Violent Femmes

Hotel Last Resort

2019 (PIAS) | folk-punk

Che la reunion dei Violent Femmes (che comunque della formazione originale conta i soli Gordon Gano e Brian Ritchie) non fosse tra le più riuscite, era chiaro già dal fiacco "We Can Do Anything" del 2016, ma a formazioni pioniere come i folk-punker di Milwaukee va concesso sempre il beneficio del dubbio, una riprova. Lo abbiamo dunque atteso con fiducia, speranza e curiosità, questo "Hotel Last Resort", capitolo numero dieci di una discografia spalmata lungo tre lustri.

Purtroppo il risultato non è valso l'attesa, tanto che la metafora scelta come titolo dell'opera, oltre che l'attuale quadro politico americano, ben dipinge anche le attuali condizioni della band di Gano. Tocca infatti aspettare l'ospitata di Tom Verlaine nella title track per provare un sussulto, certo incapace di risollevare le sorti del disco, ma degno di menzione – forse solleticata inconsciamente dal prestigio del nome in ballo. Tutto quanto succede prima di suddetto titolo è riciclo, riproposizione spompata, mascherata di maturità, delle intuizioni sghembe e ficcanti di inizio carriera. Includere in scaletta un'auto-cover della hit del 1994 "I Am Nothing", eseguita in compagnia dello skateboarder Stefan Janoski (che ricambia così alla band, di cui è grande fan, il favore di disegnare con lui un paio di sneaker per la Nike) sembra quasi un'ammissione di completa mancanza di idee.

A fare lo sforzo, invero bello grosso, di trovare qualcosa di interessante (non bello o valevole, ho scritto interessante), due o tre abbozzi di idee da evidenziare sarebbero l'a cappella nevrastenico di "Sleepin' At The Meetin'", il lieto strombazzare di "I'm Not Gonna Cry" e gli arpeggi solenni di "God Bless America". Nella prima canzone del lotto Gordon Gano intona "Please don't sing another chorus/ That's the thing that starts to bore us/ Please don't sing another chorus/ Please don't sing (please don't sing)"; perché abbia dunque deciso di infliggercene altre dodici rimane un mistero.

(28/08/2019)

  • Tracklist
  1. Another Chorus
  2. I Get What I Want
  3. I'm Nothing (feat. Stefan Janoski)
  4. Adam Was a Man
  5. Not OK
  6. Hotel Last Resort (feat. Tom Verlaine)
  7. Everlasting You
  8. It's All Or Nothing
  9. I'm Not Gonna Cry
  10. This Free Ride
  11. Paris To Sleep
  12. Sleepin' At the Meetin'
  13. God Bless America


Violent Femmes su OndaRock
Recensioni

VIOLENT FEMMES

Violent Femmes

(1983 - Slash)
L'esordio delle "femmine violente", uno scossone per la scena underground americana degli 80's

News
Violent Femmes on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.