Marc Almond

Shadows And Reflections

2017 (BMG) | torch-song

Realizzare un album di cover è una delle soluzioni più semplici ed eleganti per riempire un vuoto creativo, ma per un musicista come Marc Almond pescare nel canzoniere pop degli anni 60 e 70 ha da sempre rappresentato qualcosa di più che un semplice viaggio nella nostalgia. Agli inizi della sua carriera con i Soft Cell, fu proprio una cover di un brano scritto da Ed Cobb e portato al successo da Gloria Jones, "Tainted Love", il passe-partout per la notorietà internazionale. Anche nel percorso da solista l'artista inglese ha sempre sottolineato il suo amore per il passato, interpretando brani di Gene Pitney o David McWilliams con la stessa intensità con la quale ha affrontato canzoni di Jacques Brel, Lou Reed o Peter Hammill.

"Shadows And Reflections" non è però un album nostalgico: Almond si scopre novello Scott Walker, era Walker Brothers, affrontando un repertorio dove Burt Bacharach e Yardbirds scorrono su un unico binario emotivo, che è più simile a quello di un concept album. Protagonista di questo racconto è un uomo che guarda il mondo dai vetri del suo lussuoso appartamento ricco di oggetti e ricordi, mentre la musica in sottofondo prova a riempire il leggero senso di vuoto e di solitudine del protagonista. Il suono concepito da Marc e John Harle è affine a quello delle colonne sonore anni 60 del cinema italiano, con ampie orchestrazioni e armonie ricche e sontuose, una scelta stilistica che rischia di deludere molti fan dell'istrionico cantante inglese.

Anche se privo d'innovazioni e colpi di scena (Marc ha dichiarato che la perfezione degli originali non necessitasse eccessive digressioni), "Shadows And Reflections" conferma le doti d'interprete di Marc Almond, che affronta con tono da perfetto crooner "Blue On Blue" di Burt Bacharach e "How Can I Be Sure" dei Young Rascals, iniettando un po' di magia quasi teatrale nelle più trascinanti "I Know You Love Me Not" di Julie Driscoll e in "The Shadow Of Your Smile" di Johnny Mandel.
A volte, però, le emozioni restano in superficie ("Something Bad On My Mind" di Timi Yuro) o sommerse dagli arrangiamenti ingombranti (la title track degli Action), ma tra pregevoli intuizioni ("I'm Lost Without You" di Billy Fury) e tesori poco noti del baroque-pop ("From the Underworld" degli Herd) l'artista mette in riga una graziosa colonna sonora retrò, dove anche l'ottimo strumentale di Harle ("Overture") e l'inedita "Embers" preservano quell'atmosfera melodrammatica e tardo romantica che è alla base di questo atipico progetto di cover.

In questo mix profano di mainstream e canzone d'autore di "Shadows And Reflections" si nasconde un ripristino culturale della pop art intesa come cultura di massa, dove la trasgressione artistica si consuma nella quotidianità e nell'amore per le piccole cose, una costante del percorso stilistico del musicista di Southport, che in passato ha rivolto il suo sguardo alla musica francese e russa con identica passione e incoscienza, poco turbato dal riscontro del pubblico e fermamente convinto che in quel naturale equilibrio tra commedia e tragedia si nasconda il senso della vita.

(28/09/2017)



  • Tracklist
  1. Overture
  2. Shadows And Reflections
  3. I'm Lost Without You
  4. How Can I Be Sure
  5. Something Bad On My Mind
  6. Blue On Blue
  7. I Know You Love Me Not
  8. Interlude
  9. From The Underworld
  10. Still I'm Sad
  11. Embers
  12. Not For Me
  13. All Thoughts Of Time
  14. The Shadow Of Your Smile
  15. No One To Say Goodnight To


Marc Almond su OndaRock
Recensioni

MARC ALMOND

Stranger Things: Deluxe Edition

(2010 - Cherry Red)
Ristampa per collezionisti dell'album del 2001 prodotto da Jóhann Jóhannsson ..

MARC ALMOND

VarietÚ

(2010 - Strike Force)
Dopo molti anni l'ex-Soft Cell pubblica un album di brani scritti di proprio pugno

MARC ALMOND

Orpheus In Exile: The Songs Of Vadim Kozin

(2009 - Cherry Red Records)
Il secondo viaggio dell'ex-Soft Cell nel mondo del pop russo del secolo scorso

MARC ALMOND

Stardom Road

(2007 - Sanctuary Records)

L'ex-Soft Cell ritorna dopo un drammatico incidente

MARC & THE MAMBAS

Torment And Toreros

(1983 - Some Bizarre)
"Un esaurimento nervoso su vinile": i dolori del giovane Almond in un ambizioso e affascinante doppio ..

SOFT CELL

Non Stop Erotic Cabaret

(1981 - Some Bizarre)
La torbida passionalità di Almond e l'algida precisione dei synth in una magica alchimia

News
Marc Almond on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.