Osees

Protean Threat

2020 (Castle Face) | psych-rock

Casomai qualcuno là fuori si fosse preoccupato del fatto che John Dwyer non avesse ancora timbrato il cartellino (almeno con la sua band principale...) in questo bizzarro anno solare, l'uscita di “Proteant Threat” fa capolino tra la fine dell'estate e l'inizio dell'autunno per rassicurare sugli standard di prolificità del Nostro. Per il resto, è forse superfluo parlare della qualità sonora contenuta nell'ennesimo assalto discografico dei Thee Oh Sees, a loro volta soggetti all'ennesima storpiatura a livello di nome – ma ci siamo abituati pure a questo – e di sound, dal momento che l'imperativo sembra essere “assomigliare a sé stessi, restare uguali mai”. Tutto a posto e niente in ordine, al solito, quando si tratta di recensire una nuova uscita del progetto californiano.
Il punto è proprio questo: il genio e la sregolatezza degli Oh Sees (od Osees, stando alle nuove direttive), somministrate con tale assiduità, rischiano di non fare più notizia. È diventato del tutto normale che producano (almeno) un grande album all'anno, e così quasi finiamo col dimenticarcene, col non tenerli presente quando si tratta di fare bilanci come quelli di fine anno. Non che a loro importi molto, crediamo, ma tant'è.

La verità è che si fa un sacco parlare di psych-rock, ma pochi sono in grado di nobilitare la materia come Dwyer e soci con la stessa efferatezza, ma anche con una perizia così certosina. Nel sound degli Osees si scontrano l'impulso di lasciarsi andare e una malcelata raffinatezza di suoni e di melodie, di generi che trapassano il tessuto psicotico delle canzoni dando loro direzioni via via nuove e inesplorate.
Una volta superata la furia schiacciasassi di “Scramble Suit II”, con una potenza di fuoco di doppia batteria che evoca i Melvins, la faccenda si fa infatti ancora più interessante. La gamma di soluzioni proposte è più ampia del solito, e va dall'incedere rutilante di una “Upbeat Ritual” che sembra voler accendere a lampi il buio della notte agli echi soul-lounge di “Said the Shovel”, una sorta di porta spazio-temporale aperta sugli anni Settanta che in qualche modo fa il paio con le atmosfere pulp di “Red Study”. Lo stesso si può dire del blues mascherato di “If I Had My Way”, per certi versi la cosa che meno ci saremmo aspettati di trovare in questo disco.

“Resistono” episodi più muscolari, come la scheggia punk di “Dreary Nonsense”, la cavalcata quasi-heavy di “Terminal Jape” e quella weird di “Canopnr '74”, e ancora le marcette psych-rock “Mizmuth” e “Toadstool”, a conferire quella sensazione straniante di sentirsi “a casa” nel repertorio di Dwyer.
Va da sé che sia vietato tirare fiato fino all'ultimo respiro, con una “Persuaders Up!” che anzi torna a incalzare a velocità smodate, ma se c'è una morale che possiamo desumere da “Protean Threat” è che Thee Oh Sees non hanno rinunciato alla natura eclettica del loro sound, anzi hanno deciso di accentuarla. Il risultato finale, però, non cambia – e non delude - mai.

(05/10/2020)

  • Tracklist
  1. Scramble Suit II
  2. Dreary Nonsense
  3. Upbeat Ritual
  4. Red Study
  5. Terminal Jape
  6. Wing Run
  7. Said the Shovel
  8. Mizmuth
  9. If I Had My Way
  10. Toadstool
  11. Gong of Catastrophe
  12. Canopnr '74
  13. Persuaders Up!
Bent Arcana su OndaRock
Recensioni

BENT ARCANA

Bent Arcana

(2020 - Castle Face)
Psych-jazz free form per il nuovo esperimento interstellare concepito da John Dwyer degli Oh Sees

OH SEES

Face Stabber

(2019 - Castle Face)
Il torrenziale psych-rock della band californiana in ottanta minuti che confermano un'invidiabile continuità ..

THEE OH SEES

Smote Reverser

(2018 - Castle Face)
Sempre più libera e guizzante, la band di John Dwyer regala un degno successore a "Orc"

OH SEES

Orc

(2017 - Castle Face)
La band californiana perde l'articolo ma non il vizio

OCS

Memory Of A Cut Off Head

(2017 - Castle Face)
Arcadica digressione folk per la bestia di John Dwyer

THEE OH SEES

A Weird Exits

(2016 - Castle Face)
La band californiana prosegue il proprio viaggio, approdando in territori motorik

THEE OH SEES

An Odd Entrances

(2016 - Castle Face)
Il gemello eterozigote di "A Weird Exit", esercizio marginale in consolidamento

THEE OH SEES

Mutilator Defeated At Last

(2015 - Castle Face)
Un nuovo inizio per la band di John Dwyer

THEE OH SEES

Drop

(2014 - Castle Face)
Disco vacanziero per John Dwyer in licenza dai suoi sodali

THEE OH SEES

Floating Coffin

(2013 - Castle Face)
I nuovi villaggi Potëmkin di John Dwyer e della sua ghenga

THEE OH SEES

Putrifiers II

(2012 - In The Red)
La band garage-psych rallenta la produzione con buoni risultati

THEE OH SEES

Carrion Crawler/ The Dream

(2011 - In The Red)
La prova più felice della compagine di John Dwyer, dal nobile revival psych a un nuovo immaginario ..

THEE OH SEES

Castlemania

(2011 - In The Red)
Lo sfarfallante "Sunshine Pop Album" degli Oh Sees, gioiellino incompreso

THEE OH SEES

Warm Slime

(2010 - In The Red)

Follia e seduzione garage nel disco più schizzato della band di San Francisco

THEE OH SEES

Help

(2009 - In The Red)
Disco di consolidamento per la band di San Francisco

THEE OH SEES

Dog Poison

(2009 - Captured Tracks)
L'inquietante e malsano lunapark di un John Dwyer in licenza dai sodali

THEE OH SEES

The Master’s Bedroom Is Worth Spending A Night In

(2008 - Castle Face)
Piccolo cambio di nome, gran cambio di passo per la creatura di John Dwyer

THE OHSEES

The Hounds Of Foggy Notion

(2008 - Castle Face)
Struggente canto del cigno per la band che ritornerà sotto le spoglie di una fenice psych-rock ..

News
Osees on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.