Lily Allen

Sheezus

2014 (Regal/Parlophone) | electro-pop, r'n'b

La recensione per “Sheezus”, terza fatica nell’ormai lunga ma poco prolifica carriera della londinese, dovrebbe essere una di quelle facili, che si scrivono praticamente da sole: cantante indipendente e intelligente si infiltra nel sistema mainstream americano per criticarlo dall’interno ma usando le stesse armi finisce col rimanere schiacciata e trasformarsi lei stessa nel nemico. E come diretta conseguenza tutti a gridarle contro: “Ipocrita, venduta!”.
Eppure il nemico lo è diventata soprattutto di se stessa a giudicare dalla freddezza con cui sono stati accolti sinora, anche in madrepatria, i tanti singoli estratti per anticipare l’album. Chissà se si è pentita, Lily Allen, soprattutto quando lo scorso novembre vide volare a sorpresa in testa alla classifica britannica la sua delicata cover di “Somewhere Only We Know” dei Keane (realizzata per accompagnare uno spot natalizio e qui recuperata come bonus track) ben sapendo che ciò che avrebbe pubblicato da lì a breve sarebbe stato completamente diverso e che avrebbe probabilmente deluso le attese.

Chi, come il sottoscritto, si aspettava un nuovo album sulla scia del precedente e acclamato “It’s Not Me, It’s You”, squisitamente pop e raffinatissimo nel suo ovattato vestito electro-soft, oppure un ritorno al cockney-sound contaminato e stradaiolo del debutto si sarà sentito un po’ tradito nel constatare che il singolo femminista “Hard Out Here”, gioiosa ode all’autotune in salsa r’n’b/Edm, non era soltanto un ironico e sboccato divertissement, un caso isolato insomma, ma una stilistica dichiarazione d’intenti.  
Qualcosa non torna però, non sempre è tutto così semplice. E’ vero in “Sheezus” ci sono diverse concessioni al sound più modaiolo, dalla trap ormai imperante (l’ipnotica title track e “Silver Spoon”) al brostep di una pasticciata “URL Badman”, e le pur irresistibili progressioni di “L8 CMMR” e “Air Balloon” lasciano un retrogusto stupidino in bocca.  Tuttavia la verve interpretativa della Allen è intatta, i suoi testi sono ancora (quasi sempre) acuti e, soprattutto, le melodie dell’album sono tutt’altro che da buttare via.

Lo spassoso country elettrificato di “As Long As I Got You” ripete con successo il tiro di “It’s Not Fair” (e ha solo il difetto di suonare un po’ fuori luogo in un disco come questo) mentre ballate mid-tempo come “Take My Place” e la deliziosa “Our Time” non rientrerebbero nella scaletta del suo secondo album solo per via di una produzione vagamente più bombastica. Produzione per la quale non si è affidata al dj di grido, ma a quel Greg Kurstin con cui collabora dall’esordio e che sappiamo essere capace di suoni raffinatissimi (i suoi The Bird And The Bee) e impeccabili (The Shins) - che qui trovano conferma nel new jack swing riveduto e corretto di “Insincerely Yours” e “Close Your Eyes” - ma anche di dar man forte a ruspanti star d’oltreoceano come Pink (con cui la Allen aveva recentemente collaborato, lasciando intendere una simile svolta).

Anche Lily Allen è una popstar, nonostante tutto, e il suo imperfetto “Sheezus” suona esattamente come un disco pop dovrebbe suonare nel 2014, se rischia di scontentare è solo un problema di genere, perché realizzato da qualcuno che si credeva essere indipendente da certe dinamiche mainstream e non perché sia un prodotto scadente.
A ben ascoltare, senza pregiudizi, è probabilmente migliore degli ultimi lavori delle tante colleghe a cui dedica l’evitabile dissing nella title track; chiunque cerchi di portare un po’ di schiettezza e qualità, anche a costo di una leggera spersonalizzazione, in una scena musicale ormai fin troppo asettica dovrebbe essere addirittura ringraziato, non bastonato.

(12/05/2014)



  • Tracklist
  1. Sheezus
  2. L8 CMMR
  3. Air Balloon
  4. Our Time
  5. Insincerely Yours
  6. Take My Place
  7. As Long As I Got You
  8. Close Your Eyes
  9. URL Badman
  10. Silver Spoon
  11. Life For Me
  12. Hard Out Here
  13. Interlude
  14. Somewhere Only We Know (bonus track)




Lily Allen su OndaRock
Recensioni

LILY ALLEN

No Shame

(2018 - Parlophone)
Il disco più vulnerabile e amaro della popstress britannica, tra spunti caraibici e strutture ..

LILY ALLEN

It's Not Me, It's You

(2009 - Capitol)
La monella d'Albione nel suo secondo scacco matto al popolo mainstream, e non solo...

News
Lily Allen on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.