Nothing

The Great Dismal

2020 (Relapse) | nu-gaze, alt-rock, post-grunge

Si è spezzata l’unione artistica fra Domenic Palermo e Brandon Setta, i due cantanti- chitarristi dalle evidenti origini italiane che da sempre avevano costituito la spina dorsale del progetto Nothing. Dopo aver perso per strada anche il bassista Nick Bassett, oggi la band di Philadelphia poteva rischiare di trasformarsi in qualcosa di molto diverso rispetto a quella che realizzò “Guilty Of Everything”, disco fondamentale per il movimento nu-gaze del nuovo millennio. E invece la scrittura non ne risente affatto, grazie al lavoro di coaching svolto da Palermo (peraltro anche migliorato dal punto di vista vocale), che ha permesso di ben integrare nel gruppo sia il bassista Aaron Heard (già nel precedente “Dance On The Blacktop”) che il nuovo chitarrista Doyle Martin, ex-leader dei Cloakroom.

“The Great Dismal” mantiene così l’estetica dei precedenti album, evitando però di smussare troppo gli angoli - come avvenne negli ultimi due - e promuovendo un felice come back verso il suono complessivamente più crudo degli esordi. Il mix stilistico proposto dal quartetto è ormai collaudatissimo: affonda le radici nelle commoventi chitarre shoegaze ispirate dagli Slowdive sia nell’onirica “A Fabricated Life”, completamente priva di batteria, che nella più “hard” (non è un caso che incidano per la Relapse) “In Blueberry Memories”. Suoni che accolgono le influenze dei My Bloody Valentine, nelle stratificazioni iper-effettate di “Say Less” e “April Ha Ha”, e degli Smashing Pumpkins nel granitico post-grunge della portentosa “Famine Asylum”.

C’è poi molto dei Deftones nella sequenza “Blue Mecca”/ “Just A Story”, in “Catch A Fade” si volge lo sguardo alla capacità dei Cure di fondere goticismi e propensioni “pop”, mentre gli accordi distorti ospitati nell’ultimo minuto della conclusiva “Ask The Rust” sono un omaggio agli stacchi noise prodotti dai Ride ai tempi di “Dreams Burn Down”. E’ un sound imperioso, ricchissimo di pathos, quello di “The Great Dismal”, fortemente ispirato dai suoni degli anni 90, ma con quella scrittura esistenzialista (il perenne timore di cadere, di sprofondare, costituisce un altro punto in comune con la poetica degli Slowdive) che trova il proprio humus nell’isolazionismo da Coronavirus di questi mesi. Un pugno di canzoni che si sposano – inconsapevolmente – alla perfezione con i tempi che stiamo vivendo.

(10/11/2020)

  • Tracklist
  1. A Fabricated Life
  2. Say Less
  3. April Ha Ha
  4. Catch A Fade
  5. Famine Asylum
  6. Bernie Sanders
  7. In Blueberry Memories
  8. Blue Mecca
  9. Just A Story
  10. Ask The Rust








Nothing su OndaRock
Recensioni

NOTHING

Dance On The Blacktop

(2018 - Relapse)
Sempre in bilico fra shoegaze, post-grunge e melodia, ecco il terzo lavoro del quartetto di Philadelphia ..

NOTHING

Tired Of Tomorrow

(2016 - Relapse)
Il secondo, maestoso capitolo dei protagonisti della nuova scena shoegaze mondiale

NOTHING

Guilty Of Everything

(2014 - Relapse)
La storica Relapse Records tiene a battesimo l'esordio della creatura di Domenic Palermo

WHIRR / NOTHING

Split

(2014 - Run For Cover)
Split condiviso con due tracce a testa per le due band cardine del nuovo shoegaze americano

NOTHING

Downward Years To Come

(2012 - A389)

I primi esperimenti nu-shoegaze del quartetto di Philadelphia

News
Live Report
Nothing on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.