AA.VV.

C16 - Pure Italian Gems

2016 (Lady Sometimes Records) | alt-rock, shoegaze

Lady Sometimes è una nuova piccola etichetta romana che sta cercando di emergere e farsi portavoce di una nicchia del sottobosco indie italiano, concentrandosi in particolare su shoegazenoise, suoni molto anni 90 che continuano a essere frequentati da moltissimi musicisti in erba, alla difficile ricerca di un indispensabile spazio vitale.
Nel 1986 il New Musical Express, celeberrimo magazine specializzato britannico, pubblicò una cassettina denominata “C86”, con dentro 22 tracce, fra le quali spiccavano i nomi di Primal Scream, Pastels e Wedding Present, accomunati da una decisa attitudine lo-fi che avrebbe fatto scuola, inaugurando la felice stagione del primissimo indie-pop inglese.

Esattamente trent’anni dopo, Lady Sometimes sceglie 14 canzoni che dichiarano il proprio amore per le chitarre distorte e per i synth analogici, mettendo al bando le standardizzazioni da network radiofonico e le produzioni iper-patinate da classifica, concentrandosi sul do it yourself come mezzo per diffondere i propri suoni e le proprie idee. Ne esce fuori un mixtape che ha il dichiarato intento di promuovere non soltanto le produzioni della label stessa, ma di un segmento decisamente rappresentativo della scena indipendente nazionale dei nostri giorni.

Di Flying Vaginas, Weird e Big Cream abbiamo già scritto negli scorsi mesi, e molto bene, degli Human Colonies lo faremo nei prossimi giorni, dei Tiger! Shit! Tiger! Tiger!, che aprono la compilation, si parla sempre di più come una delle più accreditate next big thing di casa nostra, ma per “C16” sono state selezionate anche alcune proposte al momento più “piccole”, sconosciute ai più, ponendo attenzione a visioni e stili diversificati.
Il risultato è una bella compilation, con i We Melt Chocolate che fondono attitudine alt-pop e richiami dreamy, gli How Piano intenti a disegnare scenari psichedelici, i Tirrenian pronti a contribuire sul versante  acustico avvolgendo con dolcezza notturna e piglio folk; i Diverting Duo puntano sui beat elettronici, Dull Company Myself, Paisley Reich e Klam si aprono a influenze wave, i Blauss si spingono verso soluzioni orecchiabili, mentre i My Invisible Friend restano i più prossimi ai suoni tanto cari alla label di casa, creando un muro di chitarre che si ispira chiaramente alla lezione dei My Bloody Valentine.

“C16”, inizialmente pubblicata esclusivamente in formato musicassetta da 30 minuti per lato in un centinaio di esemplari, è andata rapidamente esaurita, ma sarà presto di nuovo disponibile; nel frattempo è possibile ascoltarla e scaricarla (gratuitamente o facendo un’offerta libera, as you want) dalla pagina Bandcamp di Lady Sometimes Records.
Chissà se in futuro resterà un oggetto di culto per collezionisti, oppure diventerà un cd, come accadde alla “C86” del NME. Non siamo l’Inghilterra, ma anche qui da noi ci sono belle realtà musicali che meritano ben altra visibilità: piccoli progetti come questo danno un aiuto non indifferente, e diventano oggi assolutamente indispensabili.

(12/01/2017)

  • Tracklist
  1. Tiger! Shit! Tiger! Tiger! – The Smell
  2. Weird – Forever Floating Feels
  3. We Melt Chocolate – Space Girl
  4. Big Cream – What A Mess
  5. How Piano – Pandas Eat Eucalyptus
  6. Tirrenian – Odaiba
  7. Flying Vaginas – Coherence Riot
  8. Dull Company Myself – Language
  9. Diverting Duo – Your Brightest Day
  10. Human Colonies – Falling Deeper
  11. Paisley Reich – Nowhere
  12. Blauss – A While Ago
  13. Klam – Klamydia
  14. My Invisible Friend - Eyes
Populista presents (AA.VV.) su OndaRock
Recensioni

POPULISTA PRESENTS (AA.VV.)

Franz Schubert Winterreise

(2016 - Bolt)
Un trittico per rileggere il ciclo di lied romantici in chiave contemporanea

AA.VV.

Sulla giostra nell'ombra

(2014 - Violet Poison)
Danze meccaniche di carni e ritmi bellici verso un futuro incombente

AA.VV.

Killed By Deathrock, Vol. 1

(2014 - Sacred Bones)
Undici gemme dark-punk degli anni Ottanta raccolte in una compilation dalla newyorkese Sacred Bones Records ..

AA.VV.

Roll This Compilation Baby

(2013 - autoprodotto)
Dodici promettenti band di Latina in una compilation che si muove fra garage-rock, psichedelia e power ..

AA.VV.

The Next Wave

(2012 - A Buzz Supreme)
Meritevole raccolta con diciotto esponenti della nuova scena alt-rock fiorentina

AA.VV.

Miniature (Vol. 1)

(2012 - MiaCameretta Records)
Quaranta tracce in trentasette minuti: la prima compilation di MiaCameretta Records

AA.VV.

One Of My Turns - A Tribute To Pink Floyd

(2012 - Mag - Music Productions)
Quindici band emergenti rendono omaggio alla storica formazione inglese

AA.VV

Fac. Dance 2: Factory Records 12" Mixes & Rarities 1980-1987

(2012 - Strut Records)
Nuovo volume dell'antologia che scava tra le raritÓ della Factory

News


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.