Steve Von Till

A Life Unto Itself

2015 (Neurot) | songwriting, folk

Le tinte dark-folk del grande libro noir di Steve Von Till giungono al capitolo numero quattro: il leader dei Neurosis, attivo anche con il cult project Harvestman, rinnova le brumosità che contraddistinguono la propria musica con sette nuove tracce intensissime e personali.
“A Life Unto Itself” ci torna a far immergere nelle atmosfere minimali del cantautore, dove l’ambientazione è spesso affidata a qualche accordo di chitarra, alla sua voce profonda, a semplici e ripetitivi ricorsi al piano, e a pochissimo altro.

Tutto è buio e dolente, i fantasmi che popolano gli incubi (“Chasing Ghosts”) di Von Till sono perfettamente schierati, la speranza di redenzione è soltanto una chimera lontanissima.
Le costruzioni sono architettate per posizionarsi ad anni luce di distanza dal post-metal della band-madre, anche se rispetto alle prime uscite soliste, qui il discorso si fa un tantino meno rarefatto.

Sin dalle prime note di “In Your Wings” chitarre acustiche e slide disegnano i landscape di riferimento, sui quali la voce baritonale di Von Till si adagia sicura, a metà strada fra Lanegan e Waits.
L’evocativa “A Language Of Blood” è un pregevole esempio di psichedelia folk, spesso ricorrente fra questi solchi, mentre il gioco delle ripetizioni trova il proprio apice nelle ossessioni di “Night Of The Moon”.

I brani, tutti alquanto strutturati (tre superano i sette minuti, nessuno scende sotto i cinque), lasciano spazio a digressioni strumentali, squarciati ora dai synth, ora da tenui orchestrazioni, con i ritornelli che entrano dritti sottopelle, senza mai voler essere consolatori.
“A Life Unto Itself” è un disco intriso di maledettismo, perfetto per assestare in maniera definitiva la figura di Von Till fra i songwriter di riferimento dei nostri giorni, tanto quanto un John Grant o un Mark Kozelek.

(27/06/2015)

  • Tracklist
  1. In Your Wings
  2. A Life Unto Itself
  3. A Language Of Blood
  4. Night Of The Moon
  5. Birch Bark Box
  6. Chasing Ghosts
  7. Known But Not Named
Steve Von Till su OndaRock
Recensioni

STEVE VON TILL

A Grave Is a Grim Horse

(2008 - Neurot)
Tornano le intense atmosfere folk del leader dei Neurosis

Steve Von Till on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.