Justin Bieber

Justice

2021 (Def Jam) | pop

S'è fatto un gran parlare di salute mentale nel mondo del pop in tempi recenti: la complessa situazione di Britney Spears, l'overdose di Demi Lovato, le fragilità psichiche di Dan Reynolds e dell'ex-Destiny's Child Michelle Williams, per tacere ovviamente di casi finiti in tragedia come Chris Cornell, Chester Bennington e la stella del k-pop Jonghyun.
Impossibile lasciare fuori dalla conversazione anche Justin Bieber e il suo spaccato di vita, ma in questo caso almeno l'aiuto della fede e della moglie gli sta assicurando una ritrovata sobrietà e il messaggio non potrebbe essere più chiaro. Certo, non è immediatamente facile stabilire se "Justice" sia un tentativo da parte dell'autore di scappare dall'opprimente telenovela della propria vita, oppure un altro capitolo furbescamente voluto dal suo management per mettere tutti a tacere. Ma una cosa è certa: dopo l'ormai ampiamente dimenticato passo falso di "Changes" appena un anno fa, Bieber non ha perso un solo minuto di pandemia e il suo nuovo album arriva impacchetato fino all'orlo di confessioni e buoni propositi in forma di strofe, ritornelli e slanci produttivi. In un certo senso, "Justice" è piuttosto il seguito di "Purpose".

Certamente, oggi come allora, le sottigliezze non sono mai state il punto focale dell'opera: qui troviamo tre singoli che inscenano altrettante storie di universale dramma umano nel tentativo di abbracciare il pubblico durante un anno particolarmente difficoltoso. ll risultato varia a seconda di come vi posizionate di fronte a tali escamotage narrativi, ma Bieber evita comunque di mettersi in prima persona e fa piuttosto da narratore; eccolo sul morbido blues elettronico di "Holy" a inneggiare alla fede tramite una serie di cori gospel, mentre il videoclip racconta la storia di una coppia disoccupata e finita in strada, con tanto di finale alla Giuseppe e Maria prima dell'arrivo di un Re Magio in tuta militare - ficcante ai limiti del comico la presenza di un Chance The Rapper ormai più meme che rapper.
Nella palleggiante tensione di "Hold On", giocata su giro melodico reminescente del "Somebody That I Used To Know" di Gotye, troviamo l'autore intento a rapinare una banca pur di aiutare la propria fidanzata malata terminale e senza assicurazione sanitaria. Conclude il terzetto il soffice pop elettronico di "Anyone", storia stavolta a lieto fine di un pugile che affronta la sfida decisiva della propria carriera.

Certo, c'erano brani migliori da lanciare come singolo; "Deserve You" arriva corredata da una roboante batteria alla Phil Collins, mentre "Somebody" e "Ghost" sono puro Weeknd - la prima per una soffusa base anni 80, la seconda più per l'enfasi melodica. Fa specie "Die For You", altra efficace confettura segnata da una ritmica che cambia di stile con ogni segmento senza mai zoppicare - a tratti sembra di sentire una fusione tra Neon Indian e Supergrass.
Non solo, Justin torna indietro al fenomeno tropical house da lui stesso portato al successo ormai cinque anni fa: sia "Peaches" che "Love You Different" suonano come brezze marine e donano un necessario tocco di spensieratezza. Meno convincente magari la troppo ripetitiva "Loved By You", con la presenza di un Burna Boy davvero invisibile. Il motivetto radiofonico di "As I Am" potrebbe essere una vecchia canzone di quando Justin era ancora bambino e può sfiorare l'irritante, ma i pastosi cori a cura di Khalid e le coltri di tastiera di contorno donano al pezzo una certa sostanza.

Con amore, fede, una nuova calma casalinga e la moglie Hailey sempre a suo fianco, Justin si concede pure qualche nuda ballata; accompagnata da un semplicissimo giro di chitarra acustica a richiamare vecchie collaborazioni con Ed Sheeran, "Off My Face" è un inno alla ritrovata sobrietà dopo anni di alcol e pillole, quel suo timbro vocale così sottile e dolciastro adesso suona particolarmente calzante. Le morbidissime partiture di "Unstable", invece, fanno da sfondo a un'interpretazione inusitatamente rauca e sentita.
Ma il colpo basso Justin lo riserva a fondo scaletta con un momento che fa ingoiare tutte le cattiverie mai dette nei suoi confronti: su uno scheletrico accenno di piano, "Lonely" è la canzone che non vorresti mai dover affrontare, lo scomodo punto di vista di un ragazzo che è sopravvissuto per raccontare il proprio lato della faccenda con disarmante semplicità, al punto che le dinamiche personali presto assumono un taglio più trasversale:
E se avessi tutto
Ma nessuno da chiamare?
Forse allora mi conosceresti
Perché ho avuto tutto
Ma nessuno sta ascoltando
Ed è tutto così fottutamente solitario
Sono solo, solo...
C'era magari bisogno d'infilare un paio di spezzoni parlati di Martin Luther King Jr in mezzo a un disco del genere? Assolutamente no, ma evidentemente era necessario timbrare il cartellino delle politiche da prima pagina - scelta ruffiana da perfetto brand americano, ma diciamocelo francamente: se credevate di trovare in "Justice" una risposta a chissà quale problema sociale, siete o pazzi oppure talmente succubi della cultura della celebrità da confondere il ruolo di una popstar con quello di un organo governativo. Sarebbe bello se anche la Def Jam ne prendesse atto.

Se però guardiamo alla riuscita complessiva di un album di pop da streaming, messo in piedi con cura e - stavolta - con più di qualche onesto spiraglio nella vita fuori dai canoni di un personaggio come Justin Bieber, allora "Justice" indubbiamente riesce nell'impresa. La sua recentissima puntatina al Tiny Desk sembra renderci indietro l'immagine di un autore a proprio agio nel ruolo di musicista prima ancora che di popstar, e al netto di ogni considerazione sul suo talvolta carente senso del buon gusto, la cosa fa sinceramente piacere.

(25/03/2021)

  • Tracklist
  1. 2 Much
  2. Deserve You
  3. As I Am feat. Khalid
  4. Off My Face
  5. Holy feat. Chance The Rapper
  6. Unstable feat. The Kid Laroy
  7. MLK Interlude
  8. Die For You feat. Dominic Fike
  9. Hold On
  10. Somebody
  11. Ghost
  12. Peaches feat. Daniel Caesar, Giveon
  13. Love You Different feat. Beam
  14. Loved By You feat. Burna Boy
  15. Anyone
  16. Lobely feat. Benny Blanco






Justin Bieber su OndaRock
Recensioni

JUSTIN BIEBER

Changes

(2020 - Def Jam)
L'agognata normalità del giovane Divo si risolve in un umbratile disco di soffici chiaroscuri ..

JUSTIN BIEBER

Purpose

(2015 - Def Jam)
Muscoletti, tatuaggi e qualche pelo: la più fastidiosa teen star del nuovo millennio alla ricerca ..

Justin Bieber on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.