Holy Family

The Holy Family

2021 (Rocket Recordings) | psych-rock, kraut-rock, experimental

Un'odissea surreale verso dimensioni sconosciute, l'omonimo album di debutto degli inglesi Holy Family si estende attraverso tredici tracce ricche di intrighi e peripezie, un intrepido viaggio tra psichedelia, kraut-rock, progressive e sperimentazioni varie, che trae spunto dai canoni poliritmici dei This Heat, passando dai corrieri cosmici ai baluardi allegorici di Robert Wyatt, approdando alle dilatazioni messe in campo dai Talk Talk nel loro secondo tempo e alle spy-story delle colonne sonore di Lalo Schifrin. Tutte queste escursioni stilistiche sono sposate con implacabile logica, fuse in un’unica visione caleidoscopica, alla ricerca di una verità universale più vasta.

David J. Smith (Stargazer’s Assistant e Guapo) è il capo architetto di quest’estrosa sala di specchi. L'estetica del progetto si è sviluppata partendo da audaci improvvisazioni, poi perfezionate durante sessioni di registrazione che hanno coinvolto lo stesso Smith e tutte le sue coorti: Kavus Torabi (Gong, Moonsoon Bassoon), Michael J. York  (Coil), Emmett Elvin, Sam Warren e il tecnico/mixer Antti Uuismaki. L'ispirazione lirica ed estetica del lavoro è alimentata sia dal magico realismo di Angela Carter (il cui famigerato cortometraggio del 1991 ha dato anche l’ispirazione al nome di band e album) che dall'arte surrealista della poetessa, pittrice e scrittrice statunitense Dorothea Tanning.

Musicalmente non è stato posto alcun freno inibitorio alle elaborazioni, come dimostrato dall'impressionistica opener "I Have Seen The Lion Walking", perfetta testimonianza dello stato di trance metafisica che plasma l’intera scaletta.
Le cadenze più inquietanti prendono slancio in "Skulls The....”, dalla quale fa capolino l’Eno dell’epoca “Another Green World”. Il percorso tortuoso include atmosfere di forte drammaticità, che favoriscono la confluenza verso un arco narrativo intriso di colpi di scena: dalle profondità tribali di “Inner Edge Of Outer Mind” a quelle più magnetiche di “See, Hear, Smell, Taste”, per transitare al glorioso hypno-groove di “A New Euphoria” e al sound più oscuro di “St. Anthony's Fire”.
Lo strumentale suddiviso in due parti “Chasm” si ritaglia le attenzioni cardine con sensazionali e rarefatte trame che personalizzano storici stilemi quali lo zeuhl dei Magma, la religiosità onirica dei Popol Vuh e l’alieno esoterismo della Third Ear Band.

Mistico e carico d’energia primordiale, “The Holy Family” è il classico prodotto per chi adora le sperimentazioni chimeriche cangianti nella forma e nella struttura, quelle che ad ogni ascolto si presentano infinite rivelatrici di nuove e inattese presenze. Sali a bordo, non vorrai essere lasciato indietro.

(02/08/2021)

  • Tracklist
  1. I Have Seen The Lion Walking
  2. Skulls The ....
  3. Inward Turning Suns
  4. Stones To Water
  5. Desert Night
  6. Wrapped In Dust
  7. World You Are Coming To
  8. Inner Edge Of Outer Mind
  9. A New Euphoria
  10. See,Hear,Smell,Taste
  11. St. Anthony's Fire
  12. Chasm First Part
  13. Chasm Second Part




Holy Family on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.