Efdemin

Decay

2014 (Dial) | techno

La chiamano deep techno, ma nelle mani del dj berlinese Phillip Sollmann, alias Efdemin, sembra più che altro un'evoluzione notturna e rallentata della minimal techno che ha infuocato i dancefloor della capitale tedesca negli ultimi 15 anni. Finita la sbornia minimal, Berlino è stata invasa da un'onda di più morbide sonorità house, tale da far considerare come una sorta di resistenza techno i dj come Efdemin che continuano a suonare all'ombra dei migliori locali della città.

Interamente costruite con apparecchiature analogiche, le dieci tracce di "Decay" sono nate durante una lunga residenza di Efdemin a Kyoto. La tranquillità della metropoli giapponese ha influenzato l'atmosfera dell'intero lavoro (la copertina è disegnata prendendo spunto da una foto di un paesaggio scattata dallo stesso Phillip), colorando la techno di Decay con tinte a tratti bucoliche ("Some Kind Of Up And Down Yes"), a tratti psichedeliche ("Parallaxis").

Non esaltante come i primi suoi due album (l'omionimo "Efdemin" del 2007 e "Chicago" di tre anni dopo) ma altrettantro ben fatto.

(19/03/2014)

  • Tracklist
1. Some Kind Of Up And Down Yes
2. Drop Frame
3. Transducer
4. Solaris
5. Decay
6. Subatomic
7. Track 93
8. The Meadow
9. Parallaxis
10. Ohara
Efdemin su OndaRock
Recensioni

EFDEMIN

Chicago

(2010 - Dial)
La maschera pulsante di Phillip Sollman, schivo produttore techno dal bagaglio accademico

EFDEMIN

Efdemin

(2007 - Dial)
Ottime sospensioni "deep", con un taglio da dancefloor

Efdemin on web