The Shak & Speares

Gagster

2013 (Freakhouse) | folk-punk

Sembra quasi di vederli e sentirli, questi The Shak & Speares, coi loro ritmi furbescamente rapidi prendersi gioco della forma-canzone diluendone o comprimendone i tempi. Sembra di vederli dalle parti di Pompei, a casa loro, prendere pezzi di punk per adattarlo a quel che hanno, a quel che sanno e alla tradizione.

“... A Woodchuck Chuck” sbuca dal nulla o quasi: il motivetto ingenuo che la introduce non prepara al peggio. Pochi secondi, invece, ed è un punk dolcemente sconnesso, quasi rock‘n’roll dalle tinte vagamente folk ma roba buona, garantiamo. Vengono alla mente, come è ovvio, gli Against Me! ma non ce ne vorranno Laura Jane Grace (e Tom Gabel) e soci se al loro surrogato mezzo pop furbetto gli preferiamo il chitarrismo apparentemente sbilenco di casa nostra. E poco male se la carenza di simmetrie (solo apparente, lo ripetiamo) sviluppa un suono che riporta alla mente le tarantelle dei tempi andati e non certamente un sound dal respiro europeo, celtico o balcanico che sia.

C’è un momento, in “How Much Is Love”, dove pare di rivedere i Modest Mouse di “The Lonesome Crowded West”. Ma è solo un’impressione poiché, se di somiglianza si tratta, è semplicemente perché gli The Shak & Speares ci arrivano facendo un percorso diverso: niente pop sporcato dal blues alterato dai primi vagiti emo ma un semplice euro-folk filtrato dal punk. L’effetto è simile ma le cause non sono neanche lontane parenti.

I quattro signori Marlowe (Frank, Max, Al e Louis) non si prendono troppo sul serio e non tradiscono dunque quanto di buono avevano fatto sentire coi tre singoli che hanno preceduto l’album (tutti con video al seguito e tutti su cd insieme ad altri cinque inediti). C’è una sottile linea scura che sembra unire le tracce di “Gagster”. Viene a galla al secondo o terzo ascolto e unisce, volenti o meno, un po’ tutte le tracce dell’album. E’ una sottile, sottilissima vena malinconica che è forse figlia proprio di quell’incedere finto-sbilenco che attira a sé il sublime e lo squallido del folk. “Zoolander”, “Tangosh” e “Fright Night”, ad esempio.

La chiave per comprendere “Gagster”, dunque, è forse proprio questa: una libertà espressiva totale con pochi e risoluti mezzi. Se proprio dovessimo trovargli un difetto, infatti, questo è proprio nella mancanza di coraggio nello spingersi oltre tenendo in considerazione l’anarchia costruttiva del quartetto. 
Ma è un debutto e, i Violent Femmes insegnano, va benissimo così.

(07/04/2013)

  • Tracklist
  1. ...A Woodchuck Chuck
  2. Stay Foolish, Stay Groupie
  3. Gypsies On The Cars
  4. Zoolander
  5. Bedrooms
6. Tangosh
  6. How Much Is Love
  7. Fight Night
The Shak & Speares su OndaRock
Recensioni

THE SHAK & SPEARES

Dramedy

(2014 - Freak House Records)
Dramma e commedia, oriente, occidente e mezzogiorno