U2

Songs Of Surrender

2023 (Island Records / Universal)
pop-rock, acoustic-rock, folk-pop

Spesso, la pubblicazione di greatest hits ha come obiettivo principale quello di tracciare una linea, una sorta di sommatoria sul percorso compiuto fino a quel momento. Le motivazioni che spingono a proposte di questo tipo sono numerose: il rispetto di sontuosi contratti discografici, il venir meno di quella vena artistica che ha contraddistinto la costruzione del proprio repertorio, la condivisione multidisciplinare delle opere con altre forme artistiche o più semplicemente la sacrosanta voglia di donare ad alcune vecchie composizioni una veste diversa.
Con la presentazione del progetto "Songs Of Surrender", gli U2 toccano un po' tutte queste casistiche. La formazione dublinese attinge appieno nella dorata discografia che ha sfornato, nel corso dell'ultra-quarantennale carriera, autentiche gemme di oggettiva bellezza e importanza.

La profonda rilettura compiuta nei quaranta brani che compongono questa mastodontica collezione suddivisa in quattro dischi, ognuno dei quali denominato, a titolo rappresentativo, con il nome di un componente della band, ha regalato a motivi perlopiù storici un nuovo sound, più intimo e scevro da tutte le peculiari ossature che si erano rese protagoniste delle versioni originali. Solitamente i nostalgici della prima ora tendono a storcere il naso di fronte a operazioni di questo tipo.
I nuovi arrangiamenti, curati in prima persona da The Edge, con la collaborazione di Bob Ezrin, posseggono caratteristiche che forniscono, nella maggior parte dei casi, nuove chiavi di lettura a pezzi consegnati ai posteri con attributi differenti.
Lo stesso chitarrista ha dichiarato che il progetto "Songs Of Surrender" è partito con il chiaro obiettivo di analizzare il risultato finale ottenuto sulle canzoni trattate, a seguito dell'eliminazione di ogni elemento considerato strutturalmente prescindibile.
I più addentro alle vicissitudini di Bono & C. avranno certamente notato il forte legame identificativo che collega il titolo di questa raccolta con il libro intitolato "Surrender: 40 canzoni, una storia", tomo che lo stesso frontman aveva pubblicato lo scorso novembre ripercorrendo la saga della band proprio lungo quaranta brani, non esattamente gli stessi di questa raccolta, approfondendo in particolar modo questioni filosofiche, religiose e politiche.
Lo stesso Bono, in queste nuove riproposizioni, pilota il proprio ruolo con un diverso piglio interpretativo, più consono alle garbate atmosfere imposte dagli arrangiamenti.

Com'è ovvio che sia, alcuni episodi sono apparsi, già in sede di prima indagine, meglio predisposti all'obiettivo e non hanno avuto necessità di importanti stravolgimenti stilistici: hit come "One", "With Or Without You", "All I Want Is You", "I Still Haven't Found What I'm Looking For", "Stuck In A Moment You Can't Get Out Of" e "Peace On Earth" conservano, anche in questo frangente, quella presa empatica e magnetica già sprigionata nei raffinati mix originali, anche se il risultato finale appare alquanto trascurabile.
Sono situazioni come "Pride", cantata e suonata quasi come se ci si trovasse attorno a un falò, "Vertigo", "Electrical Storm", la dolente "Sunday Bloody Sunday", le folkeggianti "I Will Follow" e "Desire", persino "The Fly", con il suo emblematico messaggio scagliato verso imperituri e boriosi saputelli, che volano ad accaparrarsi stilla d'inedita percezione.
Un discorso a parte merita "Walk On", per l'occasione accompagnata dal sottotitolo "Ukraine", già presentata dagli U2 in questa nuova versione e con testo appositamente modificato (non l'unico brano della tracklist ad aver ricevuto questo tipo di variazione) per sostenere la campagna "Stand Up For Ukraine" di Global Citizen, una raccolta fondi per il popolo martoriato dalla guerra, che lo scorso anno aveva coinvolto numerosi artisti di fama.

"Songs Of Surrender" nulla toglie (ed è già una notizia positiva) e nulla aggiunge alla bacheca degli U2. Dopo più di quarant'anni di storia e di soddisfazioni planetarie, sia di critica che di pubblico, il quesito che ci si pone è se sia meglio gustare delle evergreen spogliate e rivestite con abiti differenti, in grado di riportare, con una diversa chiave di lettura, la mente a tempi passati o presentare delle insignificanti proposte inedite che corrono l'alto rischio di scalfire quanto di prestigioso si è costruito anteriormente (senza andare troppo lontano, basti pensare ai due loro album d'inediti più recenti).
Detto ciò, è assai probabile che questo pur rispettabile progetto vada ben presto a posizionarsi in un antro dimenticato dello scaffale che i fan hanno riservato alla discografia degli U2, tra quei dischi che difficilmente potranno essere riesumati fra qualche anno, in luogo di quelli che, al contrario, hanno scritto pagine indelebili del pop-rock mondiale e che periodicamente si sente la voglia di tirare fuori e rimettere sul piatto, nella loro forma originale, volumi che, chissà come mai, di polvere posizionata sulla costa del supporto ne posseggono davvero poca.

19/03/2023

Tracklist

  1. One
  2. Where The Streets Have No Name
  3. Stories For Boys
  4. 11 O'Clock Tick Tock
  5. Out Of Control
  6. Beautiful Day
  7. Bad
  8. Every Breaking Wave
  9. Walk On (Ukraine)
  10. Pride (In The Name Of Love)
  11. Who's Gonna Ride Your Wild Horses
  12. Get Out Of Your Own Way
  13. Stuck In A Moment You Can't Get Out Of
  14. Red Hill Mining Town
  15. Ordinary Love
  16. Sometimes You Can't Make It On Your Own
  17. Invisible
  18. Dirty Day
  19. The Miracle (Of Joey Ramone)
  20. City Of Blinding Lights
  21. Vertigo
  22. I Still Haven't Found What I'm Looking For
  23. Electrical Storm
  24. The Fly
  25. If God Will Send His Angels
  26. Desire
  27. Until The End Of The World
  28. Song For Someone
  29. All I Want Is You
  30. Peace On Earth
  31. With Or Without You
  32. Stay (Faraway, So Close!)
  33. Sunday Bloody Sunday
  34. Lights Of Home
  35. Cedarwood Road
  36. I Will Follow
  37. Two Hearts Beat As One
  38. Miracle Drug
  39. The Little Things That Give You Away
  40. "40"
Bono
speciali

Bono - Surrender - 40 canzoni, una storia

La storia di Bono Vox, leader degli U2 e attivista per i diritti umani, raccontata attraverso 40 capitoli con i titoli di altrettanti brani

U2
speciali

U2 - Trent'anni fa lo Zooropa Tour italiano

Rinominato “Zooropa” come il loro ottavo album in studio, il Grand Tour degli U2 compie 30 anni. Ripercorriamo la sua capillare campagna italiana, la più lunga di sempre

U2
speciali

U2 - Da "Boy" a "Under A Blood Red Sky": i primi passi di Bono & C. (1980-1983)

Alle radici della storia della band irlandese: la prima trilogia di album a firma U2, suggellata poi dall'epico live di Red Rocks

Dietro le tracce - Storie di produttori
speciali

Dietro le tracce - Storie di produttori - Brian Eno, Daniel Lanois - "The Joshua Tree" (U2)

Ritorna l'appuntamento con la storia dei produttori e dei dischi più importanti. Nel quarto episodio scopriamo il lavoro di Brian Eno e di Daniel Lanois per "The Joshua Tree" degli U2

U2
speciali

U2 - Lato A, lato B & C.

Un viaggio nella discografia della band irlandese, attraverso le hit storiche e una serie di gemme nascoste - B-side, outtake e rarità - che spesso hanno rappresentato dei vertici della loro produzione. Ascolta online

U2
speciali

U2 - The Unforgettable Fire

Torna la nostra rubrica in collaborazione con Rockstar all'insegna degli U2 e del loro classico del 1984, raccontato da Giampiero Vigorito

OndaTop
speciali

OndaTop - Un "anti best of" degli U2

L'altro lato degli U2 in una raccolta commentata di 20 B-side, outtake e chicche varie, nascoste tra i solchi della loro discografia

U2
livereport

U2 - La band irlandese strega l'Olimpico

L'esibizione degli U2 davanti ai 70.000 dello stadio Olimpico di Roma

U2
livereport

U2 - Bono & C. alla conquista di Torino

Il racconto della seconda serata della band irlandese al Pala AlpiTour di Torino. Un concerto che è insieme un concept-show e un viaggio a ritroso

U2
livereport

U2 - Ritorno all'ombra del Joshua Tree

Il trionfale ritorno a Roma di Bono e compagni, per celebrare il trentennale di "The Joshua Tree"