Parquet Courts

Wide Awake!

2018 (Rough Trade) | alt-rock

Non saranno prolifici quanto i King Gizzard o Ty Segall, ma anche i Parquet Courts, from New York City, si difendono bene in quanto a svizzera puntualità. Fra album in proprio, progetti diffusi sotto false spoglie (il “Content Nausea” pubblicato con la ragione sociale immaginaria Parkay Quarts), collaborazioni trasversali (recente quella con Daniele Luppi e Karen O per “Milano”) e il timido inizio di promettenti percorsi solisti (“Thawing Dawn”, firmato lo scorso anno da Andrew Savage, dal taglio decisamente cantautorale), i ragazzi hanno quasi sempre un disco nuovo in circolazione, e la qualità (eccezion fatta per qualche vezzo trascurabile, come il più sperimentale “Monastic Living”) si attesta sempre su livelli medio-alti.

“Wide Awake!” li conferma in gran salute e sempre più trasversalmente onnivori: se l’iniziale “Total Football” si esprime in un linguaggio tendenzialmente punk oriented, ricollegandosi ai precedenti lavori della band, più avanti le sorprese e i cambi di registro non mancano. In particolare, i Parquet Courts confermano di saper coniugare il ritmo del funk metropolitano (la cattiveria impressa in “Violence”) con l’urgenza espressiva del garage rock, vedi la mirabile “Almost Had To Start A Fight/ In And Out Of Patience”, in pratica due brani in uno, ripresi parzialmente live.

Resistono sia l’Americana obliqua di matrice Pavement - in “Mardi Gras Beads” e “Freebird II” - che i guizzi post-hardcore in grado di fondere Fugazi e Husker Du – ma filtrati attraverso la capacità di sintesi che fu dei Minutemen – arditamente concretizzati prima in “Normalization” e poco oltre nella doppietta “NYC Observation”/“Extinction”, che conferisce una bella scossa alla parte finale del lavoro. Ma in aggiunta questa volta troviamo anche le festaiole derive disco-funk introdotte dal singolo anticipatore, il quale non a caso dà il titolo all’intero album.

Apprezzati nel circuito alternativo per l’innata capacità di fondere assieme due importanti New York del passato, quella proto-punk dei Velvet Underground con quella alt-noise dei Sonic Youth, i Parquet Courts sono giunti, disco dopo disco, a sviluppare una propria distinta personalità, spingendosi con “Wide Awake!” verso nuovi territori - anche grazie alla presenza in cabina di regia di Danger Mouse – senza mai dimenticare l’importanza di essere accessibili. Rinnovando il proprio posizionamento, con merito, nella ristretta cerchia delle band di riferimento del circuito alt-rock americano degli anni 10.

(21/05/2018)

  • Tracklist
  1. Total Football
  2. Violence
  3. Before The Water Gets Too High
  4. Mardi Gras Beads
  5. Almost Had To Start A Fight / In And Out Of Patience
  6. Freebird II
  7. Normalization
  8. Back To Earth
  9. Wide Awake
  10. NYC Observation
  11. Extinction
  12. Death Will Bring Change
  13. Tenderness




Parquet Courts su OndaRock
Recensioni

PARQUET COURTS

Sympathy For Life

(2021 - Rough Trade)
Il disco più eterogeneo sin qui prodotto dal quartetto newyorkese si spinge verso modalità ..

DANIELE LUPPI & PARQUET COURTS

Milano

(2017 - 30th Century)
Storie della Milano anni 80 rivestite da suoni newyorchesi, con Karen O ospite in quattro tracce ..

PARQUET COURTS

Human Performance

(2016 - Rough Trade)
Il quartetto newyorkese mescola la psichedelia velvettiana con i rumorismi dei Sonic Youth

PARQUET COURTS

Monastic Living

(2015 - Rough Trade)
Un Ep experimental noise segna l'esordio per Rough Trade della band newyorkese

PARQUET COURTS

Sunbathing Animal

(2014 - Rough Trade, What's Your Rupture?)
Il nuovo incendiario lavoro del quartetto di Brooklyn, tra i migliori dischi dell'anno

PARQUET COURTS

Tally All The Things That You Broke

(2013 - What's Your Rupture?)
Riscopriamo il bruciante Ep del quartetto americano, dalle session di "Sunbathing Animal"

PARQUET COURTS

Light Up Gold

(2013 - What's Your Rupture?)
Anthem punk in miniatura e influenze Pavement/Modern Lovers nel notevole esordio dei Parquet Courts

News
Parquet Courts on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.