A.A. Williams

Songs From Isolation

2021 (Bella Union) | indie-folk, ambient-pop, post-rock

Le cover sono ormai diventate un classico cliché, specialmente se diffuse online, ma elaborate dalle mani giuste possono ancora possedere un elevato potere comunicativo.
In tal senso, la cantautrice inglese A. A. Williams ha tracciato alcune incursioni nel mondo della rivisitazione musicale, utilizzando il periodo d'isolamento forzato, per personalizzare alcuni capitoli piuttosto famosi e pubblicarli alla spicciolata sulle varie piattaforme social. Tutto questo materiale è stato raccolto in "Songs From Isolation", identificativo decisamente appropriato, sia per l'atmosfera melodica con la quale sono state sviluppate, che per il particolare contesto nel quale sono state concepite.
Le rielaborazioni della Williams sono asciutte e cupe interpretazioni per voce e pianoforte - in un paio di casi anche chitarra - di canzoni estese su tempi d'esecuzione più dilatati, sulla scorta delle metodologie post-rock finemente mostrate nell'ottimo esordio "Forever Blue" gustato lo scorso anno.

La scaletta è composta da un variegato mix di selezioni, che parte da scelte più classiche come "Lovesong" dei Cure, "Where Is My Mind?" dei Pixies, "If You Could Read My Mind" di Gordon Lightfoot, "Creep" dei Radiohead e "Nights in White Satin" dei Moody Blues. Sono presenti anche successi meno convenzionali per un disco di cover, come "Into My Arms" di Nick Cave & The Bad Seeds, "Every Day Is Exactly The Same" dei Nine Inch Nails e "Be Quite And Drive (Far Away)" dei Deftones.
I testi scelti seguono un sistematico fil rouge e si adattano allo stato d'animo del corrente momento storico, che si tratti di tormenti d'amore lontano ("Lovesong"), della noia di vedere ogni giorno uguale all'altro ("Every Day Is Exactly The Same"). Alcune evidenziano chiaramente la fragilità mentale del vivere in isolamento ("Where Is My Mind?", "Creep"), altre accennano a relazioni inevitabilmente fallite ("Nights In White Satin" e "If You Could Read My Mind"), dove l'approccio della Williams è portato a una notevole alterazione della melodia originale, abile nel far apparire i contenuti espressi sotto una luce completamente diversa da quella già nota.

"Porcelina Of The Vast Oceans" è forse la versione più intrigante del progetto, impegnata nel rivedere il brano più ambizioso che gli Smashing Pumpkins inserirono nel seminale "Mellon Collie And The Infinite Sadness", dove i forti contrasti tra le diverse sezioni (quasi prog-rock) sono stati ricodificati in ondivaghe e flemmatiche note di pianoforte, a sostegno del testo criptico che Alex Williams, per mezzo della sua potente vocalità, trattiene molto più a lungo di quanto approntato da Corgan nell'originale, concedendo un peso emotivo e impressionistico molto più accentuato.

In un momento diverso un Lp come "Songs From Isolation" potrebbe rischiare di risultare troppo severo, deprimente e monotono. La Williams ha compiuto un buon lavoro, volto a catturare ogni sensazione peculiare del contesto attuale: una colonna sonora perfetta per fotografare, con cruda e verosimile realtà, l'esperienza comune probabilmente più straniante e prolungata che la maggior parte di noi vivrà.

(27/03/2021)

  • Tracklist
  1. Lovesong
  2. Where Is My Mind?
  3. If You Could Read My Mind
  4. Creep
  5. Nights In White Satin
  6. Be Quiet And Drive (Far Away)
  7. Every Day Is Exactly The Same
  8. Into My Arms
  9. Porcelina Of The Vast Oceans




A.A. Williams su OndaRock
Recensioni

A.A. WILLIAMS

Forever Blue

(2020 - Bella Union)
Il potente esordio di una chanteuse oscura, che farà molta strada e strage di cuori neri

A.A. Williams on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.