TaxiWars

Artificial Horizon

2019 (Sdban Ultra) | jazz, soul, rock

Il regista e musicista belga Thomas Andrew Barman (Deus) ha già in passato messo in luce la sua dedizione per la musica jazz, curando e supervisionando la messa a punto di alcune compilation, ma con l’aiuto dei preziosi complici di questa avventura collaterale, Robin Verheyen (sassofono), Nicolas Thys (basso) e Antoine Pierre (batteria), da tempo dà libero sfogo alla sua natura musicale meno nota.

Giunti al terzo album, i TaxiWars con "Artificial Horizon" spostano l’accento sul ritmo, tenendo saldo l’occhio, e l’orecchio, alla tradizione di due prestigiose etichette jazz: Blue Note e Impulse.
Il risultato è vibrante, tra groove incalzanti e raffinati, moduli sonori hip-hop (“Drop Shot”), tracce di soul (“They'll Tell You You've Changed”), l’urgenza del be-bop (“The Glare”, “Safety In Numbers”), scampoli funk (“Sharp Practice”), contaminazioni jazz-rock (“Infinity Cove”). Elementi stilistici amalgamati con un’energia travolgente e una perizia tecnica ai limiti della perfezione, che lascia comunque fluire il tutto con una versatilità che rimanda a Miles Davis.

Le due anime del progetto, Thomas Andrew Barman e Robin Verheyen, mettono a frutto più le differenze che le analogie: “Artificial Horizon” è a tutti gli effetti un disco di moderno be-bop scandito con i tempi del jazz, dell’hip-hop e del pop-soul.
Il motore di questa sinergia intellettuale è affidato alla sezione ritmica: tempi concisi, contaminazioni inattese (gli archi e il sentore latino di “Different Or Not”) e groove incessanti sono padroni dell’intero progetto, ad eccezione della già citata “They'll Tell You You've Changed” e della notturna ed estatica “Irritated Love”. Ennesimi preziosi tasselli di un disco che, pur restando nell’ambito del jazz, ne ribalta alcune prospettive con uno spirito quasi punk, che oltre a prediligere il ritmo, rinuncia al solipsismo tipico degli assolo strumentali, puntando a una coralità che è affine alla visione di Shabaka Hutchings (Sons Of Kemet, Comet Is Coming etc.) e della nuova frontiera jazz europea.

(09/12/2019)



  • Tracklist
  1. Drop Shot
  2. Sharp Practice
  3. Artificial Horizon
  4. The Glare
  5. Irritated Love
  6. Infinity Cove
  7. Safety In Numbers
  8. Different Or Not
  9. They'll Tell You You've Changed
  10. On Day Three




TaxiWars on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.