Dave Phillips & Hiroshi Hasegawa

Insect Apocalypse

2015 (Monotype Records ‎) | experimental, field-recording, noise

Un primo incontro tra Dave Phillips e Hiroshi Hasegawa (forse i più attenti ricordano quest'ultimo tra le fila degli YBO² o dei C.C.C.C.) c’era stato nel 1997, durante un concerto in quel di Tokyo. Durante gli anni successivi, i due musicisti continuarono a mantenere contatti più o meno stretti, fino a quando, nel 2012, per un’edizione giapponese del LUFF festival di Losanna, i due furono invitati a collaborare dal vivo. Il materiale nato per quell’evento, successivamente manipolato in studio, è uscito qualche mese fa con il nome di “Insect Apocalypse”, un lavoro destinato innanzitutto agli estimatori dei due musicisti ma anche agli appassionati delle manipolazioni rumoriste.

Con Phillips ai field-recordings e Hasegawa ai filtri e agli effetti, il disco si avventura lungo sentieri ostili e non di rado traumatizzanti, in cui i suoni concreti e quelli riprocessati finiscono, spesso e volentieri, per confondersi, dando vita, nell’immediato, a sudari elettrostatici che crescono tra rombi ed esplosioni assortite, mentre l’affastellarsi di milioni di insetti, invasa la scena, annuncia l’apocalisse (“Scrap Breeding”).
Con “Hexapod Retaliation” sconfiniamo nel vuoto pneumatico della drone-music, ma l’affresco è innanzitutto rivolto all’evocazione di una ruvida e lercia spirale di harsh-noise che, tra picchi assordanti e declivi riflessivi, finisce per risolversi in uno statico rumore di fondo. L’espressionismo disumano di queste partiture raggiunge il picco, in termini di saturazione e confusione delle sorgenti, con “Radioactive Darkness”, che fa pensare a una foresta di simboli sonori sempre più impenetrabile (la stessa che invaderà le casse alla fine di “Arthropod Frequency”) o a un flusso di coscienza per androidi sotto anfetamina.

Se, quindi, il brano più psicologico è “Anthophila Genocide”, con cui i nostri s’inabissano nell’oceano dell’inconscio collettivo, "Anuran Mutant", con i suoi quasi ventiquattro minuti di durata, rappresenta invece il momento più enigmatico, andando a comporre un mosaico in lenta evoluzione in cui convivono sinistre fluttuazioni e vischiosi rigurgiti di dark-ambient, fuori bordo cosmici dentro buchi neri percettivi e sprazzi di glitch-music dell’iperspazio, detour tra i meandri di caverne marziane e registrazioni sul campo di quelli che, con tutta evidenza, sono rospi alieni.

(11/10/2015)

  • Tracklist
  1. Scrap Breeding     
  2. Hexapod Retaliation     
  3. Radioactive Darkness     
  4. Anuran Mutant     
  5. Anthophila Genocide     
  6. Arthropod Frequency

Dave Phillips su OndaRock
Recensioni

DAVE PHILLIPS

Homo Animalis

(2014 - Schimpfluch Associates)
Nel solco dello "humanimalism", il musicista svizzero declina una spietata sinfonia concretista

Dave Phillips & Hiroshi Hasegawa on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.