TOY

Songs Of Consumption

2019 (Tough Love) | psych, kraut, post-punk, electro

A pochi mesi dalla pubblicazione di “Happy In The Hollow” i TOY immettono sul mercato un album di cover, che integra tre tracce bonus già incluse nel disco precedente. Nella veste di meri esecutori puntano su arrangiamenti che restano quasi sempre allo stato minimale, ricorrendo massicciamente a beat electro e drum machine, andandosi a posizionare in quella terra di confine fra kraut, psichedelia e post-punk che da sempre ha caratterizzato le loro produzioni.

I TOY travasano tutta la propria estetica in queste otto tracce, reggendosi però fondamentalmente sulla narcotizzazione di “Down On The Street” degli Stooges (traccia che apriva il leggendario “Funhouse”, 1970) e sulla rielaborazione (migliorandola secondo chi scrive) di “Fun City” dei Soft Cell (originariamente apparsa su “Non-Stop Erotic Cabaret”, 1981). Per il resto c’è il divertissement di revisionare la Amanda Lear di “Follow Me” e di mandare in un loop infinito l’algida Nico di “Sixty Forty”.
Le chitarre danno forza a “Lemon Incest”, dal repertorio di Serge e Charlotte Gainsbourg, mentre poco o niente altro aggiungono l’inutile rilettura di “Always On My Mind”, che si rifà alla versione edita anni fa già dai Pet Shop Boys, e il cosmico omaggio ai Troggs di “Cousin Jane”. Chiude il lavoro la strumentale “A Doll’s House”, colonna sonora scritta da John Barry nel 1973.

In “Songs Of Consumption” non c’è lo sforzo compositivo e, pur emergendo la non comune capacità di rivestire del proprio suono le canzoni altrui, dubito possa essere questo il disco dei TOY che ci ritroveremo ad ascoltare fra qualche anno ripensando ai loro tempi migliori…

(18/11/2019)

  • Tracklist
  1. Down On The Street (Stooges)
  2. Follow Me (Amanda Lear)
  3. Sixty Forty (Nico)
  4. Cousin Jane (Troggs)
  5. Fun City (Soft Cell)
  6. Lemon Incest (Charlotte & Serge Gainsbourg)
  7. Always On My Mind (B.J. Thomas)
  8. A Doll’s House (John Barry)
TOY su OndaRock
Recensioni

TOY

Happy In The Hollow

(2019 - Tough Love)
Nuove frontiere stilistiche per il quarto album della band capitanata da Tom Dougall

TOY

Clear Shot

(2016 - Heavenly)
Dopo due grandi prove, nuovo episodio per la saga del quintetto londinese

TOY

Join The Dots

(2013 - Heavenly)
Il sophomore della band londinese ne conferma le grandi qualità

TOY

TOY

(2012 - Heavenly / COOP Music)
Decenni di kraut-rock, shoegaze e post-punk riformulati nell'album d'esordio della band britannica

News
Live Report
TOY on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.