Crowded House

Dreamers Are Waiting

2021 (EMI) | pop-rock

Il 2021 segna il ritorno della storica band di origini neozelandesi formatasi a Melbourne, a undici anni da “Intriguer” (Universal, 2010). Dopo la scomparsa del batterista Paul Hester, Neil Finn – recentemente attivo coi Fleetwood Mac – riforma il gruppo nel 2007 senza il fratello Tim e oggi, ancora insieme a Nick Seymour e Mark Hart (Supertramp), lo allarga ai figli Liam e Elroy, in quello che rimane profondamente un “affare di famiglia”.
Prodotto dai Crowded House a Los Angeles, “Dreamers Are Waiting” è un album sorprendente in una carriera pluridecennale, che aveva raggiunto il successo internazionale dall’esordio “Crowded House” (Capitol, 1986) all’irresistibile “Woodface” (Capitol, 1991), con videoclip come “Don’t Dream It’s Over” e “Weather With You” presenti in heavy-rotation su Mtv, fino a ricevere il tributo di musicisti del calibro di Eddie Vedder dei Pearl Jam.

I Crowded House mescolano sapienza e genuinità nello scrivere e nell’arrangiare dodici brani di pop-rock raffinato dalla forte matrice cantautoriale, dodici canzoni briose, moderne e classiche allo stesso tempo, come l’aspirante hit pop “Playing With Fire”. La scaletta è perfettamente equilibrata tra emozioni e toni differenti, dalla riflessione agrodolce di “Bad Times Good” allo slancio vitale di “Whatever You Want”, dalle sfumature soul di “Show me The Way” a quelle Americana di “Goodnight Everyone” e bluegrass di “Start Of Something”.
Spiccano “Love Isn’t Hard At All” e la finale “Deeper Down”, con cui la band immortala una versione aggiornata del songwriting dei Beatles firmata Crowded House, un’influenza costante nella loro musica. Non mancano riferimenti ad altri capisaldi della storia del pop-rock, echi lontani e omaggi accennati a Beach Boys, Pink Floyd (“Playing With Fire”), Rolling Stones (“Sweet Tooth”) e Prince (“Whatever You Wants”).

Multiforme e curato, soprattutto nei cori e nell’arrangiamento strumentale, “Dreamers Are Waiting” mette a nudo il sognatore Neil e coloro che hanno deciso di proseguire questo percorso imprevedibile con lui, attraversati da tensioni e malinconie da trasformare in una forma canzone da ripetersi mai uguale a se stessa.

Like any flower on earth
From the moment of my birth
My desire is to open up
Hold me
Love me

(08/08/2021)

  • Tracklist
  1. Bad Times Good
  2. Playing with Fire
  3. To the Island
  4. Sweet Tooth
  5. Whatever You Want
  6. Show Me the Way
  7. Goodnight Everyone
  8. Too Good for This World
  9. Start of Something
  10. Real Life Woman
  11. Love Isn't Hard at All
  12. Deeper Down
Crowded House su OndaRock
Recensioni

CROWDED HOUSE

Intriguer

(2010 - Universal)
Neil Finn e compagni nel bel mezzo di una crisi creativa di mezza età

Crowded House on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.