Ty Segall

Deforming Lobes

2019 (Drag City) | heavy-psych

Un album dal vivo di Ty Segall così diretto (uno dei più elettricamente intensi della sua sterminata produzione) rende giustizia a una discografia tanto dispersiva, non sempre all’altezza della fama del prode cavaliere psichedelico. “Deforming Lobes” non riesce quasi a contenere l’enorme energia che sprigiona, proponendo un menù che spazia dalle strutturate jam old school contenute in “Warm Hands” e “Love Fuzz” (non a caso, poste agli estremi della tracklist) ai fracassoni brani che bruciano violentemente nello spazio di poco più di due minuti (“Squealer”, “Breakfast Eggs”, “The Crawler”, “They Told Me Too”).

Le registrazioni sono state selezionate da tre date tenute al Teragram Ballroom di Los Angeles nei giorni della pubblicazione di “Freedom’s Goblin”, gennaio 2018, anche se nessuna traccia di quel disco è qui presente. Del mastering si è occupato (udite udite) Steve Albini, il quale ha contribuito a conferire al suono la potenza che possiamo percepire, perseguendo la (condivisibile) scelta estetica di porre in evidenza più le canzoni che il pubblico, spostato in secondo piano nel mix finale, tanto che la sensazione è quella di ascoltare delle forsennate registrazioni riprese in studio.

Se desiderate avvicinarvi alla musica del bulimico Ty Segall evitando di perdervi in cervellotici slalom e lungaggini di troppo, “Deforming Lobes” è una delle scelte più azzeccate: otto tracce che mettono in evidenza il suo lato più “heavy”, a discapito delle sponde psych o folkye ampiamente rintracciabili altrove.
In futuro Segall potrebbe spostarsi stilisticamente altrove, sperimentando - si dice - derive elettroniche: godiamoci allora questa trasfusione di chitarre che rischia di chiudere un’era per uno dei migliori menestrelli del nuovo millennio. Uno dei pochi artisti al mondo in grado di elaborare lavori moderni che sanno di antico, riuscendo a non far apparire il mix indigesto.

(02/04/2019)

  • Tracklist
  1. Warm Hands
  2. Squealer
  3. Breakfast Eggs
  4. The Crawler
  5. Finger
  6. They Told Me Too
  7. Cherry Red
  8. Love Fuzz
Ty Segall su OndaRock
Recensioni

TY SEGALL

First Taste

(2019 - Drag City)
Lo psych-rock del genietto californiano si apre verso nuovi ulteriori orizzonti sonori

TY SEGALL

Freedom's Goblin

(2018 - Drag City)
Grande libertà espressiva nel monumentale doppio album del rocker californiano

TY SEGALL

Fudge Sandwich

(2018 - In The Red)
Undici cover a colpi di fuzz: così il genietto californiano omaggia alcuni dei propri eroi ..

TY SEGALL

Ty Segall

(2017 - Drag City)
Secondo album eponimo per il californiano, prodotto a sorpresa da Steve Albini

TY SEGALL

Emotional Mugger

(2016 - Drag City)
Prosegue la saga garage dell'ultimo menestrello del rock'n'roll

TY SEGALL

Manipulator

(2014 - Drag City)
Il disco del probabile sdoganamento per il rocker di Laguna Beach

TY SEGALL & MIKAL CRONIN

Reverse Shark Attack

(2013 - In The Red)
Ristampata la collaborazione tra le due stelle del garage-rock

TY SEGALL

Sleeper

(2013 - Drag City)
Un disco terapeutico per Ty, dedicato al padre appena scomparso

TY SEGALL

Twins

(2012 - Drag City)
Quarto Lp in un anno per il "mostro" di Laguna Beach

News


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.