello da falò di “Io Non Sarò Qui”, al lentone arpeggiato da serenata di “La Noia”. Ma aprono e chiudono sempre e comunque due numeri spettrali, “Fumo”, dal canto ostentatamente roco, e la rarefatta e silenziosa “Morire a Misano”.

Collezione di brevi epitaffi senza pretese che riecheggiano chansonnier e maledettismo. Non è musica ma risaputa poesia cantata sulla caducità della vita di provincia, per questo spesso sgrammaticata nella forma-canzone e ingloriosamente amatoriale nella resa. Liriche raffazzonate, anche se qui e là pregne di sonnolenta disperazione.

(27/09/2013)

  • Tracklist
  1. Fumo
  2. Io Non Sarò Qui
  3. Domenica
  4. Spiaggia Libera
  5. La Noia
  6. Disperate Abitudini
  7. Morire a Misano
Il Lungo Addio su OndaRock
Recensioni

IL LUNGO ADDIO

Tutti nuotammo a stento

(2018 - Tropico Records)
Il ritorno di Fabrizio Testa, ancora tra Romagna e nostalgia

IL LUNGO ADDIO

Pinarella Blues

(2014 - Wallace)
Primo albo ufficiale dell’alter ego di Fabrizio Testa, all’insegna di una nostalgia fatalista ..

Il Lungo Addio on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.