Belle & Sebastian

Late Developers

2023 (Matador) | indie-pop

A circa otto mesi di distanza da "A Bit Of Previous" i Belle and Sebastian recapitano senza preavviso altre undici cartoline dalle stesse sessioni che avevano dato la luce all'album del 2022. Giocando con le parole - previous/late - e con la tinta su cui, come da tradizione, viene virata la copertina - dal seppia del predecessore a un azzurro che evoca i mitici esordi di "Tigermilk" - Stuart Murdoch e soci ribadiscono sostanzialmente quanto già era emerso, appunto, con quello che è ormai considerabile come l'album-gemello.

Il meglio, programmaticamente, viene riservato per le prime battute del disco, con una "Juliet Naked" che prova a vestire i panni di nuovo classico nel repertorio dei glasvegiani, con ogni probabilità riuscendoci: una ballata quasi-epica per chitarre nervose e linee vocali accorate, uno di quei quadretti luccicanti che alla formazione scozzese escono sempre a meraviglia. Lo standard viene riproposto con risultati comunque soddisfacenti nelle varie "When We Were Very Young", "Will I Tell You A Secret" (una sorta di filastrocca in chiave indie-pop), "When The Cynics Stare Back From The Wall" (con ospite Tracyanne Campbell dei Camera Obscura) e "Late Developers", quest'ultima maggiormente orchestrata e innestata su ritmiche più latino-americane che nordiche.

Fin qui tutto bene, e stiamo parlando di una parte tutto sommato consistente del repertorio, ma è quando i Belle and Sebastian si spingono al largo rispetto ai lidi natii che ancora una volta la loro formula mostra la corda. Se l'uptempo "Give A Little Time", fin troppo leggero, rappresenta ormai un altro must della formazione di Glasgow, di difficile digestione appaiono numeri quali il pop patinato di "The Evening Star" e, soprattutto, l'ennesimo sconfinamento in territori pseudo-dance con "I Don't Know What You See In Me", con il suo entusiasmo quasi posticcio che però avrà sicuramente un senso differente in chiave live.

Al netto di pregi e difetti, comunque un'opera che appare leggermente più ispirata rispetto a quella coeva dello scorso anno.

(14/01/2023)

  • Tracklist
  1. Juliet Naked
  2. Give A Little Time
  3. When We Were Very Young
  4. Will I Tell You A Secret
  5. So In The Moment
  6. The Evening Star
  7. When You're Not With Me
  8. I Don't Know What You See In Me
  9. Do You Follow
  10. When The Cynics Stare Back From The Wall
  11. Late Developers


Belle and Sebastian su OndaRock
Recensioni

BELLE AND SEBASTIAN

A Bit Of Previous

(2022 - Matador)
Gli scozzesi tornano con 12 brani che perdono ogni velleità rock e accentuano il dosaggio di synth-pop ..

BELLE AND SEBASTIAN

What To Look For In Summer

(2020 - Domino)
Nell'anno senza concerti gli scozzesi stampano una corposa raccolta di brani dall'ultimo tour

BELLE AND SEBASTIAN

Days Of The Bagnold Summer OST

(2019 - Matador)
Il ritorno alle origini della formazione scozzese, nel disco più ispirato dell'ultimo decennio ..

BELLE AND SEBASTIAN

How To Solve Our Human Problems (Parts 1-3)

(2018 - Matador)
Un nuovo trittico di Ep per la formazione scozzese, tra istanze passate e presenti

BELLE AND SEBASTIAN

Girls In Peacetime Want To Dance

(2015 - Matador)
Gli scozzesi alla prova della svolta electro

BELLE AND SEBASTIAN

The Third Eye Centre

(2013 - Rough Trade)
Una collezione di b-side e remix per ripercorrere gli ultimi dieci anni di carriera degli scozzesi

BELLE AND SEBASTIAN

Write About Love

(2010 - Rough Trade)

Il "periodo rosa" dei Belle And Sebastian, tra romanticismo e ammiccamenti soft

BELLE AND SEBASTIAN

The BBC Sessions

(2008 - Jeepster / Matador)

Un tuffo dal sapore nostalgico nei classici del gruppo scozzese

BELLE AND SEBASTIAN

The Life Pursuit

(2006 - Rough Trade)
Nella nuova veste la band scozzese rischia di smarrire la bussola

BELLE AND SEBASTIAN

Storytelling

(2002 - Jeepster)

BELLE AND SEBASTIAN

If You're Feeling Sinister

(1996 - Jeepster)
Le meraviglie melodiche di Stuart Murdoch & c. in un classico del pop anni 90

News
Live Report
Belle & Sebastian sul web