Osees

Metamorphosed

2020 (Castle Face) | psych-rock

E dunque rieccoli: dopo alcuni mesi di “anomalo” silenzio discografico, gli Osees si ripresentano con due album a strettissimo giro di posta (qualche settimana) nell'attesa di fare tris con un'ennesima – la terza - uscita prevista entro la fine dell'anno. Una scorpacciata Osees-iana per i tanti fan della formazione della California che, bontà sua, sembra aver separato il repertorio a disposizione persino con un certo qual raziocinio.

Cercando di mettere ordine alla furiosa matassa, infatti, potremmo anzitutto affermare che laddove “Protean Threat” appariva come un album più “aperto” a livello stilistico, con diverse soluzioni abbastanza inedite per il combo guidato da John Dwyer, questo “Metamorphosed” sembra piuttosto voler mostrare i muscoli, ovvero il lato più irruente del progetto, quello che non è disposto a scendere a compromessi di alcun tipo. Peraltro la bizzarria, tra le tante, consiste nel minutaggio delle canzoni: le prime tre non raggiungono mai i due minuti di orologio, le ultime due sono lunghe suite psych-rock che si trasformano in vere e proprie jam session.

A essere sinceri, tuttavia, sono ancora le schegge impazzite a divertirci di più, come nel caso dell'apripista “Saignant” e della successiva “Electric War”, due pezzi schiacciasassi che rivelano il lato heavy di Dwyer e soci. Anche “Weird And Wasted Connection”, dai toni meno truculenti, non manca di intrappolare l'ascoltatore nel suo vortice strumentale. Un titolo come “The Virologist”, del resto, sembra persino collegarsi alla realtà dei nostri giorni: e noi che credevamo gli Osees – o Thee Oh Sees, nella versione più “ortodossa” - completamente distaccati dal mondo reale. Ai 23' di “I Got A Lot” il compito di mostrare il lato più visionario di Dwyer, qui impegnato in una sorta di rito tribale sotto l'effetto di allucinogeni.

In attesa di scoprire quale sorpresa avranno serbato sotto l'albero di Natale, per il momento ci limitiamo a osservare nel precedente “Protean Threat” maggiori motivi di interesse, anche e soprattutto per la capacità dimostrata dai californiani di reinventarsi senza perdere la propria identità a livello stilistico. “Metamorphosed” è invece un altro esercizio heavy-psych di buona levatura, l'ennesimo di una saga tutt'altro che destinata a concludersi in tempi brevi.

(17/11/2020)

  • Tracklist
  1. Saignant
  2. Electric War
  3. Weird and Wasted Connection
  4. The Virologist
  5. I Got a Lot
Bent Arcana su OndaRock
Recensioni

BENT ARCANA

Bent Arcana

(2020 - Castle Face)
Psych-jazz free form per il nuovo esperimento interstellare concepito da John Dwyer degli Oh Sees

OSEES

Protean Threat

(2020 - Castle Face)
Il progetto di John Dwyer allarga gli orizzonti rimanendo uguale a se stesso

OH SEES

Face Stabber

(2019 - Castle Face)
Il torrenziale psych-rock della band californiana in ottanta minuti che confermano un'invidiabile continuità ..

THEE OH SEES

Smote Reverser

(2018 - Castle Face)
Sempre più libera e guizzante, la band di John Dwyer regala un degno successore a "Orc"

OH SEES

Orc

(2017 - Castle Face)
La band californiana perde l'articolo ma non il vizio

OCS

Memory Of A Cut Off Head

(2017 - Castle Face)
Arcadica digressione folk per la bestia di John Dwyer

THEE OH SEES

A Weird Exits

(2016 - Castle Face)
La band californiana prosegue il proprio viaggio, approdando in territori motorik

THEE OH SEES

An Odd Entrances

(2016 - Castle Face)
Il gemello eterozigote di "A Weird Exit", esercizio marginale in consolidamento

THEE OH SEES

Mutilator Defeated At Last

(2015 - Castle Face)
Un nuovo inizio per la band di John Dwyer

THEE OH SEES

Drop

(2014 - Castle Face)
Disco vacanziero per John Dwyer in licenza dai suoi sodali

THEE OH SEES

Floating Coffin

(2013 - Castle Face)
I nuovi villaggi Potëmkin di John Dwyer e della sua ghenga

THEE OH SEES

Putrifiers II

(2012 - In The Red)
La band garage-psych rallenta la produzione con buoni risultati

THEE OH SEES

Carrion Crawler/ The Dream

(2011 - In The Red)
La prova più felice della compagine di John Dwyer, dal nobile revival psych a un nuovo immaginario ..

THEE OH SEES

Castlemania

(2011 - In The Red)
Lo sfarfallante "Sunshine Pop Album" degli Oh Sees, gioiellino incompreso

THEE OH SEES

Warm Slime

(2010 - In The Red)

Follia e seduzione garage nel disco più schizzato della band di San Francisco

THEE OH SEES

Help

(2009 - In The Red)
Disco di consolidamento per la band di San Francisco

THEE OH SEES

Dog Poison

(2009 - Captured Tracks)
L'inquietante e malsano lunapark di un John Dwyer in licenza dai sodali

THEE OH SEES

The Master’s Bedroom Is Worth Spending A Night In

(2008 - Castle Face)
Piccolo cambio di nome, gran cambio di passo per la creatura di John Dwyer

THE OHSEES

The Hounds Of Foggy Notion

(2008 - Castle Face)
Struggente canto del cigno per la band che ritornerà sotto le spoglie di una fenice psych-rock ..

News
Osees on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.