Joseph Arthur

The Ballad Of Boogie Christ - Act 2

2013 (Real World / Lonely Astronaut) | songwriter, folk-rock

La strada corre veloce, inghiottita dalle ombre della notte. Il cuore in gola, gli occhi ingombri di sogni. Lui le comprerà un anello di fidanzamento, lei si stringerà a lui davanti all’orizzonte dell’oceano. Ma il lampeggiare delle luci della polizia nello specchietto retrovisore si riflette all’improvviso sui loro volti. E in un istante spezza ogni illusione.

Il secondo atto di “The Ballad Of Boogie Christ” comincia con una sconfitta: una rapina finita male, il miraggio infranto di una vita diversa. Un racconto dai toni cinematografici, tratteggiato sul folk-rock teso e diretto di “Blue Lights In The Rear View”. È così che, dopo un primo capitolo all’insegna della grandeur, Joseph Arthur riprende le fila dell’ambizioso concept del suo “Boogie Christ”: con un taglio più asciutto e stringente, capace di offrire una convincente conferma del ritorno di ispirazione che questa trilogia ancora in progress ha portato nella sua musica.

 

Tutto il disco è giocato sul filo dei parallelismi con la prima parte dell’opera. Anche stavolta c’è il recupero in chiave acustica di un episodio di “Redemption’s City” (“Travel As Equals”), che acquista nuova efficacia nella rilettura incentrata su pianoforte e chitarra. Anche stavolta ci sono poesie free-form messe in musica, come testimonia il verboso srotolarsi di “Whisper Of Whispers”.
C’è il ricordo dell’infanzia, che in “Akron Skies” si insinua con l’atmosfera obliqua di certe pagine di “Come To Where I’m From”. Soprattutto, c’è quel connubio tra carnale e spirituale che rappresenta la cifra dell’affresco dipinto dal songwriter americano nel suo doppio album e che si riaffaccia negli interrogativi provocatori di “Maybe Yes” al passo di una rovente tirata loureediana.


Anche la traduzione in studio dei brani già rodati a lungo dal vivo, in passato non sempre riuscita, sembra trovare la via giusta sul tappeto di percussioni di “I Am The Witness”. La pedal steel di Sam Cohen riveste di tinte bucoliche la delicatezza di “Holding The Void”, mentre i cori di “Junkies And Limousines” e “We Began To Dance Again” evocano una visione femminile a metà strada tra musa e sirena, che si intreccia alla figura dello sfuggente Boogie Christ intorno a cui ruotano tutti i brani.

“È la storia di un folle che crede di essere un genio, o forse di un genio che crede di essere un folle”, afferma Arthur. Tra perdizione e salvezza, il riavvolgersi dei ricordi si trasfigura in parabola universale, alla ricerca di un punto di verità dietro alla disillusione, all’amore, al tradimento, alla speranza. “In my hopes and dreams forgiveness will be the only memory”, canta Arthur sul battito sintetico di “House Of Your Love”, costruendo una delle sue migliori ballate degli ultimi anni.

Ci sono due vie per affrontare la vita, sosteneva Terrence Malick in “The Tree Of Life”: la via della natura e la via della grazia. Una ossessionata dal possesso, fatalmente ripiegata su sé stessa. L’altra aperta alla realtà, libera dall’autocompiacimento. Il Boogie Christ di Joseph Arthur non ha dubbi su quale scegliere: “In The City There Is Grace”, proclama deciso l’epilogo dell’album.
Accompagnato dalle voci di Jenni Muldaur (figlia d’arte del più celebre Geoff) e della cantante soul C.C. White, Arthur dà vita a una sorta di trionfale inno folk-gospel, che tra fiati e svisate elettriche piacerebbe senz'altro al suo vecchio amico Ben Harper. “Give away your hunger, give away your pain/ Keep with you the wonder that saves you here again”: quando la grazia calca le strade della città, lo stupore è l'unica via per riconoscerla.

(08/11/2013)

  • Tracklist
  1. Blue Lights In The Rear View
  2. Maybe Yes
  3. I Am The Witness
  4. Travel As Equals
  5. Holding The Void
  6. Missy Baba
  7. Akron Skies
  8. Junkies And Limousines
  9. We Began To Dance Again
  10. Whisper Of Whispers
  11. House Of Your Love
  12. In The City There Is Grace
Joseph Arthur su OndaRock
Recensioni

JOSEPH ARTHUR

The Family

(2016 - Real World / True North)
Un vecchio pianoforte dà ad Arthur l'ispirazione per aprire il suo album di famiglia

JOSEPH ARTHUR

Days Of Surrender

(2015 - Lonely Astronaut)
Un regalo ai fan in confezione artigianale, direttamente dalle registrazioni casalinghe di Arthur

JOSEPH ARTHUR

Lou

(2014 - Vanguard)
L'omaggio appassionato di Joseph Arthur all'amico e maestro Lou Reed

JOSEPH ARTHUR

The Ballad Of Boogie Christ - Act 1

(2013 - Real World / Lonely Astronaut)
Il songwriter americano svela il primo atto del suo progetto più ambizioso

JOSEPH ARTHUR

Redemption City

(2012 - Lonely Astronaut)
Un doppio album in download gratuito a base di spoken word e accenti sintetici

JOSEPH ARTHUR

The Graduation Ceremony

(2011 - Lonely Astronaut)
Un ritorno solista che riconcilia il songwriter americano con la sua anima più autentica

JOSEPH ARTHUR

Could We Survive

(2008 - Lonely Astronaut)

Torna il Joseph Arthur dei tempi migliori per una nuova serie di Ep

JOSEPH ARTHUR

Crazy Rain

(2008 - Lonely Astronaut)
Suoni aspri e drum machine per il nuovo Ep del songwriter americano

JOSEPH ARTHUR

Vagabond Skies

(2008 - Lonely Astronaut)
Un Ep all’insegna delle ballate pop per il songwriter americano

JOSEPH ARTHUR

Foreign Girls

(2008 - Lonely Astronaut)

Arthur chiude il suo ciclo di Ep con il lato più solare

JOSEPH ARTHUR & THE LONELY ASTRONAUTS

Temporary People

(2008 - Lonely Astronaut)

Il songwriter americano nuovamente alla guida dei Lonely Astronauts

JOSEPH ARTHUR & THE LONELY ASTRONAUTS

Let's Just Be

(2007 - Lonely Astronaut)

L’improvvisata incursione rock di Joseph Arthur

JOSEPH ARTHUR

Nuclear Daydream

(2006 - Lonely Astronaut Records)

Un ritorno convenzionale per il songwriter americano

JOSEPH ARTHUR

Our Shadows Will Remain

(2004 - Vector Recordings)

JOSEPH ARTHUR

Redemption's Son

(2003 - Real World)

Joseph Arthur on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.