Parcels

Day/Night

2021 (Because) | nu-disco, dance pop

Il debutto omonimo dei Parcels fu una delle sorprese più divertenti del 2018. Un album nu-disco tanto sofisticato quanto godibile, ben suonato quanto sbarazzino. Formalmente impeccabile, ma mai serioso. Una ventata d'aria fresca che soffiava dalla natìa Byron Bay (Australia) alla danzereccia Berlino (dove i cinque musicisti vivono in pianta stabile), passando per la Parigi della label Kitsuné.
La produzione dei Daft Punk del formidabile singolo "Tieduprightnow" ha garantito al disco una decisa spinta commerciale e di notorietà. I Nostri sono anche decisamente scenografici, il che - unito a qualità tecniche notevoli, nelle armonizzazioni vocali quanto nelle parti strumentali - aveva fatto del tour collaterale al lancio del disco un ulteriore successo. Di succitata classe ne è prova tangibile il "Live Vol. 1", registrato nientemeno che agli Hansa Tonstudio di Berlino e disponibile per intero sul tubo.

Gli australiani hanno risposto alle aspettative generate da queste premesse senza alcun timore, raddoppiando invece le ambizioni. Ci troviamo dunque al cospetto di un sophomore imponente, doppio non solo nel titolo e nella durata, ma anche nelle intenzioni. Con un lato dedicato al giorno e uno alla notte, entrambi liricamente votati all'esplorazione della dualità. Quello che ci teniamo dentro e quello che lasciamo trasparire, quello che siamo e come veniamo percepiti, e così via.
Lo scarto stilistico con "Parcels" è notevole. Rimangono la propensione per melodie scattanti e briose guidate da chitarre disco e basso recalcitrante, ma i toni sono più solenni, eleganti, talvolta addirittura oscuri. In luogo delle tastiere che inebriavano il primo disco, troviamo un pianoforte poderoso e ben in chiaro (il ruolo giocato dallo strumento in "Nerveloved" è incredibile).
L'apporto di Owen Pallett agli archi è poi prezioso nell'amalgamare i brani gli uni agli altri, fornendo eleganti intermezzi, e nel conferire cinematografia a molti episodi della ricca tracklist.

Il fil rouge che unisce i due album è un nuovo, micidiale singolo, "Somethinggreater". Una traccia groovy e canticchiabile, ma al contempo striata da toni melò e volutamente emozionante. Per il resto ascoltiamo una band rinnovata, consapevole dei propri mezzi e qualche volta (ma mai tanto da inficiare la riuscita dell'opera) un pelo ingessata.
Il lento ingresso del disco è una "LIGHT" altamente cinematografica, che potrebbe fungere da perfetta colonna sonora per un film ambientato negli sfavillanti anni 70 di discoteche e camicie dai colli profondi ed esagerati. Gli archi di Pallett riscaldano l'atmosfera, la chitarra di Jules Crommelin è ammiccante, sensuale nelle sue languide giravolte. La ritmica è in controluce, ma si insinua nelle anche. Segue una "Free" giuliva e svolazzante, con delle armonizzazioni vocali celestiali e da fischiettare a memoria saltellando tra le foglie gialle e cadenti di questo autunno e tanti altri.

Pur condensando gran parte dei suoi momenti upbeat nella prima parte, anche nella seconda "Day/Night" serba una "mina" danzereccia: è la scatenata "LordHenry" a fare la voce grossa, con il basso di Noah Hill a menare mazzate tra un coretto catchy e l'altro. Per il resto ascoltiamo una seconda facciata cupa e programmaticamente notturna, dove la fanno da padrone una "Thefear" dominata da sintetizzatori al neon e archi drammatici e una "Once" dal dimesso sapore folk.

Ancora giovanissimi, i cinque australiani si presentarono con un disco esaltante ed immediato. Con questo "Day/Night" si sono cimentati invece in un'operazione più sobria, influenzata anche dalle tragedie del Covid e dei roghi in patria. Un disco che non solo conferma tutto quanto potevamo auspicare e quanto i ragazzi abbiano ben gestito il successo, ma che apre un mondo di possibilità per il futuro.

(01/11/2021)

  • Tracklist
Disc 1

  1. Light
  2. Free
  3. Comingback
  4. Theworstthing
  5. Inthecity (Interlude)
  6. NowIcaresomemore
  7. Somethinggreater
  8. Daywalk
  9. Outside

Disc 2

  1. Shadow
  2. Neverloved
  3. Famous
  4. Icallthishome
  5. LordHenry
  6. Thefear
  7. Nightwalk
  8. Reflex
  9. Once
  10. Inside

Disc 3

  1. Free (Single Version)
  2. Comingback (Single Version)
  3. Somethinggreater (Single Version)
  4. Famous (Single Version)


Parcels su OndaRock
Recensioni

PARCELS

Parcels

(2018 - Kitsunč)
Mescolando funk, french touch e i tramonti australiani di fine estate, i Parcels hanno confezionato uno ..

Parcels on web